Skip to content

Hong Kong: da colonia a Regione Amministrativa Speciale

Informazioni tesi

  Autore: Ricardo Ma
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Flavia Solieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

Sebbene i primi insediamenti risalgano al Neolitico, i territori dell'odierna Hong Kong rimasero ai margini della storia fino al XIX secolo quando la zona e i piccoli villaggi di pescatori furono occupati durante la Prima Guerra dell'Oppio (1839 – 1842) dalla Gran Bretagna nel 1841.
Le Guerre dell'oppio furono due conflitti (dal 1839 al 1842 la prima e dal 1856 al 1860 la seconda) scatenatisi per motivi commerciali e finanziari tra l'Impero Cinese della dinastia Qing e il Regno Unito di sua Maestà la Regina Vittoria d'Inghilterra. La Gran Bretagna volle aprire al mercato cinese il traffico dell'oppio proveniente dall'India, ma l'imperatore cinese, contrario a questi turbamenti, inasprì i divieti sulla droga, scatenando con ciò il conflitto. Ma la sconfitta dell'Impero Cinese in entrambe le guerre costrinse il paese a tollerare il commercio dell'oppio e a firmare con gli inglesi il Trattato di Nanchino (1842) e il Trattato di Tianjin (1860), coi quali si impose alla Cina di aprirsi all'esterno per consentire i lucrosi scambi commerciali con gli occidentali, e si sancì la cessione di Hong Kong al Regno Unito.
Il Trattato di Nanchino, che sancì dunque la cessione dell'isola di Hong Kong alla Gran Bretagna, ebbe un'appendice nel 1860, quando allo stesso Regno Unito venne ceduta anche la penisola di Kowloon, mentre la rimanente parte della regione venne ceduta solo temporaneamente, per un periodo di 99 anni, a partire dal 1º luglio 1898.
Tuttavia, nel 1984 una Dichiarazione congiunta cino-britannica stabilì che allo scadere del periodo di controllo britannico (30 giugno 1997), l'intera regione sarebbe tornata alla Repubblica Popolare Cinese, ma sotto forma di Regione Amministrativa Speciale a datare dal 1 luglio 1997.

In quella Dichiarazione Congiunta, Deng Xiaoping formulò il principio di "Un paese, due sistemi" in cui ad Hong Kong si garantiva libertà amministrativa e la si dotava di una propria valuta, il dollaro di Hong Kong, ma si delegavano alla Cina i compiti di politica estera e difesa militare per un periodo di 50 anni, fino al 2047.
In conclusione, il terzo ed ultimo capitolo è incentrato in particolar modo sulla questione religiosa e cinematografica.
Buddhismo, Taoismo e Confucianesimo fondono i loro principi e la loro filosofia ed ovunque, nei templi, santuari e monasteri sparsi nel territorio è possibile trovare elementi appartenenti ai diversi culti.
Allo scopo di migliorare il proprio destino, i cinesi – ai quali non piace lasciar tutto alla fortuna – dedicano una certa cura al culto dei morti, con riti ancestrali, doni e preghiere ai defunti e agli spiriti. Così facendo credono di portare la buona sorte, la prosperità e la ricchezza dalla loro parte rendendosi benevoli dei e spiriti o perlomeno allontanando gli spiriti cattivi. Anche il consiglio degli indovini, specie di quelli che operano intorno ai templi, è ritenuto importante per pianificare la propria vita. Allo stesso modo date e numeri sono fortemente simbolici per i cinesi; nelle date considerate di buon auspicio e garanzia di successo si programmano i matrimoni, si pongono prime pietre di edifici, si aprono nuove attività.
Per ciò che concerne l'industria cinematografica di Hong Kong, essa ha sviluppato numerose pellicole nel corso degli anni; da Lai Manwai, conosciuto anche come il padre del cinema di Hong Kong, ai film più recenti, l'industria cinematografica di Hong Kong si è guadagnato il terzo posto come produttore mondiale di film dopo gli Stati Uniti e l'India.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I L'ASCESA DELLA POTENZA BRITANNICA A partire dal 1° luglio 1997, dopo un lungo periodo di dipendenza coloniale sotto il controllo della Gran Bretagna, Hong Kong torna a far parte del dominio cinese. Tuttavia in seguito agli accordi stipulati dal 1997 in poi, Hong Kong si trasforma in Regione Amministrativa Speciale (Ras), all'interno del sistema amministrativo e territoriale della Repubblica Popolare Cinese. Storicamente la colonia di Hong Kong era suddivisa in tre parti: l'isola di Hong Kong, ceduta dall'impero cinese nel 1842 alla Gran Bretagna, in seguito alla sconfitta cinese nel corso della prima guerra dell'oppio; la penisola di Jiulong (Kowloon), ceduta alla Gran Bretagna nel 1860; infine ci sono i “Nuovi territori” affittati alla Gran Bretagna dalla Cina nel 1898 per la durata di 99 anni, e si estendono a nord di Kowloon verso il confine con la Cina, inglobando così numerose isole 1 . Per ciò che concerne la vita politica, il governo britannico a Hong Kong è stato costituito da un Consiglio Esecutivo, che rivelava la presenza di quattro ministri cinesi, e un Consiglio Legislativo (La popolazione complessiva della penisola di Hong Kong conta circa sette milioni di abitanti, di cui il 98% è cinese; ma si stima anche la presenza di numerosi europei.) 2 . Hong Kong era allora amministrata da un governatore britannico, ma fu 1 G. Samarani, La Cina del Novecento, Torino, Giulio Einaudi editore, 2004, p. 379. 2 P. Macdonald, National Geographic, Vercelli, White Star, 2005, p. 16. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

green paper
hong kong
guerra dell'oppio
colonia britannica
joint declaration
cinema di hong kong
ras
regione amministrativa speciale
sanjiao

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi