Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Infezioni Correlate alle Pratiche Assistenziali, ruolo del Coordinatore delle Professioni Sanitarie nella formazione del personale dei servizi d'emergenza

Le Infezioni Correlate alle Pratiche Assistenziali (ICPA) continuano a rappresentare un problema rilevante di sanità pubblica, con pesanti ripercussioni non solo sui pazienti, ma anche per quanto attiene il controllo di qualità delle prestazioni erogate dai professionisti sanitari.
Molti studi nazionali e internazionali hanno dimostrato come le ICPA hanno un elevato costo sanitario e sono indicatori della qualità del servizio offerto ai pazienti/utenti.
La percezione del fenomeno non è ancora sufficientemente elevata né tra gli operatori, né tra gli utenti delle strutture sanitarie.
D’altra parte la possibilità di prevenire le ICPA è legata a procedure assistenziali ampiamente diffuse, quale ad esempio il lavaggio delle mani. Nei servizi d’emergenza extraospedaliera sembra essere sottovalutata la problematica di una corretta igiene non solo delle mani, ma anche dei presidi riutilizzabili che vengono usati. L’insidia di frequenti disattenzioni (se non addirittura ignoranza delle regole) su semplici ed efficaci procedure come la decontaminazione, la sanificazione, la disinfezione e la sterilizzazione portano alla nascita e persistere di comportamenti scorretti.
Negli ultimi anni il crescente interesse alla problematica ha stimolato istituzioni nazionali e internazionali, ricercatori ed operatori, a mettere in atto una serie di misure in grado di prevenire le ICPA, basate su chiare evidenze scientifiche, portando ad un abbattimento della problematica in una percentuale variabile tra il 30 e il 40%.
La conseguenza di tali interventi porta ad un miglioramento del servizio offerto e ad un abbassamento dei costi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Le Infezioni Correlate alle Pratiche Assistenziali (ICPA) continuano a rappresentare un problema rilevante di sanità pubblica, con pesanti ripercussioni non solo sui pazienti, ma anche per quanto attiene il controllo di qualità delle prestazioni erogate dai professionisti sanitari. Molti studi nazionali e internazionali hanno dimostrato come le ICPA hanno un elevato costo sanitario e sono indicatori della qualità del servizio offerto ai pazienti/utenti. La percezione del fenomeno non è ancora sufficientemente elevata né tra gli operatori, né tra gli utenti delle strutture sanitarie. D’altra parte la possibilità di prevenire le ICPA è legata a procedure assistenziali ampiamente diffuse, quale ad esempio il lavaggio delle mani. Nei servizi d’emergenza extraospedaliera sembra essere sottovalutata la problematica di una corretta igiene non solo delle mani, ma anche dei presidi riutilizzabili che vengono usati. L’insidia di frequenti disattenzioni (se non addirittura ignoranza delle regole) su semplici ed efficaci procedure come la decontaminazione, la sanificazione, la disinfezione e la sterilizzazione portano alla nascita e persistere di comportamenti scorretti. Negli ultimi anni il crescente interesse alla problematica ha stimolato istituzioni nazionali e internazionali, ricercatori ed operatori, a mettere in atto una serie di misure in grado di prevenire le ICPA, basate su chiare evidenze scientifiche, portando ad un abbattimento della problematica in una percentuale variabile tra il 30 e il 40%. La conseguenza di tali interventi porta ad un miglioramento del servizio offerto e ad un abbassamento dei costi.

Tesi di Master

Autore: Mauro Migliorini Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3785 click dal 02/05/2013.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.