Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dall'incertezza alla realtà. L'inserimento lavorativo delle persone disabili

La tesi si incentra sui diritti delle persone con disabilità di poter avere un inserimento lavorativo a tutti gli effetti avendo gli stessi diritti dei normodotati.
La tesi ha uno sfondo psicologico, completato da un livello di norme giuridiche che assicurano la possibilità dell'inserimento al lavoro.
è presente anche un capitolo in cui è relazionata la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, incentrato sempre sull'inserimento lavorativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 3 Introduzione “ Lavorare è, per ogni persona, un diritto-dovere che assume un valore fondamentale non soltanto dal punto di vista prettamente economico e remunerativo, ma anche per le sue implicazioni sociali e psicologiche, con impatto determinante sulla qualità della vita. Se le considerazioni di cui sopra valgono per la maggior parte delle persone, è chiaro come anche (e soprattutto) per le persone con disabilità […] Un efficace inserimento lavorativo può essere importantissimo per le persone con disabilità per accrescere il proprio senso di autoefficacia, autostima ed autorealizzazione…ed al tempo stesso rappresenta sicuramente uno dei passaggi fondamentali e centrali nel processo di inclusione sociale.” 1 . Parlare di diritto al lavoro, attualmente, può sembrare strano, ma è pur sempre una realtà, una realtà che però viene spesso attribuita solo ai raccomandati, ai “figli di papà”, mentre invece è una realtà che spetta a tutti, anche alle persone diversamente abili. Il lavoro è la motivazione per cui si studia per anni, lo scopo di una vita perché porta all’indipendenza economica, al poter possedere una casa, creare una famiglia, ma, per molti, non è solo un fine, può significare la vita stessa. Questo è ciò che spiega l’affermazione sopra riportata: lavorare, per una persona con diversabilità, significa non soltanto diventare indipendente, ma, soprattutto, riconoscersi come persona attiva nel suo ruolo sociale. Il lavoro è dunque una tappa importante per tutti e, soprattutto, per queste persone speciali, che hanno una disabilità. Ma è così semplice trovare un posto di lavoro per chi è disabile? La risposta affermativa sarebbe facilmente accettabile, visto le leggi che esistono a favore dell’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, ma a questa risposta sorgono altre domande: queste leggi vengono effettivamente rispettate? E se si da chi e in che modo? 1 Anffas onlus e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, “Manuale Facilitato”: cosa dice la Convenzione, a che punto siamo in Italia, le proposte selle nostre famiglie, Roma, Anffas onlus, 2009, pp. 70-71

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Erica Rampino Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7258 click dal 19/04/2013.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.