Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto tra filosofia ed educazione nell'attualismo gentiliano

Agli inizi del Novecento, con Gentile, la pedagogia si realizza appieno come Filosofia dell’Educazione. La pedagogia di Gentile si identifica con i suoi concetti filosofici e si basa su due principi fondamentali:
− la realizzazione dell’identità fra educatore ed educando nell’atto educativo, che rispecchia il superamento delle distinzioni fra soggetti empirici nell’assolutezza dell’Io trascendentale;
− il rifiuto di ogni carattere prefissato e astratto nel contenuto dell’insegnamento, e di ogni regola didattica, in quanto sia il metodo sia la tecnica di insegnamento, sono destituiti di senso dal momento che l’educazione è fondamentalmente un atto spirituale di autoeducazione.
Questi principi generali vengono poi svolti nelle loro implicazioni concrete.
Di particolare rilievo sono le tesi sul rapporto tra insegnante e allievo.
Esso è caratterizzato da un dualismo che deve risolversi in un’unica attività attraverso la comune partecipazione alla vita dello spirito; nell’atto educativo infatti la mente dell’insegnante e quella dell’alunno divengono una mente sola: “la mente oggettiva che viene costruendo la verità.”
Sia l’insegnante che lo studente negano quindi la loro “soggettività naturale”, innalzandosi a quell’unità superiore, che è unione con l’oggettività.
Nella vita della scuola il maestro occupa il posto centrale e in lui si esprime il modello formativo spirituale e culturale che deve guidare l’alunno.
L’educazione presuppone la libertà, perché l’atto di pensare è un atto libero che mira alla libertà e intende formare un uomo libero e padrone di sé .
Quindi l’educazione viene concepita come un potente veicolo di coesione e unificazione delle individualità empiriche, in modo tale da portare alla formazione di un unico spirito.
Gentile sentì sempre come una vera e propria missione il suo ruolo di insegnante ed educatore. L’insegnamento, oltre ad offrirgli la possibilità di continuare gli studi e sostenere la sua numerosa famiglia, gli diede quella di toccare con mano il disagio della scuola italiana, che sin dall’inizio, aveva giudicato non adatta a contribuire alla fortificazione dell’unità nazionale e delle sue basi culturali, e incapace di formare una nuova classe dirigente che traghettasse il paese verso una sorte migliore del degrado politico e spirituale in cui, ai suoi occhi, versava.
La sua pedagogia, che è essenzialmente filosofica non può essere staccata dal suo sistema filosofico, né dal suo progetto di riforma della scuola che attuò nel 1923/24 quand’era ministro della Pubblica Istruzione.
La sua prima opera pedagogica, l’insegnamento della filosofia nei licei, risale al 1900, poco dopo aver iniziato ad insegnare; argomento dell’opera, come si evince dal titolo, è la filosofia e il suo insegnamento nella scuola secondaria. Fin dai suoi esordi pedagogici Gentile affida all’insegnamento della filosofia un ruolo centrale perché questo permette una formazione generale dello spirito che prepara a tutte le facoltà universitarie. Il principio di una filosofia regina delle scienze ha un’importanza cruciale per comprendere lo sviluppo della pedagogia di Gentile e la struttura che egli diede alla scuola italiana dopo la riforma. La pedagogia di Gentile,invece, come tutta la sua opera, risente di un impostazione morale ed etica di fondo che mira a formare, prima che specialisti dell'insegnamento, “persone moralmente degne di esserlo”.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Agli inizi del Novecento, con Gentile, la pedagogia si realizza appieno come Filosofia dell’Educazione. La pedagogia di Gentile si identifica con i suoi concetti filosofici e si basa su due principi fondamentali: − la realizzazione dell’identità fra educatore ed educando nell’atto educativo, che rispecchia il superamento delle distinzioni fra soggetti empirici nell’assolutezza dell’Io trascendentale; − il rifiuto di ogni carattere prefissato e astratto nel contenuto dell’insegnamento, e di ogni regola didattica, in quanto sia il metodo sia la tecnica di insegnamento, sono destituiti di senso dal momento che l’educazione è fondamentalmente un atto spirituale di autoeducazione. Questi principi generali vengono poi svolti nelle loro implicazioni concrete. Di particolare rilievo sono le tesi sul rapporto tra insegnante e allievo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Iolanda Coccurello Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1697 click dal 19/06/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.