Skip to content

Potere e differenze di genere: teorie sociologiche e aspetti del processo di ''empowerment''

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Cappelletti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Vincenzo Cesareo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

Parlare di “potere” significa parlare di uno dei concetti più trattati ed analizzati non solo dalla sociologia, ma anche dalla storia e dalla filosofia. Sebbene in questa tesi il punto di osservazione scelto per analizzare il potere sia stato squisitamente sociologico, si è, tuttavia, tenuto conto, entro i limiti del possibile, anche di altri contributi non strettamente legati alla sociologia, ma ugualmente preziosi ai fini di questo lavoro.
La teoria tradizionale del potere - da Machiavelli a Parsons - ha concepito il potere come una sorta di bene materiale che può essere acquisito in proprietà o può andare perduto, ovvero di un attributo di cui dispone stabilmente un soggetto, un gruppo o una classe sociale.
E lo ha inteso anche, secondo quello che Luhmann (1979) ha definito sarcasticamente un “pregiudizio causale”, come una causa specifica di effetti specifici, per lo più nella forma della capacità di un soggetto di costringere un altro a compiere determinate azioni concrete, che spontaneamente non sceglierebbe di fare. La nozione che si è dunque affermata, secondo questa tendenza classica, è quella di identificare il concetto di potere con quello di forza fisica o di dominio, che suppongono la stabile e totale subordinazione di una parte della società ad un’altra e a connettere l’idea del potere con quella del conflitto sociale, ignorando le forme di esercizio consensuale del potere (come nel caso del potere fondato sulla competenza).
Tuttavia i rapidi cambiamenti a cui è andata incontro la moderna società industriale e il grado elevato di complessità da essa raggiunto, hanno imposto un progressivo spostamento da un modo di intendere il potere come sostanza (ossia come qualcosa che si possiede e di cui si dispone) a concezioni relazionali. In questa tesi tuttavia il ripercorrere alcune tappe fondamentali del pensiero sociologico è stato di vitale importanza perché ha fornito la “pietra di paragone” necessaria per affrontare il complesso orizzonte contemporaneo; come ha ben sottolineato Laura Bovone (1988, p.7) “è del resto la via - quella del ritorno sui passi dei padri fondatori - che si impone nei momenti di più elevata frammentarietà dell'orizzonte teorico, connotati più da polemiche che da effettive supremazie culturali”.
Nelle società complesse il potere si presenta come un fenomeno relazionale e riflessivo e non come un fenomeno causale e transitivo; la concezione causale infatti ha supposto che il potere si sviluppasse esclusivamente in forme gerarchiche, mentre la caratteristica principale del potere “moderno” è quella di non poter essere pensato se non all’interno di una relazione in cui siano coinvolti attori diversi. Giddens (1990), ad esempio, ha formulato a questo proposito un’importante distinzione fra potere basato su “risorse allocative” (di natura materiale ed economica) e potere fondato su “risorse autoritative” (che fanno riferimento all’universo simbolico e culturale).
I rapidi mutamenti sociali che si sono verificati nella società moderna hanno portato a profonde trasformazioni familiari, di struttura, di spazio, di temporalità, di funzioni e anche di rapporti di potere. Sotto l’impulso del movimento femminista che per primo ha sentito la necessità di evidenziare come esistesse una effettiva disuguaglianza di potere fra i sessi, si è sviluppata a partire dagli anni Settanta una branca della sociologia che ha cominciato ad indagare la realtà sociale puntando l’attenzione sul ruolo dei generi sessuali nella stratificazione, nei mutamenti sociali e nei rapporti di potere. L’introduzione del gender in sociologia ha certamente costituito una svolta storica, un arricchimento e un punto di osservazione più vicino alla realtà attuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Parlare di “potere” significa parlare di uno dei concetti più trattati ed analizzati non solo dalla sociologia, ma anche dalla storia e dalla filosofia. Sebbene in questa tesi il punto di osservazione scelto per analizzare il potere sia stato squisitamente sociologico, si è, tuttavia, tenuto conto, entro i limiti del possibile, anche di altri contributi non strettamente legati alla sociologia, ma ugualmente preziosi ai fini di questo lavoro. La teoria tradizionale del potere - da Machiavelli a Parsons - ha concepito il potere come una sorta di bene materiale che può essere acquisito in proprietà o può andare perduto, ovvero di un attributo di cui dispone stabilmente un soggetto, un gruppo o una classe sociale. E lo ha inteso anche, secondo quello che Luhmann (1979) ha definito sarcasticamente un “pregiudizio causale”, come una causa specifica di effetti specifici, per lo più nella forma della capacità di un soggetto di costringere un altro a compiere determinate azioni concrete, che spontaneamente non sceglierebbe di fare. La nozione che si è dunque affermata, secondo questa tendenza classica, è quella di identificare il concetto di potere con quello di forza fisica o di dominio, che suppongono la stabile e totale subordinazione di una parte della società ad un’altra e a connettere l’idea del potere con quella del conflitto sociale, ignorando le forme di esercizio consensuale del potere (come nel caso del potere fondato sulla competenza). Tuttavia i rapidi cambiamenti a cui è andata incontro la moderna società industriale e il grado elevato di complessità da essa raggiunto, hanno imposto un progressivo spostamento da un modo di intendere il potere come sostanza (ossia come qualcosa che si possiede e di cui si dispone) a concezioni relazionali. In questa tesi tuttavia il ripercorrere alcune tappe fondamentali del pensiero sociologico è stato di vitale importanza perché ha fornito la “pietra di paragone” necessaria per

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi