Skip to content

Il rapporto tra sistema elettorale, sistema dei partiti e forma di governo: il caso italiano alla luce dell'analisi comparata.

Informazioni tesi

  Autore: Marco Ricciarelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maurizio Oliviero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

La presente tesi si propone di approfondire le discipline dell’elezione degli organi rappresentativi e, più in generale, le modalità di funzionamento dei sistemi elettorali e le ripercussioni degli stessi nell'ordinamento.
Si tratta di un argomento che in Italia, specialmente negli ultimi anni, ha suscitato notevole interesse e sul quale si è ampiamente dibattuto, non solo in ambito politico ma anche, in ambito scientifico, tra politologi, giuristi, sociologi e nella stessa società civile.
Peraltro, dopo i risultati delle ultime elezioni politiche, il dibattito è divenuto ancor più intenso e una riforma elettorale sembra essere sempre più attesa e necessaria.
Al di là del caso italiano, l’interesse per l’argomento è certamente giustificato dal fatto che le leggi elettorali non sono, o almeno non sono soltanto, dei meccanismi di traduzione di voto in seggi, ma rappresentano, soprattutto, uno dei più importanti strumenti che gli ordinamenti moderni conoscono per l’esercizio diretto della sovranità popolare.
A partire da tale principio, nel primo capitolo, ci si è adoperati a suddividere schematicamente i sistemi elettorali in due tipologie fondamentali: quelli a carattere maggioritario e quelli a carattere proporzionale, analizzandone peculiarità e tratti distintivi.
I primi, infatti, generalmente privilegiano la stabilità e la garanzia di governabilità di un paese, mentre i secondi sono maggiormente ispirati da criteri di rappresentatività e pluralismo; a questa bipartizione è stato aggiunto un ulteriore modello, quello dei sistemi misti.
Si è poi spostata l’attenzione, nel secondo capitolo, sugli effetti che i sistemi elettorali sono in grado di produrre nell’ambito tanto delle forme di governo quanto dei sistemi partitici, sempre tenendo in considerazione il fatto che si tratta di un’influenza reciproca e vicendevole.
In ogni caso, per quanto si sia tentato di enunciare delle regole, rimane chiaro che queste possono assumere il rango di principi sempre smentibili in relazione al caso specifico in cui il sistema elettorale si trova ad operare.
Successivamente si è passati ad analizzare i modelli elettorali nelle specificità di alcuni casi concreti a partire dalla loro rilevanza all’interno delle Costituzioni. Mentre nella Costituzione italiana la posizione del sistema elettorale pare poco accentuata un discorso diverso si deve fare per altri ordinamenti, come quello spagnolo.
Nel terzo capitolo si sono poi analizzati i casi di Francia, Germania e Spagna, modelli presi in considerazione in quanto si tratta di sistemi ritenuti particolarmente riusciti, che hanno prodotto dei risultati tendenzialmente positivi nei rispettivi sistemi politico-istituzionali.
Di seguito si è operata una disamina del caso italiano, anche alla luce del recente periodo di scarsa governabilità, con riferimento ai modelli stranieri e al Codice europeo di buona condotta in materia elettorale.
Dopo un breve excursus storico, nel capitolo quarto, è stata analizzata approfonditamente la legge che attualmente regola il nostro sistema elettorale, enucleando tutte le criticità che portano a considerare il sistema elettorale italiano come un unicum nel panorama mondiale.
Gli aspetti negativi della l. 270/2005 si sono a pieno manifestati nella sua pratica applicazione in occasione delle tornate elettorali del 2006, 2008 e 2013.
É proprio su queste ultime elezioni che, nel capitolo cinque, si è svolta un’analisi maggiormente specifica, partendo dai mesi precedenti al voto e dando conto dei tentativi di riforma concreta del sistema, poi concretizzatisi in un nulla di fatto.
L’analisi è stata, infine, rivolta ai risultati usciti dalle urne e, quindi, alla situazione politica post-elettorale quanto mai incerta, caratterizzata da una ingovernabilità che la stessa legge elettorale ha contribuito in maniera rilevante a determinare.
Un ultimo cenno è stato poi riservato alle ultimissime proposte di modifica che continuano a rappresentare una stretta necessità, visto il possibile, forse probabile, imminente ritorno alle urne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
~ 5 ~ INTRODUZIONE La presente tesi si propone di approfondire le discipline dell’elezione degli organi rappresentativi e, più in generale, le modalità di funzionamento dei sistemi elettorali e le ripercussioni degli stessi nell’ordinamento. Si tratta di un argomento che in Italia, specialmente negli ultimi anni, ha suscitato notevole interesse e sul quale si è ampiamente dibattuto, non solo in ambito politico ma anche, in ambito scientifico, tra politologi, giuristi, sociologi e nella stessa società civile. Peraltro, dopo i risultati delle ultime elezioni politiche, il dibattito è divenuto ancor più intenso e una riforma elettorale sembra essere sempre più attesa e necessaria. Al di là del caso italiano, l’interesse per l’argomento è certamente giustificato dal fatto che le leggi elettorali non sono, o almeno non sono soltanto, dei meccanismi di traduzione di voto in seggi, ma rappresentano, soprattutto, uno dei più importanti strumenti che gli ordinamenti moderni conoscono per l’esercizio diretto della sovranità popolare. A partire da tale principio, nel primo capitolo, ci si è adoperati a suddividere schematicamente i sistemi elettorali in due tipologie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi