Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti morfometrici della Valle dell'Ofanto presso Lioni (AV)

L’area oggetto di studio è ubicata in Campania centro-orientale, nell’alta valle dell’Ofanto presso il Comune di Lioni (Av). Il tratto di valle oggetto di studio attraversa l’ampia sinclinale, orientata Est-Ovest, del bacino plio-pleistocenico dell'Ofanto. La sinclinale dell’Ofanto , avente una lunghezza di circa 30 km, è situata nella zona assiale della catena, a Nord dei rilievi carbonatici dei Monti Picentini e del Monte Marzano. All'estremità orientale del bacino è situato l’apparato vulcanico del Vulture. Nell’area di Lioni, la valle dell’Ofanto è caratterizzata da un’ampia pianura alluvionale debolmente dissecata (di qui in avanti denominata bacino di Lioni). Oltre questo tratto, l’Ofanto corre in una stretta forra che disseca la successione pliocenica. Il bacino di Lioni è interpretato come un bacino estensionale quaternario, bordato verso NE da una faglia ad orientazione NW-SE (CHIOCCHINI et al., 1986) con attività tardo-quaternaria (CINQUE ET AL., 2000). Il settore di studio ricade nell’ambito delle tavolette IGM in scala 1: 25000 Lioni (F.186 IV SE), S.Angelo dei Lombardi (F.186 IV NE) e Monte Cervialto (F.186 III NO).Il lavoro di tesi svolto ha come oggetto il confronto tra i caratteri morfologici dei due fianchi del bacino di Lioni, condotto attraverso l’analisi morfometrica dei versanti e dei corsi d’acqua che li dissecano. Il lavoro consta di tre fasi principali di attività: Raccolta e studio della bibliografia relativa alla geomorfologia fluviale e all’assetto geologico-strutturale e neotettonico del bacino di Lioni; Elaborazione del DEM dell’area di studio, costruzione dei profili longitudinali dei corsi d’acqua presenti in destra e sinistra orografica dell’Ofanto e delimitazione dei relativi bacini idrografici e calcolo della sinuosità dei versanti bordieri a partire dalla cartografia digitale di dettaglio (Carta Tecnica Regionale in scala 1: 5.000). Analisi e interpretazione dei dati morfometrici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’area oggetto di studio è ubicata in Campania centro-orientale, nell’alta valle dell’Ofanto presso il Comune di Lioni (Av). Il tratto di valle oggetto di studio attraversa l’ampia sinclinale, orientata Est-Ovest, del bacino plio-pleistocenico dell'Ofanto. La sinclinale dell’Ofanto , avente una lunghezza di circa 30 km, è situata nella zona assiale della catena, a Nord dei rilievi carbonatici dei Monti Picentini e del Monte Marzano. All'estremità orientale del bacino è situato l’apparato vulcanico del Vulture. Nell’area di Lioni, la valle dell’Ofanto è caratterizzata da un’ampia pianura alluvionale debolmente dissecata (di qui in avanti denominata bacino di Lioni). Oltre questo tratto, l’Ofanto corre in una stretta forra che disseca la successione pliocenica. Il bacino di Lioni è interpretato come un bacino estensionale quaternario, bordato verso NE da una faglia ad orientazione NW-SE (CHIOCCHINI et al., 1986) con attività tardo- quaternaria (CINQUE ET AL., 2000). Il settore di studio ricade nell’ambito delle tavolette IGM in scala 1: 25000 Lioni (F.186 IV SE), S.Angelo dei Lombardi (F.186 IV NE) e Monte Cervialto (F.186 III NO).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Antonella Pane Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 592 click dal 13/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.