Skip to content

Progettare Information Dashboard: usabilità e accessibilità nel progetto TMA-1

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Bianchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giorgio Poletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

I siti web non sono altro che artefatti, nella fattispecie artefatti tecnologici, cioè oggetti creati e sviluppati dall’uomo, che si differenziano dagli oggetti creati dalla natura per essere determinati da una “intenzione”. Vi sono innumerevoli modi per classificare gli artefatti stessi, ad esempio, attraverso la distinzione tra “oggetti d’uso” e “oggetti comunicativi”. Tuttavia, questa divisone può non essere così netta: basti pensare alle grandi e meravigliose opere di architettura che ci circondano: sono oggetti d’uso certo, ma hanno anche spiccate proprietà comunicative. Allo stesso modo, anche un sito web è costituito da una componente comunicativa, e questo significa che il suo scopo primario sarà quello di riuscire a conseguire la “comunicazione”, la quale si realizzerà soltanto al completamento dell’atto comunicativo, cioè quando raggiungerà con successo i suoi destinatari. Potrebbe essere necessario a questo punto fare un passo indietro e chiederci che cosa si intende per comunicazione. Potremmo dire che è un atto in una situazione, o anche quando qualcuno comunica qualcosa a qualcun altro, oppure, ancor più genericamente, che è il “modo” di trasferire e liberare le nostre conoscenze. Quindi, senza una comunicazione adeguata tutte le informazioni rimarrebbero imprigionate all’interno del nostro sito, non realizzando l’atto comunicativo e, di conseguenza, non raggiungendo il fine ultimo di creazione del sito, ovvero comunicare informazioni all’utente. Arriviamo così a chiarire lo scopo del presente lavoro: realizzare un prototipo di alto livello incentrato sull’utente, utile e utilizzabile, in grado di evitare la cosiddetta decodifica aberrante da parte del destinatario. Per far questo, il nostro viaggio inizierà da molto lontano, dall’esplorazione dello stato dell’arte dell’usabilità delle interfacce web, per poi proseguire con la descrizione e l’applicazione di fondamentali linee guida per la progettazione di un dashboard avanzato totalmente incentrato sull’utente, e concludersi con test di usabilità, al fine di comprovare se ciò che abbiamo creato è riuscito nel suo intento comunicativo, migliorando l’esperienza dell’utente stesso.
Nel Capitolo 1 percorreremo trasversalmente il campo d’indagine della comunicazione su internet, cercando di dimostrare i motivi per i quali un processo informativo possa fallire.
Nel Capitolo 2 affronteremo il tema dell’usabilità, tentando di collegarlo alla cosiddetta esperienza utente, al fine di dimostrare che applicare concretamente i principi di usabilità significa “prendersi cura” dell’esperienza utente.
Nella parte successiva del lavoro prenderemo in considerazione le varie fasi del processo di sviluppo del progetto, e, nello specifico, nel Capitolo 3 tenteremo di trovare una collocazione al nostro prototipo all’interno dei processi di manutenzione applicati da Rete Ferroviaria Italiana s.p.a., dando enfasi alle metodologie di progettazione incentrate sull’utente e cercando di personalizzarne una per conseguire i nostri obiettivi di comunicazione.
Nel Capitolo 4 percorreremo passo per passo tutte le fasi della progettazione: dalla raccolta e valutazione dei requisiti, allo studio dell’interazione uomo-macchina e dell’architettura dell’informazione, per terminare con l’ideazione e costruzione dell’interfaccia grafica adottando importanti attributi preattentivi e gli ormai classici principi della Gestalt.
Nel Capitolo 5 proporremo lo studio e i risultati dei test di usabilità effettuati sugli utenti sia attraverso tecniche tradizionali, sia attraverso il più innovativo eye-tracking.
In conclusione, i test dimostrano l’efficacia dei principi applicati, quindi la realizzazione dell’atto comunicativo. Il “qualcuno” è riuscito, costruendo ed emettendo un segno in base ad un codice e un contesto condiviso, a comunicare “qualcosa”, i contenuti del dashbord costituiti da grafici e tabelle, a “qualcun altro”, il destinatario della comunicazione, che ha ricavato, evitando decodifiche aberranti, quel “qualcosa”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
v Prefazione I siti web non sono altro che artefatti, nella fattispecie artefatti tecnologici, cioè oggetti creati e sviluppati dall’uomo, che si differenziano dagli oggetti creati dalla natura per essere determinati da una “intenzione”. Vi sono innumerevoli modi per classificare gli artefatti stessi, ad esempio, attraverso la distinzione tra “oggetti d’uso” e “oggetti comunicativi”. Tuttavia, questa divisone può non essere così netta: basti pensare alle grandi e meravigliose opere di architettura che ci circondano: sono oggetti d’uso certo, ma hanno anche spiccate proprietà comunicative. Allo stesso modo, anche un sito web è costituito da una componente comunicativa, e questo significa che il suo scopo primario sarà quello di riuscire a conseguire la “comunicazione”, la quale si realizzerà soltanto al completamento dell’atto comunicativo, cioè quando raggiungerà con successo i suoi destinatari. Potrebbe essere necessario a questo punto fare un passo indietro e chiederci che cos’è la comunicazione. Potremmo dire che è un atto in una situazione, o anche quando qualcuno comunica qualcosa a qualcun altro, oppure, ancor più genericamente, che è il “modo” di trasferire e liberare le nostre conoscenze. Quindi, senza una comunicazione adeguata tutte le informazioni rimarrebbero imprigionate all’interno del nostro sito, non realizzando l’atto comunicativo e, di conseguenza, non raggiungendo il fine ultimo di creazione del sito, ovvero comunicare informazioni all’utente. Arriviamo così a chiarire lo scopo del presente lavoro: realizzare un prototipo di alto livello incentrato sull’utente, utile e utilizzabile, in grado di evitare la cosiddetta decodifica aberrante da parte del destinatario. Per far questo, il nostro viaggio inizierà da molto lontano, dall’esplorazione dello stato dell’arte dell’usabilità delle interfacce web, per poi proseguire con la descrizione e l’applicazione di fondamentali linee guida per la progettazione incentrata sull’utente, e concludersi con test di usabilità, al fine di comprovare se ciò che abbiamo creato sia riuscito nel suo intento comunicativo, migliorando l’esperienza dell’utente stesso. Nel Capitolo 1 percorreremo trasversalmente il campo d’indagine della comunicazione su internet, cercando di dimostrare i motivi per i quali un processo informativo possa fallire.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

usabilità
web usability
user experience
dashboard
visual design
accessibilità
cruscotto
progettare
ux
information dashborad

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi