Skip to content

Il Microcredito: strumento di sviluppo socio-economico per i più deboli

Informazioni tesi

  Autore: Clara Pasqualetto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Danilo Bano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Lo studio presentato nelle seguenti pagine ha lo scopo di introdurre e analizzare il fenomeno del Microcredito, visto il suo costante espandersi nei mercati globali e il grande interesse suscitato dagli esperienze finora condotte in diverse realtà mondiali.
Con il passare degli anni, con il proliferare di tecnologie, e nonostante gli sforzi di migliaia di istituzioni e di volontari, la povertà sta dilagando e il divario tra paesi ricchi e paesi sottosviluppati si sta accentuando in maniera irreversibile. Accanto a tali considerazioni è nato uno strumento finanziario, il Microcredito, che sta dimostrando di poter essere un valido alleato per sconfiggere la povertà. L’obiettivo della microfinanza, infatti, è quello di interrompere il vortice del circolo vizioso in cui cadono migliaia di famiglie che, essendo soggetti “non bancabili”, si rivolgono a strozzini piuttosto che alle banche convenzionali, divenendo così schiavi del proprio debito. Bisogna essere consapevoli del fatto che il Microcredito non costituisce un rimedio a tutti i problemi dello sviluppo economico, ma sicuramente può rappresentare un modello concreto di relazione tra chi aiuta e chi riceve aiuto. Già oggi promuove la coesione sociale, sia attraverso l’attivazione di energie produttive, ma anche mediante investimenti in capitale umano, in una prospettiva globale di crescita basata sulla mobilitazioni di tutte le risorse esistenti. Il Microcredito, favorendo l’accesso al credito e l’avvio di attività produttive, svolge un ruolo fondamentale in tale processo di sviluppo, includendo nell’economia quei soggetti “non bancabili”, troppo poveri per fornire garanzie alle banche e quindi esclusi dal settore formale del credito. In tal modo si instaura un circolo economico anche nelle aree meno sviluppate. Povertà, sviluppo dal basso, fiducia, reciprocità: sono questi i temi che hanno attirato l’interesse degli economisti.
Non stupisce, dunque, che il microprestito stia acquisendo sempre più importanza nei mercati finanziari globali, tanto che le Nazioni Unite hanno proclamato il 2005 come “Anno Internazionale del Microcredito”. La motivazione di tale decisione si può leggere nella frase di apertura di tale Assemblea:
“Il microcredito ha continuato, e continua, a cambiare l’esistenza delle popolazioni, e a ridar vita alle comunità sin dall’albore dei commerci. Al giorno d’oggi, i micro-imprenditori utilizzano microprestiti, dell’ordine dei cento dollari, per sviluppare attività di successo e, di conseguenza, prendersi cura delle loro famiglie, dando così vita a economie locali forti e in sviluppo. L’anno del microcredito 2005 propone la creazione di settori finanziari capaci di includere, e il rafforzamento del potente, ma spesso inutilizzato, spirito imprenditoriale esistente nelle comunità presenti nel mondo”.
Il microcredito appare dunque come uno strumento carico di speranze, di opportunità. È un tema sul quale riflettere, poichè genera molte domande: cos’è il microcredito? Dove può essere applicato? Come si può espendere l’accesso ai servizi finanziari anche ai più poveri? È davvero efficace? Sono solo alcune delle numerose domande che bisogna affrontare. Molti personaggi di fama internazionale hanno affermato che il microcredito può rappresentre un valido strumento di lotta alla povertà. Tra i più noti, Hillary Clinton, che nel Vertice del Microcredito sostiene:
“[Il microcredito] non è soltanto un modo per offrire agli individui maggiori opportunità sul piano economico. E’ un intervento che modifica i rapporti all’interno della comunità, che mobilità il senso di responsabilità delle persone; che parte dal principio che nel mondo di oggi tutti gli esseri umani esistono in un rapporto di interconnessione e di interdipendenza. [Agire con il microcredito] significa capire che nel nostro paese la sorte di un beneficiario della pubblica assistenza di Denver o di Washington è inestricabilmente intrecciata con la sorte di tutti noi; significa capire che sollevare i poveri dalla miseria in India o in Bangladesh si ripercuote beneficamente sull’intera comunità, creando un fertile terreno perché la democrazia possa vivere e prosperare, e perché la gente possa avere speranza nel futuro”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - Introduzione In una società la qualità della vita non dovrebbe essere giudicata dallo stile di vita dei ricchi, ma da quello di coloro che sono ai gradini più bassi della scala sociale. Muhammad Yunus Lo studio presentato nelle seguenti pagine ha lo scopo di introdurre e analizzare il fenomeno del Microcredito, visto il suo costante espandersi nei mercati globali e il grande interesse suscitato dagli esperienze finora condotte in diverse realtà mondiali. Con il passare degli anni, con il proliferare di tecnologie, e nonostante gli sforzi di migliaia di istituzioni e di volontari, la povertà sta dilagando e il divario tra paesi ricchi e paesi sottosviluppati si sta accentuando in maniera irreversibile. Accanto a tali considerazioni è nato uno strumento finanziario, il Microcredito, che sta dimostrando di poter essere un valido alleato per sconfiggere la povertà. L’obiettivo della microfinanza, infatti, è quello di interrompere il vortice del circolo vizioso in cui cadono migliaia di famiglie che, essendo soggetti “non bancabili”, si rivolgono a strozzini piuttosto che alle banche convenzionali, divenendo così schiavi del proprio debito. Bisogna essere consapevoli del fatto che il Microcredito non costituisce un rimedio a tutti i problemi dello sviluppo economico, ma sicuramente può rappresentare un modello concreto di relazione tra chi aiuta e chi riceve aiuto. Già oggi promuove la coesione sociale, sia attraverso l’attivazione di energie produttive, ma anche mediante investimenti in capitale umano, in una prospettiva globale di crescita basata sulla mobilitazioni di tutte le risorse esistenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi