Skip to content

Analisi scenica dell'Orestea

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Trovato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Salvatore Nicosia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

La trilogia Orestea, rappresentata da Eschilo ad Atene nel 458 a. C., è una creazione dello spirito umano tra le più perfette che, per la complessità dei temi, sfugge a qualsiasi tentativo di definizione; in nessuna opera, come in questa, la presenza di messaggi inerenti le strutture stesse della polis è così sapientemente mediata dall’azione scenica da formare un tutt’uno con essa.
L’ Orestea è l’unico esempio di trilogia che ci sia pervenuta, ed il solo caso nel teatro tragico in cui possiamo apprezzare la messa in scena di tre tragedie collegate in sequenza diretta fra loro e le variazioni nella scenografia dall’uno all’altro esempio.
Il presente lavoro è dedicato all’analisi scenica di questa trilogia. Esso è costituito da una parte introduttiva che tratta del teatro greco, del mestiere dell’attore, delle maschere, della vita di Eschilo, e una seconda parte costituita dall’analisi scenica vera e propria delle tre tragedie che ne fanno parte: Agamennone, Coefore ed Eumenidi.
L’analisi scenica, condotta sul testo dell’ Orestea curato da Vincenzo Di Benedetto ed Enrico Medda, si fonda sulla individuazione delle cosiddette didascalie interne, che hanno permesso, a chi scrive, basandosi sulle parole e notizie contenute in esso, di conoscere i movimenti sulla scena dei vari attori.
I poeti tragici, essendo anche registi delle loro opere, non si preoccupavano di completare i testi con spiegazioni riguardo alla messa in scena, alla mimica e ai movimenti del Coro e degli attori; essi si limitavano a fornire indicazioni a voce durante le prove.
I testi dei drammi antichi non appaiono corredati da esplicite notazioni didascaliche che definiscono le caratteristiche dello spazio scenico, i movimenti, i gesti previsti al suo interno, nonché l’aspetto dei personaggi, le posizioni, le andature e gli atteggiamenti che dovevano assumere durante la recitazione o le dinamiche di entrata ed uscita degli attori. Alcune di queste informazioni sono ricavabili dai testi stessi e dalle battute degli attori e del Coro che, con le loro parole, provvedono a chiarire e a specificare nelle forme didascaliche implicite quanto doveva prodursi sulla scena, aiutando lo spettatore a comprendere meglio ciò cui assisteva o ad immaginare ciò che non poteva essere rappresentato in modo realistico, per i limiti della drammaturgia teatrale.
Ad agevolare l’identificazione da parte del pubblico dei personaggi che giungevano in scena, provvedevano le battute che annunciavano l’avvicinarsi di qualcuno, di cui poi veniva specificato il nome. In altri casi i versi mettevano in evidenzia la qualità dei movimenti del personaggio: la fretta, la lentezza, l’indugio dubbioso, l’atteggiamento silenzioso che poteva precedere o seguire l’interazione dialogica.
L’analisi scenica è fondamentale per la messa in scena e l’allestimento di un’opera; analizzando il testo e rimanendo fedeli ad esso, è possibile capire come si deve presentare un personaggio o sistemare la scena.
Sfondo dell’ Orestea sono le vicende della casata di Atreo, stirpe maledetta, dove ad un certo punto il processo disgregativo si arresta grazie all’intervento delle strutture della polis che impongono il “nuovo” criterio di giustizia al posto di quello antico della vendetta. Secondo la legge del genos Oreste, che non poté fare a meno di uccidere la madre, ora non può non essere ucciso dalle Erinni, comportando la completa dissoluzione e l’annientamento della stirpe degli Atridi. Invece, con il giudizio dell’Areopago, il processo tradizionale viene bloccato e l’assoluzione del tribunale salva in extremis il genos contaminato dal miasma; dunque la polis si pone come fattore risolutivo dinnanzi alla disgregazione della discendenza.
L’analisi di questa tragedia mette in evidenza l’odio ed il disprezzo che nutrono i vari personaggi e consente di comprendere che non ci si può fare giustizia da soli ma è necessario l’intervento di un organo superiore, rappresentato dallo Stato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PARTE I 1.1 IL TEATRO IN GRECIA L’edificio teatrale 1 greco, che si trovava all’aperto ed era privo di copertura, era costituito da tre parti: la cavea, l’orchestra e la scena. La cavea, il cui nome originario era theatron (luogo in cui si vede), ovvero le scalinate dove sedevano gli spettatori, fu all’inizio trapezoidale. Successivamente ebbe la forma di semicerchio in quanto era più funzionale sia per guardare che per raccogliere i suoni. La cavea, che come appoggio sfruttava i declivi naturali, era attraversata verticalmente da scalette chiamate klimakes, che la dividevano in più settori, in orizzontale invece la tagliavano dei corridoi detti diazomata. A sua volta dalla cavea si potevano scorgere contesti paesaggistici suggestivi 2 , che assolvevano alla funzione di sfondo oltre che potevano fare da eco a quanto veniva detto. La cavea semicircolare porterebbe a far pensare ad una uniformità di posti, ma in realtà anche allora esistevano le gerarchie: agli alti funzionari civili e militari e agli orfani di 1 Per i Greci il teatro era sia il luogo che l’insieme degli spettatori. 2 Si può pensare al teatro di Siracusa con il mare, al teatro di Taormina con l’Etna, al teatro di Morgantina con uno sfondo paesaggistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi