Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione delle Internet based companies

Non è certamente fuori luogo chiamare “rivoluzione” il cambiamento della società in questo inizio degli anni 2000: gli effetti della sempre più forte immissione di informatica e telecomunicazioni stanno, infatti, cambiando profondamente e con una gradualità sempre più veloce, non solo il mondo della finanza ma anche le strategie dell’impresa e la stessa vita quotidiana delle persone e delle famiglie.
Il tema della valutazione quantitativa delle Internet based companies esercita un fascino enorme, ma rappresenta anche una delle questioni più controverse della finanza moderna.
Negli ultimi anni abbiamo visto sorgere i cosiddetti fenomeni dot.com: società in fase di start up valorizzate dal mercato come solide imprese con anni di successi alle spalle. Imprese con prospettive di anni di notevoli perdite, essere oggetto di dibattito fra gli operatori del mercato finanziario, con valori di capitalizzazione inspiegabili se riportati alle metodologie fondate su principi condivisi da studiosi e professionisti nel contesto internazionale.
Per qualche tempo, la ricerca di nuove formule che interpretino i mutamenti nel modo di creare valore delle Internet company, è stata basata su parametri empirici e multipli di borsa.
Basta scorrere le ricerche delle principali banche d’affari sulle imprese della Net Economy, per ravvisare un repentino cambiamento di direzione ed un ritorno, seppure con gli adattamenti resi necessari da business model innovativi, alle metodologie più accreditate a livello scientifico.
In questa tesi di laurea, non si intende stabilire se effettivamente si è assistito ad una bolla speculativa.
Il presente lavoro intende inserire nel quadro degli sviluppi crescenti della Net Economy, l'ottica della finanza d’impresa; è un tentativo di argomentare alcune delle peculiarità delle imprese Internet fornendo elementi di supporto per i diversi orientamenti valutativi, pur nella convinzione di non riuscire a fornire alcuna soluzione definitiva.
L’approccio scelto è di tipo top-down: verranno innanzitutto illustrati i diversi segmenti della Net Economy, effettuando per ciascuno di essi un’analisi strutturale dell’ambiente competitivo (capitolo primo). In seguito verranno approfondite le tematiche relative alle leve del valore, ovvero quei fattori qualitativi che, in particolar modo nell’analisi delle Internet companies, integrano il processo di valutazione (capitolo secondo).
Dopo alcune considerazioni sui metodi di valutazione più usati nella prassi internazionale (terzo capitolo), si procederà all’analisi di un caso aziendale (quarto capitolo) che ha una finalità dimostrativa dei modelli oggetto di trattazione teorica.
Per consentire di ottenere una visione esauriente sull’argomento, pur nella scarsità di pubblicazioni scientifiche disponibili, è stata integrata una serie notevole di contributi di periodici specializzati, testi di recente pubblicazione e informazioni tramite web.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. Il tema della valutazione quantitativa delle Internet based companies esercita un fascino enorme, ma rappresenta anche una delle questioni pi� controverse della finanza moderna. Negli ultimi anni abbiamo visto sorgere i cosiddetti fenomeni dot.com: societ� in fase di start up valorizzate dal mercato come solide imprese con anni di successi alle spalle. Imprese con prospettive di anni di notevoli perdite, essere oggetto di dibattito fra gli operatori del mercato finanziario, con valori di capitalizzazione inspiegabili se riportati alle metodologie fondate su principi condivisi da studiosi e professionisti nel contesto internazionale. Per qualche tempo, la ricerca di nuove formule che interpretino i mutamenti nel modo di creare valore delle Internet company, � stata basata su parametri empirici e multipli di borsa. Basta scorrere le ricerche delle principali banche d�affari sulle imprese della Net Economy, per ravvisare un repentino cambiamento di direzione ed un ritorno, seppure con gli adattamenti resi necessari da business model innovativi, alle metodologie pi� accreditate a livello scientifico. In questa tesi di laurea, non si intende stabilire se effettivamente si � assistito ad una bolla speculativa. L�approccio scelto � di tipo top-down: verranno innanzitutto illustrati i diversi segmenti della Net Economy, effettuando per ciascuno di essi un�analisi strutturale dell�ambiente competitivo (capitolo primo). In seguito verranno approfondite le tematiche relative alle leve del valore, ovvero quei fattori qualitativi che, in particolar modo nell�analisi delle Internet companies, integrano il processo di valutazione (capitolo secondo). Dopo alcune considerazioni sui metodi di valutazione pi� usati nella prassi internazionale (terzo capitolo), si proceder� all�analisi di un caso aziendale (quarto capitolo) che ha una finalit� dimostrativa dei modelli oggetto di trattazione teorica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Spadoni Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4190 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.