Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Benefici del karate sul miglioramento dei tempi di reazione

La somministrazione di uno specifico protocollo di allenamento impostato sulle peculiarità intrinseche del karate per almeno 9 mesi può modificare il tempo di reazione (TR) di ragazzi/e d’età compresa tra gli 11 e i 14 anni? Questo l’oggetto della presente ricerca. Il risultato ottenuto indica che questi ragazzi/e presentano TR migliori rispetto ai loro coetanei che praticano altri sport (da almeno un anno) o che non praticano una particolare attività sportiva (da almeno un anno). Il protocollo di allenamento utilizzato per il karate è quello elaborato da Pierluigi Aschieri, D.T. della Nazionale Italiana di Karate (FIJLKAM). La metodologia di indagine è stata la seguente: i tempi di reazione semplici sono stati misurati con l’utilizzo dell’apparecchiatura optojump, attraverso due test, uno per il TR semplice degli arti superiori destro e sinistro e uno per gli arti inferiori destro e sinistro. Il campione è formato da 207 ragazzi, così distribuiti: 62 del gruppo dei ragazzi non praticanti sport da almeno un anno, 100 ragazzi che praticano qualsiasi sport da almeno un anno e 45 ragazzi praticanti karate FIJLKAM da almeno 9 mesi. Nessuno dei gruppi ha svolto attività fisica nelle ore precedenti la somministrazione del test. Dai risultati si evince un migliore TR semplice, statisticamente valido secondo il t-test, nei ragazzi praticanti karate FIJLKAM sia rispetto ai ragazzi praticanti altri sport, sia rispetto a coloro che non ne praticavano alcuno, per quanto riguarda entrambi gli arti inferiori e l’arto superiore sinistro; per ciò che riguarda l’arto destro, invece, il karate ha dato TR migliori solo nel confronto con i soggetti non praticanti nessuno sport. Il gruppo dei ragazzi praticanti altri sport ha avuto TR semplici migliori, statisticamente validi, rispetto ai soggetti non praticanti sport solamente nell’arto superiore sinistro. I tre gruppi presentano tutti un BMI che li classifica come normopeso considerati età e sesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 LE CARATTERISTICHE GENERALI 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Marco Capodieci Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1095 click dal 09/05/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.