Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qualità della vita lavorativa e disagio organizzativo

La tesi si propone di illustrare in ottica principalmente sociologica gli aspetti più significativi della vita della Persona al lavoro, dunque da una panoramica sullo scenario socio-economico dell'occupazione durante l'ultimo secolo, per poi accennare alla valutaione dello stress lavoro correlato e, infine, concentrarsi sul concetto di stress, quali sintomi induce e in conseguenza di quali tipologie d'avvenimento o stato di cose esso può insorgere, con particolare riferimento all'instabilità dei percorsi di carriera regolati da rapporti di lavoro flessibile.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I CAPITOLO – I CAMBIAMENTI NEL MONDO DEL LAVORO I.1 Il lavoro nello scenario globalizzato In Italia, come negli altri paesi europei, i settori produttivi si differenziano anche sull’asse del rapporto domanda e offerta di lavoro che oggi è stato rimesso in discussione, dalla crisi finanziaria e, ancor prima, dalle trasformazioni economiche dettate dalle leggi di mercato globali. Nel caso italiano, a parte il divario imprenditoriale tra centro-nord e Mezzogiorno, l’accresciuta domanda di beni e servizi sanitari, assistenziali e culturali negli ultimi decenni del secolo scorso ha aumentato il numero di addetti nel terziario, ma non nell’industria e nell’agricoltura, dove, anche se aumenta la domanda, il numero di persone da occupare rimane pressoché invariato. Anche grazie all’uso di una tecnologia avanzata ma essenziale, sono sorte tante piccole medie imprese in cui pochi addetti svolgono contemporaneamente più fasi diverse nella creazione dello stesso prodotto, evitando perdite di tempo e sprechi di risorse; dagli anni ’80, si è affermato il procedimento just in time, tramite il quale l’industria si è adattata alle oscillazioni di mercato, per il quale non occorre produrre né più né meno di quanto richiede. In questo periodo, si è assistito a una sempre più elevata instabilità dei mercati, che prevedono tempi e modi in cui ogni impresa deve rendersi pronta ad assemblare e offrire determinati prodotti e servizi agli acquirenti. Tale instabilità oggi è dovuta tanto alla concorrenza sui prezzi quanto alla personalizzazione delle richieste, all’avvento delle nuove microtecnologie e dei sistemi multimediali e informatici, grazie ai quali milioni di consumatori dai gusti mutevoli possono confrontarsi tra loro anche a centinaia di chilometri di distanza. Ciò si ripercuote anche negli ambienti di lavoro, per cui la normalità non è più una sequenza di movimenti ma un “flusso di informazioni” che il lavoratore deve fare proprie e sfruttare in una realtà incostante e imprevedibile, nella quale è necessario sapersi adattare ad eventuali modificazioni e saper funzionare insieme agli altri. In Occidente, la tecnologia ha sostituito lo sforzo fisico di molti lavoratori adibiti a compiti manuali generici, tanto che il lavoro richiede sempre di più una professionalità contraddistinta da competenze trasversali quali

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Ivan Spezzoni Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 957 click dal 20/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.