Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le agenzie di viaggio e turismo - Il caso del Gruppo Foderaro

Un’azienda che sopravvive al mercato, oramai soggetto a una globalizzazione così ampia da trasformare lo stesso allargandolo in ampiezza e dinamicità, deve avere tra gli obiettivi primari la competitività. Il sistema imprenditoriale italiano è costituito in prevalenza da piccole e medie imprese anziché grandi multinazionali, ed è proprio per questo motivo che l’azienda, tenendo conto del tessuto economico e sociale, deve puntare su uno sviluppo dimensionale, organizzativo e della gestione tale da battere la concorrenza. Frequentando il corso di laurea in Scienze turistiche ho potuto analizzare più approfonditamente il caso delle imprese turistiche che nascono in un mercato ben più sensibile rispetto alle aziende degli altri settori, sia per una caratteristica propria del mercato turistico, sia per le influenze dello scenario locale, nazionale e internazionale. Il presente elaborato si concentrerà sull’analisi delle agenzie di viaggi e servizi e sul loro ruolo all’interno della filiera turistica ponendo maggiore attenzione al caso specifico del Gruppo Foderaro.
Il primo capitolo, fondamentale per una prima contestualizzazione dell’argomento trattato, introdurrà al concetto di “turismo” per poi arrivare a quello di prodotto turistico. Esso terminerà con la definizione di agenzia di viaggi e servizi illustrandone elementi e caratteristiche. Il secondo capitolo illustrerà le principali strategie di gestione che portano le imprese a uno sviluppo aziendale e a una crescita dimensionale. La definizione di gruppo aziendale servirà infine a introdurre il terzo capitolo che rappresenta la parte principale del lavoro in cui è descritta una delle realtà più importanti e floride del panorama turistico calabrese, il Gruppo Foderaro. Saranno messe in risalto la sua storia e quella del Presidente, illustrata la situazione odierna con la divisione nei tre settori principali in cui opera e inoltre esposte le strategie che proietteranno il gruppo nel futuro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 I. CAPITOLO: L’AGENZIA DI VIAGGI E SERVIZI ED IL SUO RUOLO 1. La definizione di turismo Per una corretta analisi del mercato turistico e delle sue componenti non si può non chiarire che cosa s‟intende effettivamente con il termine turismo. Generalmente la definizione più conosciuta e universalmente accettata è quella dell‟Organizzazione Mondiale del Turismo, un dipartimento delle Nazioni Unite, il quale lo definisce come “le attività delle persone che viaggiano verso e si trovano in luoghi diversi dal proprio ambiente abituale per un periodo complessivo non superiore a un anno consecutivo a scopo di svago, affari o per motivi diversi dall‟esercizio di un‟attività remunerata all‟interno dell‟ambiente visitato”. Le prime definizioni risalgono agli anni ‟30 e ‟40, anni in cui si svolgono studi approfonditi della materia. Secondo Norval il turismo è “un movimento generato da chi entra in un paese straniero, permanendovi almeno ventiquattro ore e trasferendovi denaro altrove introitato” (1937); secondo Hunziker e Krapf esso è “un insieme di rapporti e di fenomeni che risultano dal viaggio e dal soggiorno di persone non residenti, purché il loro trasferimento non dia luogo a insediamento e non sia legato ad alcuna attività lucrativa principale” (1942). Le variabili estraibili da queste prime definizioni sono costanti e rimarranno tali fino agli anni ‟60, infatti se le definizioni precedenti includono lo spostamento, la durata del viaggio ed il trasferimento del reddito, successivamente si inserirà anche la variabile motivazione. Così nel 1963 l' ONU prendendo in considerazione tutte queste variabili definisce il turista “una persona che viaggia per divertimento, ragioni familiari, salute, riunioni, affari, studio, che soggiorna per un minimo di ventiquattro ore in una nazione o regione diversa da quella in cui risiede normalmente”. Nel 1991, Nano sostiene che esso “è praticato con lo scopo di arricchire le proprie conoscenze, oppure di migliorare la propria salute o ancora di divertirsi ed evadere dai normali comportamenti della vita quotidiana “. Come specificato prima, nel 1994 arriva la definizione più importante di turismo redatta dall‟OMT (Organizzazione Mondiale per il Turismo) la quale ha preso vita

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marco Lucà Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1366 click dal 25/06/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.