Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'indagine sui rendimenti di taluni fondi obbligazionari di investimento

Il lavoro consiste in un'analisi matematica nella quale si mettono a confronto i rendimenti di fondi obbligazionari di investimento con i titoli che compongono il portafoglio del fondo stesso. Nella prima parte sono riassunti i principali concetti di matematica finanziaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La base di partenza di questo lavoro è il risparmio, ovvero “la quota del reddito prodotto che non viene destinata ai consumi”. Questa quota di reddito può essere accantonata senza destinazione ad alcun impiego redditizio: in questo caso parliamo di “tesaurizzazione”, la cui immagine più classica è rappresentata dal denaro nascosto sotto il materasso. In alternativa il risparmio può essere utilizzato in modo proficuo e quindi impiegato in attività produttive: in questo caso il termine di rife rimento è “investimento”. Una volta deciso di investire il risparmio si aprono diverse possibilità, diverse strade da poter seguire. Un ambito di grande interesse in questo campo è rappresentato dai mercati degli strumenti finanziari, grazie ai quali è possibile acquistare specifiche attività immateriali, più o meno complesse, in grado di fornire un rendimento. Esempi classici di strumenti finanziari sono: i Titoli di Stato, le Obbligazioni, le Azioni, i Fondi Comuni di Investimento; questi rappresentano la parte più conosciuta e diffusa degli strumenti finanziari alla quale va affiancata quella meno nota, ma in continua crescita, di strumenti quali Warrants, Obbligazioni Strutturate, Contratti Futures, Swaps,…

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Zacchia Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1779 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.