Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina delle intese verticali nel diritto della concorrenza UE

La disciplina delle intese verticali rappresenta uno dei settori più vivaci ed in evoluzione nel sistema della concorrenza comunitaria. Dopo un'impostazione rigida, di durata più che trentennale, grazie alla quale si è creato un ambito di applicazione uniforme all’interno del territorio europeo, sono emerse, prepotentemente, esigenze di cambiamento, inconvenienti di tipo procedurale e sostanziale, istanze di decentramento nell’applicazione delle regole di concorrenza; l’evoluzione di un settore dinamico ed in continuo cambiamento come quello della distribuzione ha portato ad un radicale ripensamento della disciplina delle intese verticali.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 §.1. Introduzione * . La disciplina delle intese verticali rappresenta uno dei settori più vivaci ed in evoluzione nel sistema della concorrenza comunitaria. Dopo un'impostazione rigida, di durata più che trentennale, grazie alla quale si è creato un ambito di applicazione uniforme all’interno del territorio europeo, sono emerse, prepotentemente, esigenze di cambiamento, inconvenienti di tipo procedurale e sostanziale, istanze di decentramento nell’applicazione delle regole di concorrenza; l’evoluzione di un settore dinamico ed in continuo cambiamento come quello della distribuzione ha portato ad un radicale ripensamento della disciplina delle intese verticali. L'importanza della distribuzione nel processo produttivo è evidente, quasi la totalità dei prodotti sfrutta il sistema della distribuzione per giungere al consumatore. Nel Libro Verde sulle * Nel corso del lavoro si fa riferimento al Trattato CE così come modificato dal trattato di Amsterdam. Quest’ultimo, pur non comportando variazioni sostanziali nell’ambito delle norme dedicate alla concorrenza, ha modificato la numerazione precedente. Di conseguenza gli articoli 85 ed 86 del Trattato sono mutati in 81 ed 82. Ciò nonostante, nella citazione di sentenze della Corte di Giustizia e del tribunale di primo grado, nonché per le decisioni della Commissione, quando precedenti al Trattato di Amsterdam, il riferimento agli art.85 ed 86 resta invariato.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Tajana Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4216 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.