Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hong Kong: da colonia a Regione Amministrativa Speciale

Sebbene i primi insediamenti risalgano al Neolitico, i territori dell'odierna Hong Kong rimasero ai margini della storia fino al XIX secolo quando la zona e i piccoli villaggi di pescatori furono occupati durante la Prima Guerra dell'Oppio (1839 – 1842) dalla Gran Bretagna nel 1841.
Le Guerre dell'oppio furono due conflitti (dal 1839 al 1842 la prima e dal 1856 al 1860 la seconda) scatenatisi per motivi commerciali e finanziari tra l'Impero Cinese della dinastia Qing e il Regno Unito di sua Maestà la Regina Vittoria d'Inghilterra. La Gran Bretagna volle aprire al mercato cinese il traffico dell'oppio proveniente dall'India, ma l'imperatore cinese, contrario a questi turbamenti, inasprì i divieti sulla droga, scatenando con ciò il conflitto. Ma la sconfitta dell'Impero Cinese in entrambe le guerre costrinse il paese a tollerare il commercio dell'oppio e a firmare con gli inglesi il Trattato di Nanchino (1842) e il Trattato di Tianjin (1860), coi quali si impose alla Cina di aprirsi all'esterno per consentire i lucrosi scambi commerciali con gli occidentali, e si sancì la cessione di Hong Kong al Regno Unito.
Il Trattato di Nanchino, che sancì dunque la cessione dell'isola di Hong Kong alla Gran Bretagna, ebbe un'appendice nel 1860, quando allo stesso Regno Unito venne ceduta anche la penisola di Kowloon, mentre la rimanente parte della regione venne ceduta solo temporaneamente, per un periodo di 99 anni, a partire dal 1º luglio 1898.
Tuttavia, nel 1984 una Dichiarazione congiunta cino-britannica stabilì che allo scadere del periodo di controllo britannico (30 giugno 1997), l'intera regione sarebbe tornata alla Repubblica Popolare Cinese, ma sotto forma di Regione Amministrativa Speciale a datare dal 1 luglio 1997.

In quella Dichiarazione Congiunta, Deng Xiaoping formulò il principio di "Un paese, due sistemi" in cui ad Hong Kong si garantiva libertà amministrativa e la si dotava di una propria valuta, il dollaro di Hong Kong, ma si delegavano alla Cina i compiti di politica estera e difesa militare per un periodo di 50 anni, fino al 2047.
In conclusione, il terzo ed ultimo capitolo è incentrato in particolar modo sulla questione religiosa e cinematografica.
Buddhismo, Taoismo e Confucianesimo fondono i loro principi e la loro filosofia ed ovunque, nei templi, santuari e monasteri sparsi nel territorio è possibile trovare elementi appartenenti ai diversi culti.
Allo scopo di migliorare il proprio destino, i cinesi – ai quali non piace lasciar tutto alla fortuna – dedicano una certa cura al culto dei morti, con riti ancestrali, doni e preghiere ai defunti e agli spiriti. Così facendo credono di portare la buona sorte, la prosperità e la ricchezza dalla loro parte rendendosi benevoli dei e spiriti o perlomeno allontanando gli spiriti cattivi. Anche il consiglio degli indovini, specie di quelli che operano intorno ai templi, è ritenuto importante per pianificare la propria vita. Allo stesso modo date e numeri sono fortemente simbolici per i cinesi; nelle date considerate di buon auspicio e garanzia di successo si programmano i matrimoni, si pongono prime pietre di edifici, si aprono nuove attività.
Per ciò che concerne l'industria cinematografica di Hong Kong, essa ha sviluppato numerose pellicole nel corso degli anni; da Lai Manwai, conosciuto anche come il padre del cinema di Hong Kong, ai film più recenti, l'industria cinematografica di Hong Kong si è guadagnato il terzo posto come produttore mondiale di film dopo gli Stati Uniti e l'India.

Mostra/Nascondi contenuto.
I L'ASCESA DELLA POTENZA BRITANNICA A partire dal 1° luglio 1997, dopo un lungo periodo di dipendenza coloniale sotto il controllo della Gran Bretagna, Hong Kong torna a far parte del dominio cinese. Tuttavia in seguito agli accordi stipulati dal 1997 in poi, Hong Kong si trasforma in Regione Amministrativa Speciale (Ras), all'interno del sistema amministrativo e territoriale della Repubblica Popolare Cinese. Storicamente la colonia di Hong Kong era suddivisa in tre parti: l'isola di Hong Kong, ceduta dall'impero cinese nel 1842 alla Gran Bretagna, in seguito alla sconfitta cinese nel corso della prima guerra dell'oppio; la penisola di Jiulong (Kowloon), ceduta alla Gran Bretagna nel 1860; infine ci sono i “Nuovi territori” affittati alla Gran Bretagna dalla Cina nel 1898 per la durata di 99 anni, e si estendono a nord di Kowloon verso il confine con la Cina, inglobando così numerose isole 1 . Per ciò che concerne la vita politica, il governo britannico a Hong Kong è stato costituito da un Consiglio Esecutivo, che rivelava la presenza di quattro ministri cinesi, e un Consiglio Legislativo (La popolazione complessiva della penisola di Hong Kong conta circa sette milioni di abitanti, di cui il 98% è cinese; ma si stima anche la presenza di numerosi europei.) 2 . Hong Kong era allora amministrata da un governatore britannico, ma fu 1 G. Samarani, La Cina del Novecento, Torino, Giulio Einaudi editore, 2004, p. 379. 2 P. Macdonald, National Geographic, Vercelli, White Star, 2005, p. 16. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Ricardo Ma Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1164 click dal 08/07/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.