Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proprietà salutistiche degli oli essenziali derivati da erbe e spezie

Gli oli essenziali sono miscugli aromatici di sostanze organiche diverse già conosciuti e prodotti nell’antichità, e in tempi più recenti impiegati nel settore farmaceutico, cosmetico e alimentare per le proprietà da essi derivate.
Si è indagato in particolar modo sugli oli essenziali derivati da erbe e spezie e sui componenti contenuti ai quali si riconducono le proprietà salutistiche.
L’attenzione è rivolta verso le spezie ed erbe tradizionali di uso comune grazie al mercato sempre più in espansione, e verso il loro utilizzo non solo per le proprietà aromatizzanti o conservative ma anche per scopi medicinali.
Già nell’antichità infatti erbe e spezie erano ampiamente utilizzate in cucina ed erano ritenute importantissime per la cura della salute.
L’interesse rivolto agli oli essenziali è dovuto alle attività terapeutiche esercitate tramite molteplici meccanismi d’azione:
-  azione battericida e/o batteriostatiche
-  azione sull’apparato digerente
-  azione sull’apparato cardiocircolatorio
-  azione sul sistema nervoso
-  azione sul sistema endocrino
-  azione sul sistema immunitario
-  azione sull’apparato polmonare
-  azione sull’apparato urinario
-  azione antitossica
-  azione sui tessuti senescenti 
Le numerose attività terapeutiche derivate sono dovute a specifici componenti presenti negli oli essenziali e per questo motivo essi ricoprono un ruolo molto importante, supportato da numerose evidenze epidemiologiche e precliniche, che confermano, tra le altre, proprietà antinfiammatorie e antitumorali. 
I meccanismi d’azione alla base di queste proprietà possono essere di vario tipo, alcuni non ancora del tutto conosciuti ma principalmente sono dovuti a:
-  interferenze con il doppio strato fosfolipidico delle membrane batteriche
-  presenza di strutture fenoliche e sistemi polinsaturi
-  inibizione di enzimi coinvolti nel processo infiammatorio (COX), diminuzione della produzione di mediatori infiammatori (NO, citochine, chemochine, leucotrieni, prostaglandine, ecc.)
-  coinvolgimento di elementi importanti che portano la cellula verso la malignità (NF- κB) 
Tutte queste attività e i meccanismi d’azione correlati sono imputati generalmente ai componenti maggiori contenuti negli oli essenziali, ovvero la classe dei fenilpropanoidi (terpeni, terpenoidi, composti aromatici e alifatici).
Di particolare rilievo è anche l’impiego degli oli essenziali derivati da erbe e spezie aromatiche come ingredienti negli integratori e nell’aromaterapia. 
I prodotti disponibili in commercio sono numerosi, possiamo trovare prodotti a puro e prevalente oppure limitato contenuto in oli essenziale la cui composizione si ritiene conferisca numerosi benefici e proprietà salutistiche.
Si è sottolineata l’importanza di prestare comunque attenzione nell’utilizzo degli oli essenziali per gli eventuali fenomeni di irritazione, allergie e dermatiti e per la possibile presenza di sostanze, come il safrolo e composti analoghi, ritenute tossiche. 
Sorge la problematica della valutazione del consumo di erbe e spezie e dei loro costituenti in quanto l’assunzione avviene in concomitanza di altri alimenti e in piccole quantità, per cui spesso risulta difficile la correlazione con le proprietà conferite.
Data la mancanza di dati precisi, vi è la necessità di ulteriori indagini e di eseguire approfondimenti nel’uso degli oli essenziali, sia in campo alimentare che in tutte le altre applicazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Oli essenziali, erbe e spezie L’interesse verso lo studio dei componenti secondari negli alimenti si fa sempre più vivo in particolar modo verso quegli ingredienti come le erbe e le spezie che si ritiene contengano sostanze aventi proprietà salutistiche. Attualmente il mercato di erbe e spezie, sempre più in espansione, sta rivolgendo con grande enfasi l’attenzione verso le erbe e spezie tradizionali provenienti dalle diverse aree del mondo e verso il loro utilizzo non solo per le proprietà aromatizzanti o conservative ma anche per scopi medicinali. Già nell’antichità l’uso di erbe aromatiche e spezie era ritenuto importantissimo per la cura della salute; esse erano intese come prodotti vegetali che provenivano da Paesi lontani e che quindi non erano facilmente reperibili. Le prime documentazioni sull’uso di erbe e spezie come medicinali e come conservanti alimentari ci giungono dall’antico Egitto, dall’Assiria, dall’antica Roma e Grecia. Le erbe e le spezie sono da secoli usate in cucina sia per conservare più a lungo gli alimenti sia per conferire loro un sapore particolare, che ne esalti alcune caratteristiche. In base a numerose evidenze epidemiologiche e precliniche, risultano interessanti le proprietà antimicrobiche, antiossidanti e antitumorali di diverse erbe e spezie dovute alla presenza di composti che si ritrovano prevalentemente negli oli essenziali i quali ricoprono così un ruolo molto importante. Gli oli essenziali, anche chiamati oli volatili o eterei, sono liquidi oleosi aromatici ottenuti da materiale di origine vegetale; nel caso di erbe e spezie, la distillazione come metodo di produzione era conosciuta in Oriente già da più di duemila anni fa. Nel tredicesimo secolo gli oli essenziali cominciarono ad essere prodotti dalle farmacie ed i loro effetti farmacologici furono descritti nelle farmacopee; attualmente essi sono utilizzanti ampiamente come aromi alimentari, nei profumi e nel settore farmaceutico per le loro proprietà funzionali. Nonostante queste osservazioni vi è la necessità di ottenere informazioni più complete riguardo a quei componenti dietari, quali appunto erbe e spezie, in grado di esplicare un’attività salutistica e i target molecolari eventualmente interessati.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Farmacia

Autore: Eleonora Ferrari Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5092 click dal 14/06/2013.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.