Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le metodiche di risk assessment: un’indagine preliminare

Il presente elaborato è frutto di una ricerca svolta nell’ambito della giustizia minorile. Nasce in seguito all’esperienza di tirocinio presso l’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Catania ed alle riflessioni in merito a tale esperienza, in particolar modo con riferimento alle problematiche degli adolescenti che hanno commesso reati. Lo scopo del seguente lavoro è stato, perciò, quello di analizzare le problematiche dei ragazzi ed il funzionamento della giustizia minorile, con particolare riferimento alle normative e soprattutto alla sospensione del processo con messa alla prova. Inoltre, è stato approfondito l’argomento del rischio di recidiva e degli strumenti che possono rilevare tale rischio. Ciò è servito da introduzione alla ricerca svolta presso l’USSM di Catania, il cui obiettivo principale è stato quello di verificare se il livello di rischio di recidiva fosse correlato all’esito della messa alla prova. Un ulteriore scopo è stato quello di identificare i fattori di rischio del comportamento criminale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente elaborato è frutto di una ricerca svolta nell’ambito della giustizia minorile. Nasce in seguito all’esperienza di tirocinio presso l’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Catania ed alle riflessioni in merito a tale esperienza, in particolar modo con riferimento alle problematiche degli adolescenti che hanno commesso reati. I grandi cambiamenti della nostra società, quali principalmente la diffusione sempre più ampia di internet, insieme alle modifiche della struttura familiare, ed all’aumento crescente di separazioni, rendono i rapporti sempre più superficiali e meno autentici, accrescendo il senso di solitudine e spesso la mancanza di punti di riferimento. Nei giovani, infatti, si riscontra spesso un evidente disagio, che li conduce sempre più a chiudersi in loro stessi, fino a non sapersi più rapportare con l’altro ed a sentirsi inadeguati al mondo circostante. Ciò, di conseguenza, genera problemi di relazione e di condotta, che, nei casi più estremi può condurre anche a commettere un reato. Lo scopo del seguente lavoro è stato, perciò, quello di analizzare le problematiche dei ragazzi ed il funzionamento della giustizia minorile, con particolare riferimento alle normative e soprattutto alla sospensione del processo con messa alla prova. Inoltre, è stato approfondito l’argomento del rischio di recidiva e degli strumenti che possono rilevare tale rischio. Ciò è servito da

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Ilenia La Farina Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 375 click dal 28/05/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.