Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Relatività linguistica e Neoinnatismo: B.L. Whorf vs. E. Lenneberg

Benjamin Lee Whorf è una figura centrale e controversa della linguistica contemporanea. Il suo principio della “relatività linguistica”, come anche l’”Ipotesi Sapir-Whorf” che lega il suo nome a quello di Edward Sapir, sono tuttora oggetto di contrastanti giudizi.
Il principio proposto da Whorf costituisce una riformulazione delle idee che erano state avanzate dai filosofi romantici Hamann, Herder e von Humboldt in opposizione ai teorici dell’innatismo del XVII e XVIII secolo (Descartes e Kant).
Il bersaglio polemico di Whorf non è dissimile da quello dei filosofi romantici. La relatività linguistica si configura come una teoria critica nei confronti di una millenaria tradizione di pensiero filosofico-scientifico. In virtù di questa tradizione esisterebbe un mondo dei concetti dato a tutti gli uomini sostanzialmente nella stessa forma e la filosofia, che è fatta di argomenti, si riferirebbe direttamente a questo immutabile mondo delle idee. La filosofia parlerebbe direttamente della ragione e delle sue categorie. In questo modo lo studio dei processi conoscitivi veniva svicolato dai problemi del linguaggio e del significato.
Il principio relativistico costituisce una potente critica su base linguistica di quella tradizione. Esso stabilisce che tra noi e le idee (e tra noi e la conoscenza) esiste un filtro: la lingua in cui ci esprimiamo. Non esistono dunque concetti assoluti, universali, perché ci formiamo i concetti attraverso il tramite che è costituito dalla nostra lingua.
L’accettazione del principio relativistico porta con sé la rinuncia al programma dell’”autofondazione della ragione” (che segna il filone centrale della filosofia occidentale e si fonda sull’autoreferenzialità della ragione) e apre la strada allo studio del condizionamento linguistico sullo sviluppo dei processi cognitivi e sul comportamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Benjamin Lee Whorf è una figura centrale e controversa della linguistica contemporanea. Il suo principio della “relatività linguistica”, come anche l’Ipotesi “Sapir-Whorf” che lega il suo nome a quello di Edward Sapir, sono state, e sono tuttora, oggetto di contrastanti giudizi, leggittimati dalle oscillazioni che si riscontrano nell’opera stessa di Whorf quanto all’estensione delle formulazioni generali. Nelle discussioni critiche sull’ipotesi Sapir-Whorf svoltesi a partire dagli anni ‘50, sono in effetti emerse una versione “forte” e una versione “debole” di essa, correntemente designate rispettivamente come principio del determinismo linguistico, secondo cui il nostro pensiero è interamente determinato dalle strutture del linguaggio che parliamo; e principio della relatività linguistica, secondo cui le strutture delle diverse lingue esercitano un’influenza sul pensiero e sul processo di categorizzazione dei parlanti (Penn 1972, pp. 28-32, Robins 1976, p.100). Le formulazioni di Whorf autorizzano entrambe queste letture. Una certa storiografia sull’analisi linguistica, in particolare, ha visto in Whorf il difensore a oltranza di un “relativismo

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Pier Paolo Caserta Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4666 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.