Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Banca d'Italia

La tesi che ho discusso in data 15/07/2010 presso l'Università di Pisa verte sulla figura del più importante istituto bancario: la Banca d'Italia.
Nel corpo del mio lavoro ho affrontato le seguenti tematiche: origini della Banca d'Italia, evoluzione della legislazione bancaria italiana, gli organi della banca d'Italia, il ruolo della Banca d'Italia nel sistema europeo delle banche centrali, i poteri della banca d'Italia, la normativa antiriciclaggio e il contributo della banca d'Italia nella lotta al riciclaggio, la natura giuridica delle banca d'Italia e infine la proprietà della Banca d'Italia

Mostra/Nascondi contenuto.
- La Banca d’Italia – 5 INTRODUZIONE Il processo di costituzione delle banche centrali è strettamente legato all’evoluzione politico-economica dei paesi di appartenenza. Nel nostro Paese, le vicende che conducono alla creazione dell’Istituto di emissione riflettono gli sviluppi della nostra storia economica, caratterizzata da un certo ritardo, rispetto agli altri paesi occidentali, nell’avvio del processo di “rivoluzione industriale”. All’atto dell’unificazione nazionale, l’Italia, può essere intesa come un paese “sottosviluppato”, con tale termine si intende indicare una condizione di arretratezza sociale ed economica in genere e in particolare sul piano tecnico-produttivo in cui si trova una collettività nei confronti dei sistemi economici più avanzati 1 . La Banca d’Italia vede così le proprie origini alla fine dell’Ottocento, al culmine di una grave crisi al tempo stesso politica, economica e bancaria. Dopo l’Unità d’Italia, avvenuta nel 1861 e completata con la conquista dello Stato Pontificio con la “Breccia di Porta Pia” il 20 settembre del 1870, le Banche emittenti banconote che operavano sul territorio italiano erano sei: la Banca Nazionale nel Regno, la Banca Nazionale Toscana, la Banca Toscana di Credito, il Banco di Napoli, il Banco di Sicilia e la Banca Romana. L'esigenza di un necessario riordino del sistema creditizio interno, accelerato in seguito allo scandalo della Banca Romana di Tanlongo e la necessità di unificare in un unico istituto l'emissione delle banconote, ai fini di una maggior credibilità internazionale, ebbero finalmente il 1 Cfr. F. BELLI, La legislazione bancaria italiana (1861-2003), G. Giappichelli editore, Torino, 2004, pag. 43.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Musetti Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1658 click dal 13/06/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.