Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Oscillatori elevatori di tensione per il recupero di micropotenze ambientali da sorgenti a radiofrequenza

Nel presente elaborato è trattato l’innesco di un sistema di recupero ambientale di energia da sorgenti a radiofrequenza, captate tramite rectenna, nell’ambito di un sistema completamente autonomo dal punto di vista energetico, quindi non dotato di batteria ricaricabile interna. Dopo un’analisi dei problemi da affrontare e delle possibili soluzioni tecniche per gestire le micropotenze restituite dalla rectenna, ci si concentra in modo preferenziale sul ruolo del condensatore posto sulla porta d’ingresso dell’oscillatore di Meissner, che è utilizzato come elevatore di tensione per attivare gli stadi successivi. Sfruttando le esperienze con lo stesso oscillatore pilotato da altri sensori di energy harvesting, è possibile determinare approssimativamente se il circuito si presta o meno all’utilizzo con le rectenne nei campi RF, suggerendo eventuali migliorie da apportare per facilitarne il funzionamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO1 GENERALITÀ SUL RECUPERO DI ENERGIA Nullasicrea,nullasidistrugge,tuttosi trasforma. ANTOINE DE LAVOISIER Cent’anni fa era un lusso avere la distribuzione di corrente elettrica nelle abitazioni civili, era anzi normale vivere senza l’ausilio di strumentialimentati dall’energiaelettrica(chenonesistevano). Oggi,dopounpaiodidecenniincui l’introduzione di ogni genere di elettrodomestico e apparecchiatura elettronica ha forzato la popolazione a cambiare le proprie abitudini, lo spreco di energia avviene di continuo, anche in questo momento: il computer e il modem Wi-Fi sono accesi mentre nessuno li sta usando; lo smartphone è inoperoso, ma pur sempresveglio;magaric’èancheunalampadinaaccesa,edèpienogiorno. Lavoisier suggerisce che non possiamo sperare di accendere una lavatrice con la misera energia del campo elettromagnetico della comunicazione Wi-Fi chesidisperdedagliapparecchiinstandby: però,possiamorecuperarel’energia dispersanell’ambiente (energy harvesting) dai dispositivi elettronici e meccanici e farci qualcosa di buono, ad esempio caricare una piccola pila che alimenta un orologio, o magari un sensore, o un apparecchio medicale impiantato nel corpo. Meglioancorasetuttociòfunzionassesenzabatteria-tampone;acostodi essereoperativosolomentrei trasmettitoriWi-Fi oil cellulare sonoaccesi, quel dispositivoavràvitaeterna. Prima di entrare nel dettaglio degli studi effettuati, bisogna evidenziare la particolare difficoltà di lavorare con micro-potenze, cioè quelle ottenute da ten-

Diploma di Laurea

Facoltà: Seconda Facoltà di Ingegneria

Autore: Marco Alessandrini Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 404 click dal 14/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.