Skip to content

Le varianti comunali ai piani regolatori. L'esperienza della legge regionale del Veneto

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Baschiera
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giovanni Sala
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

Scopo di questo lavoro è definire le caratteristiche dei modelli urbanistici italiani in relazione da una parte agli interessi diffusi dei privati e dall’altra a quelli delle amministrazioni pubbliche, che dovrebbero tutelare i cittadini.
La qualificazione giuridica e la disciplina in materia urbanistica sono da sempre oggetto di dibattito: da un lato vengono in essere obbligazioni del privato nei confronti dell’amministrazione pubblica, e, dall’altro, la stessa amministrazione pubblica assume impegni specifici per consentire la realizzazione di un determinato assetto territoriale e, quindi, si vincola all’assunzione di scelte che devono essere motivate soltanto in nome del pubblico interesse.
Lo Stato detta la normativa di base, la normativa di “cornice”: è la legge urbanistica n. 1150 del 17 agosto 1942.
Lo Stato quindi postula i capisaldi dell’ ius aedificandi, spetterà poi ad ogni Comune integrare la legge con i propri provvedimenti e limitazioni per mezzo dei piani regolatori particolareggiati.
Il piano nella sostanza si concreta nella suddivisione del territorio comunale in zone urbanistiche e nelle localizzazioni delle infrastrutture pubbliche e delle reti urbanizzative.
Vengono predeterminati i pesi insediativi ammissibili e le infrastrutture, ma mai le caratteristiche formali e compositive degli interventi ammessi.
Nella seconda metà degli anni sessanta non solo buona parte dei Comuni italiani era privo di piano regolatore generale, ma si riteneva possibile costruire anche nelle zone di nuova edificazione senza la preventiva definizione di un Piano Particolareggiato di esecuzione.
Ciò determinò un “costruire incontrollato” che ha deturpato molte città creando ambienti urbani invivibili, ma ha anche addossato alla collettività tutti gli oneri relativi all’edificazione, massimizzando la rendita fondiaria dei proprietari delle aree oggetto di utilizzazione edificatoria.
Succedeva questo: ai privati era consentito costruire senza essere obbligati a corrispondere alcunché per dotare gli insediamenti che si andavano a realizzare delle necessarie infrastrutture. Si costruivano gli edifici ma non si predisponevano le strade, le fognature, gli spazi pubblici, le scuole e tutto ciò di cui ha bisogno la civile convivenza, restando obbligata l’Amministrazione comunale a provvedere a tutto ciò con le proprie limitate risorse economiche.
In questa grave situazione si giunse alla nascita di una disciplina legislativa che fu definita “legge ponte” cioè la legge n. 765/1967.
Questa aveva l’ambizione di rappresentare il momento di collegamento tra il sistema normativo esistente ed una radicale riforma del settore: un “ponte” tra la legge del 1942 ed una auspicata riforma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Scopo di questo lavoro è definire le caratteristiche dei modelli urbanistici italiani in relazione da una parte agli interessi diffusi dei privati e dall’altra a quelli delle amministrazioni pubbliche, che dovrebbero tutelare i cittadini. La qualificazione giuridica e la disciplina in materia urbanistica sono da sempre oggetto di dibattito: da un lato vengono in essere obbligazioni del privato nei confronti dell’amministrazione pubblica, e, dall’altro, la stessa amministrazione pubblica assume impegni specifici per consentire la realizzazione di un determinato assetto territoriale e, quindi, si vincola all’assunzione di scelte che devono essere motivate soltanto in nome del pubblico interesse. Lo Stato detta la normativa di base, la normativa di “cornice”: è la legge urbanistica n.1150 del 17 agosto 1942. Lo Stato quindi postula i capisaldi dell’ ius aedificandi, spetterà poi ad ogni Comune integrare la legge con i propri provvedimenti e limitazioni per mezzo dei piani regolatori particolareggiati. Il piano nella sostanza si concreta nella suddivisione del territorio comunale in zone urbanistiche e nelle localizzazioni delle infrastrutture pubbliche e delle reti urbanizzative. Vengono predeterminati i pesi insediativi ammissibili e le infrastrutture, ma mai le caratteristiche formali e compositive degli interventi ammessi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pianificazione urbanistica
varianti comunali
piani regolatori
diritto degli enti locali
legge regionale del veneto n. 21-1998
legge regionale del veneto n.61-1985

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi