Skip to content

Comportamento termico delle piscine: indagine sperimentale e simulazione numerica

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Mignocchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Alessandro Muraca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

La gestione di un impianto natatorio prevede il rispetto di una normativa sanitaria molto stringente (UNI EN 10637), di conseguenza l’impianto idraulico è oggetto di un’attenta progettazione per garantire il corretto ricircolo, filtraggio e ricambio dell’acqua giornaliero.
L’analisi degli aspetti energetici passa invece in secondo piano, con il rischio per il proprietario dell’impianto di affrontare ogni anno un esborso economico molto elevato.
Le piscine all’aperto sono fortemente energivore, ma raramente gli impianti e le tecnologie impiegate sono orientati alla riduzione dei fabbisogni e all’utilizzo razionale dell’energia, specie nelle realtà più datate.
Al consumo per il riscaldamento delle piscine, bisogna poi sommare quello per la produzione di acqua calda sanitaria in grandi quantità e a temperatura ben più elevata rispetto a quanto richiesto dalle piscine stesse.

E’ un esempio di quanto detto il caso di studio di questa tesi, l’impianto dell’area ricreativa di Sassabanek a Iseo, in provincia di Brescia, dove ogni anno si bruciano in caldaia circa 11000 litri di gasolio per il riscaldamento della piscina scoperta e la produzione dell’acqua calda sanitaria. Questo si traduce in una spesa annua di circa 16000€. Questo valore è destinato certamente ad aumentare, dato il rincaro costante del gasolio per riscaldamento.

Scopo di questa tesi è analizzare se sia possibile ridurre le spese annue di riscaldamento dell’acqua tramite variazioni nella gestione dell’impianto, utilizzando un modello di simulazione del bilancio termico di una piscina che permetta di valutare l’effetto di queste modifiche. Non si propone quindi di ridurre i consumi energetici ricorrendo a costose modifiche o sostituzioni degli impianti, ma ci si chiede se sia possibile ottenere dei benefici economici apprezzabili sfruttando al meglio quanto già presente.
Nel caso in cui i risparmi così ottenuti siano poco significativi, si analizzerà l’effetto di possibili integrazioni secondo la filosofia della minima spesa massima resa.

Ciò che ci si propone di raggiungere assume ancora maggiore importanza se si considera l’attuale contesto economico colpito da una profonda crisi, in cui difficilmente i proprietari degli impianti possono affrontare grosse spese di ammodernamento degli stessi.
Ogni possibile risparmio sulla gestione di una piscina rappresenta dunque un contributo più o meno importante sul bilancio generale.

Nel primo capitolo della presente tesi vengono descritte le diverse tipologie di piscine con le loro caratteristiche costruttive, la classificazione secondo la UNI 10637/2006 e le prove sulla qualità dell’acqua prescritte da tale norma e dal D.g.r. 17 Maggio 2006 – n. 8/2552.
Nel secondo capitolo si analizza il comportamento termico delle piscine, studiando nel dettaglio le perdite e gli apporti di calore cui è soggetta una piscina all’aperto.
Nel terzo capitolo viene descritta la piscina oggetto di studio con le sue caratteristiche impiantistiche. Si descrive inoltre la strumentazione utilizzata per la raccolta dei dati.
Nel quarto capitolo si illustra la modalità di raccolta dei dati che hanno permesso la messa a punto del modello di simulazione del bilancio termico della piscina. Si riportano in via grafica l’andamento della temperatura misurata e di quella simulata per apprezzare la bontà del modello.
Nel quinto capitolo si descrivono i vari tipi di intervento proposti per ottenere una riduzione delle spese per il gestore. Si riportano in forma tabellare i risultati delle diverse simulazioni con le relative analisi dei costi e dei tempi di ritorno dell’investimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE La gestione di un impianto natatorio prevede il rispetto di una normativa sanitaria molto stringente (UNI EN 10637), di conseguenza l’impianto idraulico è oggetto di un’attenta progettazione per garantire il corretto ricircolo, filtraggio e ricambio dell’acqua giornaliero. L’analisi degli aspetti energetici passa invece in secondo piano, con il rischio per il proprietario dell’impianto di affrontare ogni anno un esborso economico molto elevato. Le piscine all’aperto sono fortemente energivore, ma raramente gli impianti e le tecnologie impiegate sono orientati alla riduzione dei fabbisogni e all’utilizzo razionale dell’energia, specie nelle realtà piø datate. Al consumo per il riscaldamento delle piscine, bisogna poi sommare quello per la produzione di acqua calda sanitaria in grandi quantità e a temperatura ben piø elevata rispetto a quanto richiesto dalle piscine stesse. E’ un esempio di quanto detto il caso di studio di questa tesi, l’impianto dell’area ricreativa di Sassabanek a Iseo, in provincia di Brescia, dove ogni anno si bruciano in caldaia circa 11000 litri di gasolio per il riscaldamento della piscina scoperta e la produzione dell’acqua calda sanitaria. Questo si traduce in una spesa annua di circa 16000€. Questo valore è destinato certamente ad aumentare, dato il rincaro costante del gasolio per riscaldamento. Scopo di questa tesi è analizzare se sia possibile ridurre le spese annue di riscaldamento dell’acqua tramite variazioni nella gestione dell’impianto, utilizzando un modello di simulazione del bilancio termico di una piscina che permetta di valutare l’effetto di queste modifiche. Non si propone quindi di ridurre i consumi energetici ricorrendo a costose

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

piscine
caldaia gasolio
copertura piscina
coperture piscina
coperture piscine
riscaldamento piscina
scambiatore calore
sassabanek
bilancio termico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi