Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare i Luoghi della Cultura - Progetti d'identità visiva.

Un lavoro di ricerca su testi d’approfondimento e riviste di settore, mi ha portata a delineare un profilo storico italiano di quelle che sono state le innovazioni legislative a favore dello sviluppo culturale. Queste hanno avuto, a livello sociale, una grande influenza e sono state necessarie per l’aumento del consumo e dell’interesse dei fruitori verso la cultura. Ho ritenuto necessario dare risalto alla comunicazione partendo dai problemi teorici del lavoro creativo fino ad arrivare ai metodi: brief, intermediatore culturale, dialogo tra creativo e cliente, logo, immagine coordinata, ecc… Successivamente ho affrontato il punto di arrivo del progetto di comunicazione: il fruitore e il rapporto che l’ente culturale riesce a instaurare con esso.
Nell’ultima parte del lavoro propongo esempi concreti della comunicazione adottata da musei e fondazioni. Il mio studio ha preso in considerazione diverse aree del panorama italiano e per ogni caso il lavoro ha dato risposte differenti in termini di stili e approcci, ognuno risponde a esigenze sociali e comunicative diverse. In ogni scheda propongo un profilo storico dell’ente in questione e uno pratico della sua comunicazione.
Lo scopo è quello di dare la giusta importanza all’arte grafica al pensiero e al progetto comunicativo, alle possibilità che una buona informazione può dare alla crescita e allo sviluppo della comunità avvicinandola al patrimonio artistico-culturale che le appartiene.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 COMUNICARE I LUOGHI DELLA CULTURA, PROGETTI D’IDENTITÀ VISIVA Introduzione «La pubblicità è l’anima del commercio. E noi abbiamo bisogno di commerciare anche i prodotti culturali; ma parliamo di un commercio che non è solo a scopo di lucro, bensì libera circolazione delle idee, che permetta un’opportunità diffusa di crescita, di svago e di coesione sociale 1 .». Francesca Cattaneo 2 . Da sempre l’Italia è un punto di riferimento nel panorama internazionale per la sua ricchezza artistica e culturale. Non sempre i cittadini italiani hanno coscienza del loro patrimonio e questo è l’ostacolo più grande che enti, fondazioni, musei e organismi culturali intendono superare. Secondo un celebre aforista 3 « la cultura è ricevuta dalla maggior parte delle persone, trasmessa da molti e posseduta da pochi». Il problema è quello della dispersione dei dati e della mancata coscienza sociale, troppo spesso i cittadini non conoscono i patrimoni storici e culturali delle proprie città. Per arrivare concretamente ai cittadini la soluzione è la comunicazione; questa può attirare l’attenzione e creare un dialogo tra utenza e istituzioni culturali. Per dialogare con il cittadino in modo fluido, bilaterale e vivo, l’ente deve proporsi per mezzo di un’immagine fortemente riconoscibile e in grado di diventare familiare. Spesso la tendenza è quella di non dare importanza all’aspetto comunicativo; da pochi decenni 4 le aziende culturali hanno dimostrato di essere molto attente alla propria identità visiva, alla 1 Fabio Severino, Comunicare la cultura, FrancoAngeli, 2007, p.9. 2 Dal1986 al 1989 svolge attività pubblicistica presso l’agenzia pubblicitaria “A.Manzoni” di Pavia, il quotidiano “La provincia pavese” (PV) e il quotidiano “Repubblica” (MI), con relativa iscrizione all’albo dei Giornalisti Pubblicisti della Regione Lombardia. 3 Karl Kraus (Jičín, 29 aprile 1874 – Vienna, 12 giugno 1936) scrittore, giornalista, autore satirico, saggista, aforista, commediografo e poeta, viene generalmente considerato uno dei principali autori satirici di lingua tedesca del ventesimo secolo ed è noto per le sue critiche taglienti alla cultura, alla società, ai politici tedeschi e alla stampa.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Piera Antuono Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3366 click dal 02/05/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.