Skip to content

La relazione sulla performance. Il diritto del lavoro del pubblico impiego dopo la cd. riforma Brunetta

Informazioni tesi

  Autore: Mariagrazia De Rosa
  Tipo: Tesi di Master
Master in Organizzazione, Management, Innovazione nelle Pubbliche Amministrazioni
Anno: 2013
Docente/Relatore: Gianluca Lucchetti
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Questo lavoro nasce dall’esigenza di mettere in luce i punti focali posti in essere dalla riforma della pubblica amministrazione, firmata dal ministro Brunetta con il decreto legislativo n. 150/2009. Con essa si dà avvio ad una profonda rivoluzione del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, la cui finalità è di operare un significativo miglioramento dell’efficienza, dell’efficacia e dell’economicità delle pubbliche amministrazioni.

Il percorso intrapreso seguirà delle linee di riferimento precise le quali, partendo dall’analisi degli effetti conseguenziali all’attuazione del decreto Brunetta, condurranno ad uno studio del sistema di valutazione della performance: novità assoluta apportata dalla riforma .

Riformare il settore pubblico è un’attività continuamente in itinere. Le Pubbliche Amministrazioni si interrogano costantemente sui potenziali strumenti da implementare al fine di garantire il conseguimento di performance più elevate consentendo, al contempo, l’erogazione di servizi migliori ai cittadini.
Senza ombra di dubbio, un segno indelebile in tal senso è stato dettato dalla Riforma Brunetta. L’unico decreto che forse, più degli altri, è stato in grado, passando attraverso l’implementazione di Sistemi di misurazione e di valutazione della performance, di concretizzare la realizzazione di un più alto obiettivo: ridisegnare il rapporto tra PA e cittadini affermando la centralità dei cittadini nell’amministrazione della cosa pubblica.
Si assiste ad un reale cambiamento del ruolo rivestito dai singoli cittadini: da semplici “utenti amministrati” a soggetti profondamente coinvolti nel processo di co-creazione di valore, in veste di veri e propri partner.
Non a caso la misurazione della customer satisfaction diviene uno degli elementi cardine su cui le Amministrazioni sono chiamate a valutare la performance organizzativa, ma anche un elemento centrale per la valutazione delle prestazioni dirigenziali, a cui si collegano premialità e merito.
Ecco che le Pubbliche Amministrazioni operano tentando di interpretare ed ascoltare le esigenze dei cittadini, attribuendo largo spazio nel sistema di valutazione delle performance agli indicatori di soddisfazione rispetto ai servizi erogati. Il tutto in una prospettiva mirata alla realizzazione di principi ispiratori quali la trasparenza, in termini di rilascio e libero accesso a dati e informazioni, ma anche in termini di partecipazione e ascolto, in un’ottica di collaborazione tra istituzioni e cittadini.

L’analisi di qui a poco esposta sarà condotta scindendo il lavoro in tre fasi specifiche che, partendo dall’individuazione dei principi generali e delle finalità della Riforma Brunetta, approderà a delineare i tratti essenziali del Sistema di misurazione e valutazione della performance, con l’individuazione dei soggetti intervenienti all’interno del processo medesimo.
Il filo espositivo perseguito nell’ultimo capitolo si propone di illustrare il ruolo rivestito dalla relazione sulla performance, alla luce della nota cornice delineata dalla delibera CIVIT 5/2012, giungendo ad una analisi contestualizzata alla sfera operativa del Comune di Battipaglia che, al pari di tutti i Comuni, è tenuto al rispetto e alla realizzazione di un impegno particolarmente significativo: redigere la relazione sulla performance.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 2. L'ORIGINE E I PRINCIPI GENERALI DELLA RIFORMA BRUNETTA E’ con il D.Lgs 27 Ottobre 2009, n. 150 che viene portata oggi a compimento la terza riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni, dopo la prima stagione di privatizzazione culminata con il D.Lgs 29/1993 -di rilievo indiscutibile per l’aver introdotto da un lato la privatizzazione del rapporto di lavoro dei dipendenti delle PA e dall’altro, una netta separazione tra il ruolo dei politici e quello degli organi amministrativi- e con le leggi c.d. Bassanini – le quali hanno portato definitivamente a compimento il meccanismo di contrattualizzazione del rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici. La riforma Brunetta accende uno spiraglio di luce al rinnovo delle pubbliche amministrazioni, dando ampio spazio a temi e motivi totalmente innovativi : essa interviene in materia di contrattazione collettiva, di valorizzazione del merito, di misurazione e valutazione delle performance; in materia di trasparenza, rendicontazione e controllo sociale; dettando al contempo, nuove regole volte a normalizzare i rapporti politica/dirigenza e ad implementare i poteri gestionali della seconda. La formalizzazione delle disposizioni del presente decreto ha inevitabilmente messo a sistema l’attivazione di un processo le cui specifiche finalità, una volta perseguite e realizzate, avrebbero condotto ad un significativo miglioramento dell’organizzazione del lavoro, al rispetto degli ambiti riservati rispettivamente alla legge e alla contrattazione collettiva; all’introduzione di elevati standard qualitativi ed economici delle funzioni e dei servizi; all'incentivazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riforma brunetta
ciclo di gestione della performance
la cultura della valutazione
relazione sulla performance
misurazione, valutazione e trasparenza della perfo
delibere civit

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi