Skip to content

Strategie di branding e scelte distributive nel settore del lusso: Il caso Aeffe

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Claudio Vibi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing e Comunicazione d'Azienda
  Relatore: Elisabetta Savelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

Grazie al processo di “democratizzazione del lusso” avviato negli ultimi decenni, il settore del lusso non comprende più i soli prodotti destinati alla “classe agiata”; i suoi confini sono ben più ampi, arrivando a comprendere numerose categorie di prodotti rivolti a target differenziati. Questo processo di democratizzazione è avvenuto parallelamente all’attuazione di strategie di brand extension poste in essere da un numero crescente di imprese, che hanno permesso a quest’ultime di esplorare business sempre nuovi (nonostante i rischi di svilimento dell’immagine di marca cui si va incontro con questa strategia). La presa di coscienza dell’importanza del canale retail come strumento per consolidare e trasferire i significati del brand, oltre che per accrescere il valore complessivamente percepito dal cliente, ha spinto un numero crescente di aziende ad avviare processi di integrazione verticale finalizzati a servire il mercato in maniera diretta ed esclusiva. Il punto vendita, infatti, grazie al potere comunicativo intrinseco ed alla sua capacità di stimolazione del consumatore, rappresenta un luogo privilegiato dove la marca può vivere, prendere forma ed esprimersi. Ovviamente, il canale diretto non rappresenta la soluzione unica per le aziende del lusso, come dimostra il caso di Aeffe, che, nonostante i vantaggi attribuiti a questo tipo di canale, adotta una strategia mista, basata sull’impiego complementare dei canali retail e wholesales.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il settore del lusso presenta alcune peculiarità che lo differenziano sostanzialmente da altri settori merceologici ed ha subito notevoli mutamenti negli ultimi decenni. L’obiettivo di questa tesi è di approfondire le caratteristiche di questo complesso settore ed interpretare alcune tendenze in atto, ponendo un enfasi particolare sulla gestione del brand e le scelte distributive degli attori che in esso operano. Negli ultimi decenni il settore del lusso è cambiato notevolmente; mentre in passato esso si riferiva esclusivamente a quei pochi prodotti destinati alla c.d. “classe agiata”, nel corso degli anni si è assistito ad un ampliamento dei suoi confini, arrivando a comprendere prodotti destinati alla classe media come occhiali, abiti Pret-à-portè e prodotti per la cura del corpo. Allérès (1990) individua, in questa evoluzione, un processo di “democratizzazione del lusso” riconducibile, sostanzialmente, a tre livelli: lusso accessibile, intermedio e inaccessibile. Il livello inaccessibile comprende quei prodotti che sono sempre stati considerati di “lusso”, in quanto offerti al mercato ad un prezzo molto elevato, spesso realizzati su misura o comunque distribuiti in pochissime unità; ne sono un esempio i capi di Alta moda. Gli altri due livelli comprendono un’estensione del lusso a categorie merceologiche sempre più ampie, rivolte a ad un target altrettanto ampio, che tendono a perdere quel carattere di forte esclusività tipico dei prodotti “inaccessibili”. Non tutti sono d’accordo nel definire “di lusso” tali prodotti, poiché gli stessi termini lusso intermedio e lusso accessibile costituiscono un forzatura, o addirittura un controsenso, e ritengono più appropriato definire queste tipologie di prodotti come “beni ad elevato valore simbolico” (Mosca 2010). Nel primo capitolo, analizzeremo questo “nuovo settore” che racchiude al suo interno prodotti provenienti da comparti merceologici molto diversi, focalizzando progressivamente l’attenzione su quello che può essere definito il settore di origine del lusso: “la moda”. Per comprendere meglio la natura e le dinamiche di questo comparto si analizza il profilo dell’attuale consumatore del lusso e le principali motivazioni che lo spingono all’acquisto, maggiormente legate alla sfera emozionale rispetto a quella funzionale, a differenza di quanto succede in altri settori. Nell’approfondire queste tematiche, emerge con evidenza il ruolo del brand. In un settore in cui il consumatore acquista prodotti più per ricevere un’autogratificazione personale che per soddisfare una reale necessità ed in cui (soprattutto nella moda) i prodotti hanno un ciclo di vita molto breve, il brand assume, infatti, un ruolo strategico fondamentale sia per guidare le scelte di acquisto del consumatore che per differenziare l’offerta di valore delle imprese. Dopo aver definito il concetto e le principali funzioni del brand per l’impresa ed il consumatore, il secondo capitolo affronta il tema della gestione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

moda
distribuzione
brand
retail
brand extension
wholesale
strategie di branding
settore del lusso
aeffe

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi