Skip to content

Struttura ed ambito applicativo del reato di frode informatica ex art. 615 ter c.p.

Informazioni tesi

  Autore: Anna Marcuccio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alberto Nuzzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Genericamente si parla di ‘reati informatici' o computer crimes per indicare quegli illeciti penali caratterizzati dall'utilizzo della tecnologia informatica quale oggetto materiale del reato ovvero quale mezzo per la sua commissione. Lo sviluppo delle nuove tecnologie informatiche e telematiche e il suo impatto con la società moderna rendono ormai indispensabile una specifica regolamentazione del fenomeno. Tradurre, infatti, le istanze sociali in regole giuridiche per una civile convivenza è uno dei compiti principali del diritto. Non sempre, però, la scienza giuridica vi riesce e spesso, quando sembra aver trovato una soluzione, sorge un ulteriore inconveniente: la realtà sociale è già mutata. Nel nostro ordinamento, il delitto di Accesso abusivo ad in sistema informatico o telematico è stato giuridicamente introdotto, per la prima volta, dalla legge n. 547 del 1993. Attualmente, la fattispecie in esame è disciplinata dal libro II, titolo XII, art. 615 ter c.p., in virtù de quale:
"Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni. La pena è della reclusione da uno a cinque anni: 1) se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o al servizio, o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato, o con abuso della qualità di operatore del sistema; 2) se il colpevole per commettere il fatto usa violenza sulle cose o alle persone, ovvero se è palesemente armato; 3) se dal fatto deriva la distruzione o il danneggiamento del sistema o l'interruzione totale o parziale del suo funzionamento, ovvero la distruzione o il danneggiamento dei dati, delle informazioni o dei programmi in esso contenuti. Qualora i fatti di cui ai commi primo e secondo riguardino sistemi informatici o telematici di interesse militare o relativi all'ordine pubblico o alla sicurezza pubblica o alla sanità o alla protezione civile o comunque di interesse pubblico, la pena è, rispettivamente, della reclusione da uno a cinque anni e da tre a otto anni. Nel caso previsto dal primo comma il delitto è punibile a querela della persona offesa; negli altri casi si procede d'ufficio". Il ritardo di un intervento normativo nel settore è dipeso, dalla velocità di sviluppo delle nuove tecnologie, ma, in parte, anche da una non chiara presa di coscienza del fenomeno da parte del legislatore. Costui, difatti, ha dovuto ammettere che l'uso dei sistemi informatici aveva, ormai, invaso quasi tutti i campi dell'attività umana,toccando settori di vitale importanza per l'economia del Paese. Non sono mancati casi in cui banche, assicurazioni, industrie,ma anche amministrazioni pubbliche abbiano subito ingenti danni economici a seguito di abusi connessi all'uso delle tecnologie informatiche. Oggetto del presente lavoro è l'analisi di uno dei reati informatici tra i più diffusi e controversi: la frode informatica. I crimini informatici, infatti, rappresentano il punto di incontro tra il diritto penale e l'informatica; in tal senso, alcuni autori hanno ipotizzato la nascita di una nuova branca del diritto, chiamata, appunto, diritto penale informatica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 LA FENOMENOLOGIA DELLA FRODE INFORMATICA EX ART. 615 TER C.P. Capitolo 1 Sommario: 1. La fenomenologia della frode informatica ex art. 615 ter c.p.: dalle origini ai giorni nostri. 2. Le innovazioni legislative introdotte dalla L. 547/93. 3. Il sistema informatico e telematico: nozioni e caratteristiche. 4. I Beni tutelati. 1. la fenomenologia della frode informatica ex art. 615 ter c.p.: dalle origini ai giorni nostri. A partire dalla seconda metà degli anni ottanta è stata avvertita la esigenza di elaborare una disciplina normativa in materia di criminalità informatica. I primi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

frode informatica
reati informatici
art. 615 ter c.p.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi