Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Potere e comando in Max Weber

Introduzione

Mi accingo a una breve introduzione del testo che segue, nel quale mi propongo di illustrare un’analisi sulla visione del potere operata da Max Weber sia sotto il profilo storico che filosofico.
La relazione partirà dal binomio potere – potenza, per poi affrontare il tema della sociologia del potere e i suoi fondamenti di validità e scandagliare le forme legittime identificate dalla tripartizione effettuata dal filosofo tedesco.
L’analisi si soffermerà successivamente sul concetto intrinseco di disciplina e di ubbidienza, prendendo in esame sia la parte di chi detiene il potere che di chi lo subisce.
E’ a questo punto che si crea il connubio tra potere e comando, il legame inscindibile creato da Weber che porta questo testo a un’appendice sulla personale esperienza di chi scrive in ambito militare, dove si infittisce il legame tra i due termini.
Questa tesi è suddivisa in quattro capitoli, come riportato qui di seguito.
Il primo, intitolato “Il potere”, è suddiviso a sua volta in tre sottocapitoli: “Definizione, sociologia e forme”, “Potere e amministrazione”, “Fondamenti di legittimità del potere” .
Il secondo capitolo, dal titolo “La triplice forma di legittimazione del potere” è suddiviso in tre sottocapitoli: “Il potere legale”, “Il potere tradizionale” e “Il potere carismatico”.
Il terzo capitolo “Disciplina e obbedienza” è suddiviso in tre sottocapitoli: “Il significato della disciplina”, “L’origine dalla disciplina militare” e “L’obbedienza”.
Il quarto capitolo dal titolo “Potere in ambito militare” è composto da un solo sottocapitolo, “Da Weber all’esperienza personale”, in cui mi accingo a fornire un breve approfondimento sul potere nella mia vita lavorativa partendo dall’analisi del sociologo tedesco sul potere nella struttura organizzativa della forza armata.
L’elaborato prosegue e termina con le conclusioni personali dell’autore e la bibliografia dei testi consultati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Mi accingo a una breve introduzione del testo che segue, nel quale mi propongo di illustrare un’analisi sulla visione del potere operata da Max Weber sia sotto il profilo storico che filosofico. La relazione partirà dal binomio potere – potenza, per poi affrontare il tema della sociologia del potere e i suoi fondamenti di validità e scandagliare le forme legittime identificate dalla tripartizione effettuata dal filosofo tedesco. L’analisi si soffermerà successivamente sul concetto intrinseco di disciplina e di ubbidienza, prendendo in esame sia la parte di chi detiene il potere che di chi lo subisce. E’ a questo punto che si crea il connubio tra potere e comando, il legame inscindibile creato da Weber che porta questo testo a un’appendice sulla personale esperienza di chi scrive in ambito militare, dove si infittisce il legame tra i due termini. Questa tesi è suddivisa in quattro capitoli, come riportato qui di seguito. Il primo, intitolato “Il potere”, è suddiviso a sua volta in tre sottocapitoli: “Definizione, sociologia e forme”, “Potere e amministrazione”, “Fondamenti di legittimità del potere” . Il secondo capitolo, dal titolo “La triplice forma di legittimazione del potere” è suddiviso in tre sottocapitoli: “Il potere legale”, “Il potere tradizionale” e “Il potere carismatico”.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniele Amitrano Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2835 click dal 31/05/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.