Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le opere di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco

L’obiettivo principale che la tesi si prefigge di raggiungere è poter offrire al lettore una visuale sulla ricezione del teatro di Eduardo De Filippo in Grecia registrando le recensioni dell’ epoca. Per economia di spazio intendo solo trattare le opere rappresentate nei maggiori teatri greci che hanno una rilevanza storica di fama internazionale. Cosi questo lavoro si snoda in tre sezioni: Teatro D’ Arte di Karolos Koun, Teatro Nazionale Greco (Atene) e Teatro Nazionale della Grecia del Nord (Salonicco). La ricerca è stata possibile grazie agli archivi dei teatri di cui sopra mentre per il teatro d’ Arte di Karolos Koun, materiale di valore ha rappresentato il volume Karolos Koun: Le rappresentazioni, curatore scientifico Plàton Mavromoùstakos, editore Museo Benaki, Atene 2008.

Le opere di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco sono un tema di ricerca puntuale e circoscritto che si colloca all’interno di un percorso ben più ampio. La vera novità della ricerca consinste, quindi, nell’ introduzione della critica greca nella storia della critica teatrale italiana.

Il nucleo essenziale delle recensioni fornisce un quadro amplissimo essendo focalizzato sulla drammaturgia eduardiana che concepisce l’ uomo come un «piccolo mondo», in cui è riflesso l’ universo, dichiarando in questo modo il suo rapporto palese con il neorealismo fiorito in Italia che, basandosi sulla realtà, e vedendola con semplicita, criticamente, interpreta la vita come è e gli uomini come sono. Un neorealismo di origine documentaristica e di forte coscienza sociale. Il realismo di Eduardo è un realismo umano o, più che umano, un realismo dei valori umani. I suoi personaggi sono «tipi» presi dalla vita e non «attori». Non dimentichiamoci che il neorealismo del cinema italiano è discepolo, morfologicamente e come stile, della grande tradizione teatrale di Scarpetta, di Bertolazzi (El nost Milan che lo rappresentò in modo straordinario Strehler, e precede come tematologia perfino “i Bassi Fondi’’ di Gorky) e dello stesso De Filippo prima della Guerra. Cosi Eduardo rimane sempre nella coscienza del teatro greco un filosofo della realtà, un maestro del pensiero tragico-comico, che ha il compito di sviluppare “la più alta coscienza del mondo e della vita’’, rinunciando alla visione dogmatica e metafisica della vita consacrata alla trasformazione dei costumi sociali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Le opere di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco | 3 L’ obiettivo e la struttura della Tesi L’obiettivo principale che la tesi si prefigge di raggiungere è poter offrire al lettore una visuale sulla ricezione del teatro di Eduardo De Filippo in Grecia registrando le recensioni dell’ epoca. Per economia di spazio intendo solo trattare le opere rappresentate nei maggiori teatri greci che hanno una rilevanza storica di fama internazionale. Cosi questo lavoro si snoda in tre sezioni: Teatro D’ Arte di Karolos Koun, Teatro Nazionale Greco (Atene) e Teatro Nazionale della Grecia del Nord (Salonicco). La ricerca è stata possibile grazie agli archivi dei teatri di cui sopra mentre per il teatro d’ Arte di Karolos Koun, materiale di valore ha rappresentato il volume Karolos Koun: Le rappresentazioni, curatore scientifico Plàton Mavromoùstakos, editore Museo Benaki, Atene 2008. Il presente si articola in tre capitoli: 1. Teatro d’ Arte di Karolos Koun i. 1948. Questi Fantasmi ii. 1953. Napoli Milionaria iii. 1963. Questi Fantasmi iv. 1986. Le voci di dentro 2. Teatro Nazionale Greco i. 1970. Il sindaco del Rione Sanità ii. 1986. Questi Fantasmi iii. 1997. Napoli Milionaria 3.Teatro Nazionale della Grecia del Nord i. 1989. Sabato, Domenica e Lunedi ii. 1992. Gli esami non finiscono mai Ogni capitolo si compone delle rappresentazioni in ordine cronologico. Ognuno di esse comprende la sinossi dell’ attività artistica di ognuno dei tre teatri, le locandine degli spettacoli distintinguibili dalla formulazione: Autore - Titolo rappresentazione - Eventuale compagnia, Personaggi e interpreti, Data della Prima e teatro, Replica (eventuale), Tournée (eventuale). Segue la critica dove si registrano documenti e giudizi critici che sono conservati sugli archivi dei teatri e il proprio materiale fotografico indicativo (dove mancano questi ultimi è dovuto all’ irreperibilità dagli archivi dei teatri). Le traduzioni di tutti i documenti e i giudizi critici dal greco all’ italiano sono del redattore.

Tesi di Master

Autore: Georgios Katsantonis Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 465 click dal 25/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.