Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diagnostica energetica in real time di uno smart building

La tesi svolta presso il Centro Ricerche Casaccia di ENEA concerne l'implementazione, tramite codice JAVA, di un metodo robusto e affidabile in grado di individuare in modo automatico e in tempo reale eventuali anomalie e risalire alle cause che le hanno generate in maniera diretta, rapida e semplice senza dispersione di forze e di tempo per dover andare a ricercare un guasto, evidenziando anche la criticità della situazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Le attività di stage e tesi, svolte presso l’ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile ENEA, s’inquadrano nell’ambizioso progetto internazionale sulle Smart Cities che negli ultimi anni sta assumendo una considerazione preponderante. Non esiste una definizione univoca di smart city: lo studioso olandese Peter Nijkamp nel documento Smart cities in Europe afferma che una città è smart quando “ gli investimenti in capitale umano e sociale, le infrastrutture di comunicazione tradizionali (trasporti) e moderne (ICT), alimentano una crescita economica sostenibile ed un’elevata qualità della vita, con una sapiente gestione delle risorse naturali, ricorrendo ad una governance partecipata.”[1]. Il concetto di smart city è divenuto un paradigma su cui si focalizzano amministratori, urbanisti, sociologi, economisti, ricercatori, che individua un modello urbano in grado di migliorare il benessere degli abitanti in essa residenti nella consapevolezza che, tanto più una città è vivibile, tanto più aumenta il livello di creatività, delle opportunità di sviluppo, di lavoro, di partecipazione, d’integrazione e di coesione sociale. I principali aspetti che rientrano in questo contesto sono [2]:  Governance partecipativa: rivedere le strategie amministrative e decisionali coinvolgendo i cittadini nei temi di rilevanza pubblica; intraprendere iniziative e investire le fonti di finanziamento a disposizione su temi d’interesse comune volte all’integrazione sociale , alla libera fruizione dei servizi da parte del cittadino e all’eliminazione delle barriere sociali ; utilizzare strumenti tecnologici per digitalizzare ed abbreviare gli iter burocratici;  Ambiente: incentivare la riduzione della quantità di rifiuti e la raccolta differenziata; razionalizzare l’illuminazione pubblica e l’edilizia, così da abbattere l’imp atto del riscaldamento e della climatizzazione; salvaguardare le aree verdi e recuperare quelle dismesse; sviluppare soluzioni tecnologiche per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili e per i relativi sistemi di distribuzione per conseguire l’obiettivo di avere una città completamente sostenibile;

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Marino Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 621 click dal 18/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.