Skip to content

Profili penali in tema di premeditazione

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Sernia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Stefano Canestrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

L’istituto giuridico della premeditazione si è nel corso degli anni evoluto identificando una modalità della condotta che non ricostruisce necessariamente un “tipo normativo d’autore”. La condotta premeditata può essere infatti posta in essere da soggetti della più diversa estrazione sociale e culturale, ma soprattutto da soggetti non ipodotati sul piano morale.
Rimane il maggior disvalore di un atto che nelle sue caratteristiche strutturali presenta una maggiore pericolosità sociale, cui corrisponde una maggiore severità retribuitiva.
Vengono quindi superate le posizioni di quanti cercavano una diversa strutturazione biologica dell'individuo premeditante, mentre trovano maggior favore quelle concezioni orientate alla ricerca dell’identificazione di un atto premeditato, prescindendo dalla ricerca di una specifica conformazione celebrale che possa identificare soggetti più o meno portati alla sua realizzazione.
“Per dire che è materiale la premeditazione bisogna dire che è materiale il pensiero”.
In effetti la neuropsicologia moderna ha dimostrato che un gran numero di processi cognitivi ed elaborativi delle informazioni provenienti dall'esterno o dettate dalla sfera istintuale dell’individuo (“pensieri”) ha una precisa sede all'interno del Sistema Nervoso Centrale (SNC). La surriportata affermazione di Carrara illustra il legame che riconnette una impostazione scientifica notevolmente evolutasi nel corso dell’ultimo secolo ad una diversa chiave d’analisi dell’istituto, che non può prescindere dal considerare l’atto materialmente nella sua essenza, a discapito di una concezione della premeditazione come specchio dell’individuo e della sue attitudini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione “Durante il pleistocene, vi erano due compiti principali per i membri maschi di un gruppo di australopithecus : cacciare e programmare la caccia. Un gruppo ottimale doveva avere molti cacciatori e pochi abili programmatori” 1 . Enunciati simili delineano come nella stessa struttura biologica dell’ essere umano, sia presente una radicale differenza fra i possibili atti che un individuo può porre in essere, differenza che si riflette nelle strutture sociali fondamentali in cui lo stesso opera. “Premeditare” un atto indica una modalità della condotta che non si al- lontana molto dal concetto del “programmare” lo stesso. Ambedue i ter- mini designano un’ attività diretta a calcolare, ridurre al minimo lo scarto di errore fra ciò che si intende realizzare e l’ effettiva esecuzione dell’ atto. Se nel pleistocene un intelletto poco raffinato si affidava a compiti manuali, allo stesso modo oggi una minore profondità d’ analisi e una maggiore approssimazione nell’ esecuzione di compiti delicati relegano il soggetto allo svolgimento di compiti prettamente manuali, negandogli quelle maggiormente gratificate mansioni lavorative riservate all’ interno della moderna società civile a soggetti caratterizzati da spiccate qualità intellettive. Restringendo il campo d’ analisi alla sfera degli atti antigiuridici, si osserva come quest’ istintività possa rientrare fra gli elementi di catego- rie giuridiche quali il dolo d’ impeto. D’ altra parte, una maggiore valu- tazione dell’atto compiuta dall’ agente, implica una progressiva graduazione dell’ elemento soggettivo che l’ ordinamento, simmetrica- mente alla tendenza valorizzatrice della sfera psichica presente nella so- cietà civile, considera meritevole di una pena più consistente. Una simile impostazione è tuttavia, nell’ ambito dell’ analisi dei fonda- menti della premeditazione, da rigettarsi. 1 Umiltà “I due cervelli: Neurobiologia dei processi cognitivi” ed. 1978, pag. 379

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

omicidio
premeditazione
diritto penale
circostanze aggravanti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi