Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mondo del gioco per il bambino

La classificazione tradizionale distingue sei tipi principali di gioco nei bambini piccoli: gioco attivo, gioco esplorativo e di manipolazione, gioco imitativo, gioco costrittivo o finalizzato, gioco di finzione o il far finta, giochi basati sulle regole che si susseguono in questa precisa sequenza evolutiva la quale dipende dal successo conseguito nella fase precedente e dal consolidamento di precedenti acquisizioni nello stesso parametro evolutivo, iniziando dal momento in cui il bambino impara ad usare nel modo più funzionale dapprima il suo apparato sensoriale e motorio e, poi, le sue capacità di comunicazione e la sua creatività.

Mostra/Nascondi contenuto.
IL MONDO DEL GIOCO PER IL BAMBINO Introduzione Addentrandoci nel mondo del gioco per il bambino, una prima definizione di gioco può essere quella di “impegno appassionato e spontaneo in una piacevole attività fisica o mentale volta a conseguire una soddisfazione emozionale”. (Sheridan, 1984) Varie sono le funzioni che vengono attribuite a questa attività come quelle che implicano una capacità organizzativa del sé, intesa come: senso di identità e cura di sé insieme alla volontaria accettazione dei modelli culturali relativi al comportamento personale e alle richieste sociali. Il gioco offre, dunque, occasioni adatte ad irrobustire il corpo e la mente, a sviluppare la personalità e ad acquisire capacità sociali grazie al tirocinio per l’acquisizione di una vita indipendente, permette, inoltre, di trovare sollievo dal dolore, dalla noia e dall’angoscia, rende possibile la ricerca intesa come osservazione, esplorazione, riflessione e scoperta. Groos (1901) spiega il gioco nel suo complesso comparando le attività mentali agli organismi biologici e sostenendo che ogni attività mentale ha bisogno di un costante apporto esterno per svilupparsi, tale apporto è funzionale (non ancora materiale) proprio come ogni organo può svilupparsi mediante il nutrimento, il processo biologico e l’esercizio della sua funzione. Questa capacità inizia spontaneamente non appena il bambino si è liberato dalle costrizioni dei suoi primi riflessi neonatali. La classificazione tradizionale distingue sei tipi principali di gioco nei bambini piccoli: gioco attivo, gioco esplorativo e di manipolazione, gioco imitativo, gioco costrittivo o finalizzato, gioco di finzione o il far finta, giochi basati sulle regole che si susseguono in questa precisa sequenza evolutiva la quale dipende dal successo conseguito nella fase precedente e 2

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Raffaella Di Nardo Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 892 click dal 23/05/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.