Skip to content

La Valutazione Degli Impatti Sul Paesaggio Urbano - Il “Grattacielo” Di Trani

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Antonacci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Architettura
  Relatore: Carmelo Torre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

L’approvazione del PUG (Piano Urbanistico Generale) della città di Trani nel marzo del 2009 ha l’obiettivo di definire l’assetto strutturale del territorio comunale, finalizzato alla tutela ed alla valorizzazione della sua identità storica, ambientale e culturale, e di definire le previsioni programmatiche finalizzate al soddisfacimento dei fabbisogni nei settori residenziale, produttivo e infrastrutturale.
L’introduzione del nuovo strumento urbanistico punta anche a dar nuova linfa al settore delle costruzioni della città, da tempo imbrigliato nella staticità del vecchio PRG (Piano Regolatore Generale) risalente agli anni ’70.
In questo contesto trova spunto lo studio effettuato, riferito alla sostenibilità di un caso particolare ed unico nel tessuto urbano della città: il progetto di un “grattacielo”.
Trani è caratterizzata da uno skyline costante e l’inserimento di una tipologia nuova nel panorama cittadino pone interessanti quesiti.
Obiettivo dell’analisi effettuata non è quello di rispondere a questi quesiti ma è quello di definire gli elementi e i criteri necessari a capire e giustificare univocamente le scelte da adottare per un procedimento di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) necessario per situazioni particolari quali quella in esame.
Il primo capitolo punta l’attenzione sulla tipologia edilizia dell’edificio alto, facendo un excursus storico dai suoi “antenati” fino alla vera e propria nascita del grattacielo.
Importante è anche capire come la questione sugli edifici alti si è sviluppata nel corso del tempo, cercando di analizzare le voci più autorevoli dell’architettura e dell’ingegneria, provando infine ad ipotizzare quale sarà il futuro dei grattacieli.
Nel secondo capitolo è stata affrontata la tematica della Valutazione Ambientale percorrendo la sua evoluzione dai primi passi, all’introduzione nei Paesi Europei, fino alla situazioni italiana attuale.
Nella determinazione degli impatti più significativi si è posto l’accento nel terzo capito su quelli nel caso in questione di tipo visivo. Questo tipo di impatto a sua volta dipende strettamente dal paesaggio, dalla sua trasformazione e dalla diretta interazione con l’uomo, dalla geometria, dalla percezione sia individuale che sociale, dall’estetica ambientale.
Il quarto capitolo affronta il tema giuridico della Valutazione di Impatto, analizzando come la norma definisce l’ambiente, l’ecosistema l’habitat, l’impatto ambientale e il danno ambientale.
Il caso di studio è analizzato nel quinto capitolo in cui è descritta la storia della città di Trani per capire in quale contesto si inserisce la trattazione. L’edificio è descritto dalle stesse parole del progettista relative alla relazione allegata alle tavole di progetto per non apporre modifiche critiche personali. Il metodo di valutazione è relativo alla ricerca di indici e metodiche di analisi che possano porsi come strutturate e organizzate secondo una struttura definita accompagnando e giustificando decisioni e scelte progettuali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1.1 Gli antenati dei grattacieli Oggi ci si domanda se i grattacieli hanno ancora un futuro. Ma qual è il loro passato? “Un tempo tutta l’umanità parlava la stessa lingua e usava le stesse parole. Pensarono di adoperare mattoni al posto delle pietre e bitume invece della calce. Poi dissero: ‘Forza! Costruiamoci una città! Faremo una torre alta fino al cielo! Così diventeremo famosi e non saremo dispersi in ogni parte del mondo!’.La città fu chiamata Babele, cioè Confusione, perché fu lì che il Signore confuse la lingua degli uomini e li disperse in tutto il mondo.” La torre di Babele Così il mito biblico della Torre di Babele, cerca di spiegare la pluralità delle lingue umane mettendo insieme la somiglianza tra il nome di Babilonia, in realtà Bab-Ili, “Porta di Dio”, e la parola ebraica balal, che significava “confondere”. E poi c’è l’uso babilonese di costruire le ziggurat, alte torri destinate all’osservazione del cielo; e l’idea che i babilonesi, storici nemici del “popolo eletto”, fossero per questo invisi a Dio, e dunque andassero considerate maledette le loro usanze. L’idea di “avvicinarsi al cielo” attraverso costruzioni era considerata profana e sacrilega in tutte le religioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impatto ambientale
valutazione ambientale
trani
architettura verticale
vista del paesaggio
impatti visivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi