Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

IPO e delisting nell'AIM Italia - Mercato Alternativo del Capitale

Il lavoro strutturato in tre capitoli si propone di far comprendere l’importanza dell’apertura del capitale delle PMI nei mercati finanziari ad esse dedicati.
Nel primo capitolo si inquadra il problema della patrimonializzazione della piccola e media impresa, storicamente legata al sistema bancario e, ora più che mai, continuamente alla ricerca di fonti di finanziamento.
Nel secondo capitolo vengono presentati i mercati di Borsa Italiana S.p.A. ed alcuni tra i principali mercati esteri, ponendo maggiore risalto a quelli rivolti alla piccola e media impresa.
Nel terzo capitolo vengono analizzate nel dettaglio le fasi del processo di quotazione delle small e medium cap sul mercato AIM Italia – Mercato Alternativo del Capitale, e nello specifico il ruolo del Nomad, importante intermediario finanziario che offre alla società quotanda consulenza ed aiuto tecnico. Vengono presentate le società facenti parte del mercato, e il possibile delisting dalla quotazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Il contesto economico nell’ultimo quinquennio è drasticamente cambiato. La crisi di natura finanziaria partita dagli Stati Uniti con i mutui subprime è stato solo l’inizio di una crisi che ha avuto forti ripercussioni nell’economia reale degli Stati sovrani e che viene considerata da vari economisti come una delle peggiori crisi economiche della storia, seconda solo alla Grande depressione. Alla recessione e alla contrazione del PIL in molti paesi del mondo, soprattutto in quelli occidentali, si è affiancato la crisi dei debito dei paesi sovrani e alle finanze pubbliche, e in più casi si è provveduto ad attuare importanti “piani di salvataggio” per evitare possibili default. Le cause della crisi sono svariate, come ad esempio gli alti prezzi delle materie prime soprattutto in un’economia fortemente legata al petrolio, una crisi alimentare mondiale, un'elevata inflazione globale, la minaccia di una recessione in tutto il mondo e per finire una crisi creditizia con conseguente crollo di fiducia dei mercati borsistici. La ripresa economica non può prescindere dall’avanzamento del sistema finanziario in generale e del mercato borsistico in particolare. La letteratura economica ha evidenziato l’esistenza di una forte dipendenza tra lo sviluppo economico e il progresso del sistema finanziario. Un sistema finanziario progredito favorisce una crescita vigorosa e sostenibile,

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Bove Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2303 click dal 17/05/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.