Skip to content

La difficoltà di ricostruzione nei contesti di conflitto: il caso della Missione Italiana Antica Babilonia in Iraq

Informazioni tesi

  Autore: Martina Pieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Vando Borghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Questo lavoro vuole approfondire i progressi svolti dalla Politica di Cooperazione allo Sviluppo (Pcs) nel panorama internazionale dal secondo dopoguerra ad oggi, ed in particolare, le modalità e le difficoltà incontrare dalla Cooperazione Internazionale nella riedificazione di Paesi colpiti dai conflitti, con apparati amministrativi deboli, se non inesistenti, infrastrutture distrutte e la popolazione vittima inerme di armi, attacchi e soprusi.
L’intero lavoro prende in esame la nascita e lo sviluppo della Politica di Cooperazione allo Sviluppo, nata sia per scongiurare altri abomini mondiali, sia perché i Paesi Ricchi iniziarono ad interessarsi delle condizioni di povertà materiale e culturale e del malessere dei Paesi poveri del Sud, il cosiddetto Terzo Mondo. Così gli opulenti Paesi del Nord del Mondo impiegarono la seconda metà del secolo ‘900 a formulare progetti di sviluppo e far sì che il PIL dei Paesi poveri potesse decollare. La crescente diseguaglianza tre ricchi e poveri, però, ha portato l’Occidente a formulare proposte più concrete con gli Obietti del Millennio nel 2000, accordo sviluppato fra paesi ricchi e poveri per migliorare le condizioni di vita in quest’ultimi.
Il lavoro prosegue, poi, nell’analizzare il lavoro delle forze della Cooperazione Internazionale nel progettare e sviluppare la riedificazione e riappacificazione dei Paesi in guerra. Sul tema la bibliografia è chiara e illuminante. Nella pratica la difficoltà di coordinare le forze multinazionali, gli interessi più o meno mascherati dell’Occidente e la capacità di comprendere la storia del Paese in questione, creano non poche difficoltà al progetto di ricostruzione. Un famoso proverbio, sulla bocca di tutti nei primi anni dalla nascita della Cooperazione allo Sviluppo, recitava così: “Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno, insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita”. Il problema della Cooperazione sta nell’insegnare a pescare, atto che richiede pazienza e gratuità, che per quanto venga sbandierata sembra essere poco presente negli intenti dell’Occidente, come si rileva nella parte finale del lavoro. Quest’ultima, analizza la Missione Italiana Antica Babilonia presente in Iraq dal 2003 al 2006, sia attraverso documenti e mandati ufficiali, sia guardando all’altra faccia della medaglia, attraverso la ricerca del docente, e filosofo del diritto italiano e internazionale, Danilo Zolo e lo studio sul campo del giornalista Andrea Nicastro. Antica Babilonia si componeva di contingente militare e una squadra di civili, tra cui funzionari del Ministero degli Affari Esteri per la Cooperazione e lo Sviluppo. Le due squadre, militare e civili, ebbero il compito di collaborare per salvaguardare la popolazione della provincia irachena assegnata all’Italia, il Dhi Qar, e ricostruire scuole, ospedali, sistema idrico e risollevare l’agricoltura, prima fonte di sostentamento per quelle terre.
La realtà della Missione Italiana e dell’ingerenza umanitaria provocata da Stati Uniti in primis e Italia e altri paesi poi, vengono però illuminati da una luce molto diversa da Zolo e Nicastro, che ne evidenziano gli elementi sottaciuti, le ombre, gli interessi reali ed economici italiani, ne denunciano i delitti efferati e le testimonianza impedite, nonché l’uso sconsiderato di armi pericolose e innovative da parte degli Usa, di cui, si ricordi, l’Italia scese al fianco contro la guerra al terrorismo, nell’intento di riedificazione sostenuto dalle voci ufficiali Usa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione generale Questo lavoro vuole approfondire i progressi svolti dalla Politica di Cooperazione allo Sviluppo (Pcs) nel panorama internazionale dal secondo dopoguerra ad oggi, ed in particolare, le modalità e le difficoltà incontrare dalla Cooperazione Internazionale nella riedificazione di Paesi colpiti dai conflitti, con apparati amministrativi deboli, se non inesistenti, infrastrutture distrutte e la popolazione vittima inerme di armi, attacchi e soprusi. L’intero lavoro prende in esame la nascita e lo sviluppo della Politica di Cooperazione allo Sviluppo, nata sia per scongiurare altri abomini mondiali, sia perché i Paesi Ricchi iniziarono ad interessarsi delle condizioni di povertà materiale e culturale e del malessere dei Paesi poveri del Sud, il cosiddetto Terzo Mondo. Così gli opulenti Paesi del Nord del Mondo impiegarono la seconda metà del secolo ‘900 a formulare progetti di sviluppo e far sì che il PIL dei Paesi poveri potesse decollare. La crescente diseguaglianza tre ricchi e poveri, però, ha portato l’Occidente a formulare proposte più concrete con gli Obietti del Millennio nel 2000, accordo sviluppato fra paesi ricchi e poveri per migliorare le condizioni di vita in quest’ultimi. Il lavoro prosegue, poi, nell’analizzare il lavoro delle forze della Cooperazione Internazionale nel progettare e sviluppare la riedificazione e riappacificazione dei Paesi in guerra. Sul tema la bibliografia è chiara e illuminante. Nella pratica la difficoltà di coordinare le forze multinazionali, gli interessi più o meno mascherati dell’Occidente e la capacità di comprendere la storia del Paese in questione, creano non poche difficoltà al progetto di ricostruzione. Un famoso proverbio, sulla bocca di tutti nei primi anni dalla nascita della Cooperazione allo Sviluppo, recitava così: “Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno, insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita”. Il problema della Cooperazione sta nell’insegnare a pescare, atto che richiede pazienza e gratuità, che per quanto venga sbandierata sembra essere poco presente negli intenti dell’Occidente, come si rileva nella parte finale del lavoro. Quest’ultima, analizza la Missione Italiana Antica Babilonia presente in Iraq dal 2003 al 2006, sia attraverso documenti e mandati ufficiali, sia guardando all’altra faccia della medaglia, attraverso la ricerca del docente, e filosofo del diritto italiano e internazionale, Danilo Zolo e lo studio sul campo del giornalista Andrea Nicastro. Antica Babilonia si componeva di contingente militare e una squadra di civili, tra cui funzionari del Ministero degli Affari Esteri per la Cooperazione e lo Sviluppo. Le due squadre, militare e civili, ebbero il compito di collaborare per salvaguardare la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cooperazione
onu
ingerenza umanitaria
antica babilonia
intervento civile
missione umanitaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi