Skip to content

Il diritto costituzionale alla sicurezza

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Cinquemani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Luca  Mezzetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

In questi ultimi anni si parla sempre più spesso di sicurezza o meglio, si cerca di capire come l’evoluzione dei fenomeni socio-criminali in Italia e nel mondo possa mettere in crisi concetti una volta ritenuti certi e fuori discussione quali la sicurezza stessa. Pertanto ci si è soffermarti su diverse situazioni, sia globali, sia locali che alimentano la percezione di insicurezza tra i cittadini.
Se a livello mondiale la preoccupazione maggiore è rappresentata dal terrorismo islamico, a livello locale le cose sono diverse. Lo studio, infatti, delle tre diverse dinamiche socio-criminali in Italia, rispettivamente, microcriminalità, consolidamento delle organizzazioni criminali ed osservazione del terrorismo di matrice islamica, ha prodotto una maggiore presa di posizione circa i nuovi connotati della sicurezza in senso moderno.Sulla base dei risultati ottenuti si è potuto affermare che la sicurezza necessita, ora più che mai, di un riconoscimento a livello di diritto costituzionale perché conditio sine qua non per l’esercizio delle altre libertà costituzionalmente garantite. A supporto di questa teoria circa l’esistenza di tale diritto, da collocare nella Carta Costituzionale, ha fatto seguito una breve ricerca, in opere storiche - letterarie nonché Costituzioni del passato, per affermare che già a partire dalla seconda metà del XVIII secolo si parlava di diritto alla sicurezza.
Tali esperienze storiche, alla luce di osservazioni costituzionali attuali, hanno permesso di dare del diritto alla sicurezza una definizione che potesse coglierne il suo significato più profondo. Non solo: nel definire il diritto alla sicurezza si è affrontato il difficile bilanciamento tra lo stesso diritto e altri diritti costituzionalmente garantiti: il risultato finale ha fatto emergere la preoccupazione che in stati d’emergenza, come nel caso di attacchi terroristici, tali libertà costituzionalmente garantite - la vita, la riservatezza, il domicilio - siano molte volte oggetto di deroghe in nome di un valore superprimario identificato nella sicurezza stessa. A sostegno, invece, di un corretto bilanciamento tra libertà tutte quante di pari valore ho citato l’esperienza processualpenalistica italiana relativa alle intercettazioni nei reati di mafia e terrorismo: in tale normativa, infatti, si riscontra un giusto equilibrio tra sicurezza e privacy, poiché tale disciplina è limitatamente derogatoria delle garanzie costituzionali, esempio questo che può essere preso come modello di scuola per gli ordinamenti nelle altre nazioni.
Un ulteriore esempio di sicurezza dello Stato e bilanciamento dei diritti inviolabili è stato trovato nella recente disciplina delle Agenzie per la sicurezza interna ed esterna. L’esperienza italiana ha ulteriormente evidenziato come il mancato riconoscimento del diritto alla sicurezza quale libertà di rango costituzionale sia stato sopperito da strumenti giudici di diversa natura: l’introduzione del reato di terrorismo internazionale e le modifiche introdotte dal c.d. Decreto Pisano costituiscono in tal senso un valido esempio.
Nell'analizzare la sicurezza si è volutamente tenuto in considerazione il periodo storico in cui la civiltà umana si trova: l’era del terrorismo rappresenta il contesto della nostra analisi. In tal senso si è visto quale ruolo abbia svolto la giurisprudenza italiana nella definizione delle problematiche legate al terrorismo, dalla differenza tra terrorismo e guerriglia al difficile bilanciamento dei diritti inviolabili con la tutela della sicurezza nazionale, problematica questa di difficile soluzione. Anche la giurisprudenza straniera ha svolto un grosso lavoro nel bilanciamento dei diritti e tutela della sicurezza: in Canada è stato ridimensionato il potere di espulsione riconosciuto al Ministro dell’Interno così come in Inghilterra è stato ritenuto illegittimo il potere riconosciuto alla Commissione per l’immigrazione di espellere sospetti terroristi sulla base di informazioni sommarie.
Il lavoro finale, così come esposto, consente al lettore la massima chiarezza circa l’esperienza normativa italiana e straniera nel campo della sicurezza e tutela dei diritti nell'epoca del terrorismo.Ci si augura che nel futuro la civiltà umana sia in grado di evitare che situazioni legate al terrorismo possano minare le basi costituzionali di ogni ordinamento, segno questo di una matura esperienza giuridica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 ESISTE UN DIRITTO COSTITUZIONALE ALLA SICUREZZA? 1.1. Analisi geo-politica sui fenomeni criminali. Negli ultimi tempi in Italia e, in generale, in tutto il resto del mondo, si sta svolgendo un ampio dibattito che ha come oggetto la tutela del diritto alla sicurezza. La sicurezza dei cittadini di ogni Paese, quella di intere comunità statali e addirittura quella mondiale sono costantemente ritenute a rischio. Il perché di un così ampio interesse trova la sua naturale spiegazione nell’aumento della paura, conseguenza dei mutamenti globali e locali (sul piano sociale, nazionale, politico ed economico). La sicurezza è, infatti, una questione giuridica di portata sia globale che locale. La nostra indagine vuol iniziare ponendosi come primo quesito la ricerca del dies ad quo relativo all’aumento della percezione dell’insicurezza. In tal senso la scelta ricade all’11 settembre 2001 quando i terroristi di un noto gruppo jiadista, denominata Al-Qā‘ida (arabo: ة د ع اق لا), decisero di proclamare la loro guerra santa contro l’occidente. Gli attacchi furono effettuati attraverso il sequestro di alcuni aerei di linea americani, dirottati e usati nell’impatto contro edifici simbolo degli U.S.A. quali le Torri Gemelle a New York e il Pentagono poiché sede del ministero della Difesa americano. Da allora tutto il mondo vive nella paura che il terrorismo rappresenti per le generazioni attuali e future il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sicurezza
italia
diritto costituzionale
servizi segreti
nato
intercettazioni
operazioni di pace
decreto pisanu
luca mezzetti
reato di terrorismo internazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi