Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valore delle merci e diritti di licenza

Karl Marx nella sua opera Il Capitale, comincia la sua analisi e critica dell'economia politica, con un capitolo intitolato "La merce".
A proposito del valore d'uso Marx scrive:
“I valori d’uso delle merci forniscono il materiale di una loro particolare disciplina d’insegnamento, la merceologia. Il valore d’uso si realizza soltanto nell’uso, ossia nel consumo. I valori d’uso costituiscono il contenuto materiale della ricchezza, qualunque sia la forma sociale di questa. Nella forma di società che noi dobbiamo considerare, i valori d’uso costituiscono insieme i depositari materiali del valore di scambio ”.
In un certo senso viene così recuperato il concetto di “valore d'uso” che Marx aveva riconosciuto come fine della ricerca merceologica, in contrapposizione quasi all'economia politica che si occupa del valore di scambio delle merci .
Egli inoltre, in una nota a piè di pagina aggiunge:
“Nella società civile domina la fictio iuris che ogni uomo, in quanto acquirente di merci, possegga una conoscenza enciclopedica delle merci. La merceologia quindi viene considerata una disciplina autonoma con il compito di studiare il valore delle merci”.
Il valore è l'elemento di maggior rilievo nel momento in cui si discute di tematiche doganali: è infatti sulla base del valore in dogana della merce che sono calcolati i diritti doganali, previo accertamento doganale .
L’accertamento doganale è un procedimento amministrativo costituito da più fasi con il quale gli Uffici doganali verificano il sussistere di determinate condizioni e l’adempimento, da parte del proprietario della merce, delle formalità prescritte dalla legge per l’introduzione di merci estere nel territorio doganale, la loro circolazione e la loro immissione in consumo. Gli elementi per determinare l’accertamento, in base alla legislazione doganale, sono quattro: quantità, qualità, origine e valore imponibile della merce (si preferisce non soffermarsi sul tema del valore in questo momento, in quanto ne verrà dato ampio spazio d’analisi nei prossimi capitoli del presente elaborato di tesi. è proprio del concetto del VALORE DELLE MERCI IN DOGANA che si tratterrà durante la presenti tesi di laurea.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I: ECONOMISTI CLASSICI E VALORE DELLE MERCI: A. SMITH, D. RICARDO E K. MARX Il concetto di valore, analizzato in termini economici, è stato al centro di numerosi studi compiuti da illustri rappresentanti del pensiero economico classico, tra cui Adam Smith, David Ricardo e Karl Marx. Pare quindi opportuno dedicare parte della presente tesi allo studio di tali approcci, seguendone l’ordine cronologico. È quindi utile avviare l’analisi relativa al concetto di valore partendo dal padre della moderna teoria economica, Adam Smith (1723-1790): egli attribuiva grande importanza al mercato e, di conseguenza, alle modalità con cui determinare il valore economico di un bene. A tal fine, il suo primo passo consistette nel tracciare una netta linea di demarcazione tra i concetti di “valore d’uso” e “valore di scambio”. Secondo la sua concezione, ad essere particolarmente significativo da un punto di vista economico è il valore di scambio: alcuni beni, quali ad esempio l’acqua e l’aria, hanno immensa utilità, ma non rientrano nella categoria degli oggetti di scambio; a differenza di altri che, pur avendo scarsa utilità, richiedono una grande quantità di altri beni in cambio. Smith svolge la propria ricerca attorno al problema del valore economico suddividendola in tre fasi successive:  Individuazione della misura “reale” del valore;  Scomposizione di tale valore nelle parti che lo costituiscono;

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Remigio Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 579 click dal 23/07/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.