Skip to content

Il ruolo dei Business Performance Analytics nella gestione dell'innovazione

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Visani
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Gestione Aziendale
  Relatore: Franco Visani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

Per la presente tesi, dove saranno spesso illustrate cifre riferite a diversi ambiti, si potrebbero scegliere come anello di congiunzione fra i suoi argomenti due cifre: 28 e 31. 28 come i miliardi di euro investiti nel 2010, nonostante il periodo di profonda crisi finanziaria ed economica attuale, dalle imprese italiane per “Fare innovazione” . 31, invece, come i miliardi di dollari di ricavi che ha generato (nel 2011) un nuovo mercato internazionale nel campo dell’Information Technology a supporto di organizzazioni e imprese: quello dei software di Business Analytics . Per capire cosa c’è dietro questi numeri si è cercato di esplorare due ambiti: quello dell’innovazione, delle sue criticità e dei suoi sistemi di misurazione e quello della misurazione e controllo della performance nelle imprese, per capire quali siano state finora le lacune e quali siano i fattori che hanno portato diverse imprese nel mondo all'adozione di strumenti più analitici nell'utilizzo dei dati.
Si è perciò cercato di dare una spiegazione chiara e univoca su cosa significhi “Fare innovazione” per le imprese, mettendo in risalto in particolare il ruolo dell’innovazione di prodotto. Successivamente, l’attenzione si è spostata sulle singole fasi di un processo innovativo, individuandone le peculiarità e criticità e cercando di capire sempre quale fosse il ruolo delle informazioni e dei dati all'interno di ciascuna fase. Come ogni processo aziendale, anche l’innovazione necessita di essere “misurata”: si sono perciò cercate nella letteratura proposte e metodi di misurazione, che si concentrassero su Key Performance Indicator e sistemi di misurazione adatti per tale scopo.
Ci si è poi chiesti se uno degli strumenti più attuali, del quale si scrive molto in articoli in rete, per il quale imprese del settore IT organizzano svariate conferenze di presentazione, come i Business Performance Analytics (o Business Analytics), potesse essere di supporto ai fabbisogni informativi generati dai processi innovativi. Si è perciò esplorato sia l’ambito teorico, attraverso classificazioni e Framework utili per inquadrare il fenomeno all'interno dell’ambito aziendale, sia l’ambito pratico, illustrando casi di imprese che hanno implementato processi analitici e analizzando il mercato dei software attuale, attraverso dati e mappe competitive forniti da analisti del settore. All'interno dell'ambito teorico è stato inoltre introdotto il concetto di Big Data, spesso accompagnato a quello di Analytics, termine con il quale si identifica la mole di dati non strutturati e semi-strutturati utili alle imprese ma troppo costosi per essere raccolti in database tradizionali.
Infine, si è voluto analizzare quale fosse realmente l’offerta da parte dei maggiori operatori del mercato (ad esempio SAS, Oracle, IBM), cercando di collegare i singoli software così come presentati dai produttori a funzioni/aree aziendali sulle quali possono essere applicati processi analitici.
La tesi sarà perciò suddivisa in quattro capitoli: “L’innovazione nelle imprese”, “Business Performance Analytics: un supporto per le imprese innovative?”, “Software di Business Analytics: un overview del mercato” ed, infine, le conclusioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 2. L’INNOVAZIONE NELLE IMPRESE Il seguente Capitolo descriverà in primo luogo cosa vuol dire “Fare innovazione” e quali sono alcune classificazioni contenute nella letteratura a riguardo. In seguito, si mostrerà come le imprese competono tra loro anche grazie alla loro capacità di fare innovazione, mostrando poi una serie di dati inerenti all’attività innovativa delle imprese italiane ed europee. Le parti seguenti riguarderanno una breve descrizione del processo innovativo nelle sue singole fasi e quali sono le criticità e le dimensioni da considerare nel misurare i risultati provenienti dall’attività innovativa all’interno delle imprese. 2.1 COSA SI INTENDE CON L’ESPRESSIONE “FARE INNOVAZIONE” “Fare innovazione” è un’espressione oltremodo utilizzata in ambito economico e più specificatamente in quello aziendale, basti pensare a quando si parla di “aziende innovative”, “prodotti innovativi”, “investimenti in innovazione”. Nel solo 2012, nella versione on line del Sole 24 Ore, il quotidiano economico italiano per eccellenza, gli articoli o gli editoriali dove compare la parola “innovazione” sono ben 3011, corrispondenti ad una media di più di 8 articoli al giorno 3 . La tendenza ad usare (o ad abusare di) questo termine o suoi derivati (ad esempio innovare, innovativo, innovatore) non è presente soltanto in Italia. Infatti, nelle edizioni on line di The Economist e Forbes (rispettivamente, due delle più importanti riviste economiche di Inghilterra e Stati Uniti) cercando il corrispondente in inglese “Innovation” i risultati di ricerca del 2012 sono rispettivamente pari a circa 800 4 e 5.500 5 , un dato decisamente elevato se si considera che si tratta di riviste settimanali. Tuttavia, ricorrere troppo spesso a questa parola e ad espressioni che la contengono può originare una certa confusione su cosa realmente si intende per innovazione, quali siano i suoi elementi distintivi, gli attori-chiave del processo innovativo e perché essa può realmente conferire ad un’azienda vantaggi competitivi importanti e, a volte, inattaccabili. Inoltre, come viene sostenuto nel seguente passaggio, contenuto in un capitolo di in un libro dal titolo emblematico, “Il mantra dell’innovazione”: 3 www.ilsole24ore.comhttp://www.ricerca24.ilsole24ore.com/fc?keyWords=innovazione&submit=Cerca&cmd=static &chId=30&path=%2Fsearch%2Fsearch_engine.jsp&field=Titolo%7CTesto&orderBy=score+desc [consultato in data 02/01/2013] 4 http://www.economist.com/search/apachesolr_search/innovation [consultato in data 02/01/2013] 5 http://www.forbes.com/search/?q=innovation [consultato in data 02/01/2013]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
software
controllo strategico
business intelligence
analisi dati
analytics
business analytics
criticità processi innovativi
misurazione processi innovativi
big data

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi