Skip to content

Le Teorie del Complotto - Casi Esemplari del Ventesimo Secolo

Informazioni tesi

  Autore: Marco Visco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Sociologia
  Relatore: Simona Fallocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Una teoria del complotto sostiene che gli eventi storici od attuali siano il risultato di una manipolazione da parte di uno o più poteri occulti o cospirazioni. Queste teorie sostengono che un particolare evento come un assassinio, una rivoluzione, o addirittura il fallimento di una banca è dovuto a delle operazioni occulte. Le componenti essenziali della cospirazione sono il coinvolgimento di almeno due persone, la segretezza e l’intento malizioso. Secondo la teoria cospiratoria, il mondo è diviso in due campi: il manipolatore ed i manipolati. Per il filosofo Karl Popper, autore della “teoria cospiratoria della società e del mondo”, essa deriverebbe dalla secolarizzazione delle superstizioni religiose. È una moderna versione che Omero aveva della società: egli concepiva il potere degli dei in un modo tale che qualsiasi cosa accadesse nella pianura di Troia non era altro che un riflesso delle varie cospirazioni che accadevano nell’Olimpo. Se si tolgono di mezzo gli dei al loro posto finiscono uomini e gruppi potenti, a cui viene attribuito di aver programmato tutto ciò che accade nella società compresi gli avvenimenti che di norma la gente non ama come le guerre e la povertà. Questa teoria però, non considera che le azioni umani intenzionali hanno effetti ininintenzionali. Questi effetti sono alla base anche della “Self fulfilling prophecy” di Robert King Merton: una aspettativa o una credenza falsa in origine, ma accettata da un numero consistente di persone si adempie nella realtà, in altre parole si tratta di un’opinione originariamente falsa, ma per il fatto di essere creduta, conduce ad un comportamento che la fa avverare. Come è accaduto in America durante il periodo della Grande Depressione. Voci circa l’insolvenza della Last National Bank hanno scatenato la corse dei clienti a ritirare i lori risparmi, producendo nei fatti l’inveramento di quelle stesse voci. Si tende a spiegare gli avvenimenti negativi della società umana utilizzando le teorie del complotto anche quando questi eventi sono il risultato inintenzionale delle nostre azioni. La paura dei complotti è una paura antica probabilmente quanto le società umane, ha assunto forme diverse a secondo dello sviluppo sociale raggiunto nel contesto in cui si sviluppava. Esse hanno in determinati periodi grande diffusione, in altri invece ristagnano. Si potrebbe sostenere la tesi che solo a partire dal 1750 esistano teorie cospiratorie in senso proprio, perché in passato si era sempre fatto ricorso ad elementi teologici, come la caccia alle streghe, mentre ora è possibile individuare cospiratori umani come i massoni e i giacobini. Infatti proprio nella rivoluzione francese c’è un elevato grado di diffusione della teoria del complotto. Colui che denunciò sistematicamente il complotto fu il giornalista francese J. P. Marat, con il suo giornale L’Ami du peuple. Egli si considerava l’occhio e la voce del popolo, sapeva che la gente era disposta a credere a ciò che voleva credere. Solo con il monopolio del controllo dei mezzi di informazione la teoria del complotto può giovare a chi detiene il potere. Dopo la rivoluzione francese prese vigore la teoria del complotto ebraico massonica che sfociò nella prima metà dell’ottocento nel caso Dreyfus. Il complotto più diffuso dei nostri giorni è il cosiddetto “New World Order”. La cospirazione finalizzata alla creazione di uno stato globale viene orchestrata da una società segreta: gli Illuminati. Per creare questo unico governo mondiale bisogna controllare ogni settore della vita: governo, finanza, affari e mezzi di comunicazione. Attraverso il controllo della finanza gli Illuminati governano il mondo, la base dell’Ordine Economico Globale è la Federal Reserve, la banca centrale americana. Molti teorici della cospirazione sostengono che esista un complotto che ha portato prima alla creazione del sistema della Federal Reserve del 1913 e poi alla sua continua espansione, fino al punto che la Fed crea il denaro ed il credito a livello mondiale senza più alcun vincolo. Infatti Marco Saba, sostiene che sia stata proprio la Fed a causare il crollo di Wall Street del 1929 e la conseguente Grande Depressione. Questi avvenimenti sono un caso esemplare del ventesimo secolo in quanto gli eventi degli anni trenta possono essere visti come il risultato di un preciso proposito perseguito da alcuni potere oscuri oppure potrebbero essere analizzati come conseguenze inintenzionali delle azioni umane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 L’evoluzione, “la seduzione” e la profezia della teoria del complotto Benvenuti nel Nuovo Ordine Mondiale! Il governo globale non sta arrivando. E’ già qui. 1.1 L’evoluzione Le teorie cospiratorie, come altri modelli interpretativi e spiegazioni del mondo, hanno in determinati periodi grande diffusione, in altri invece ristagnano. Affrontando il contesto storico delle teorie del complotto, risulta facile constatare la loro universale diffusione in tempi, strutture sociali, ceti e classi diverse. Si tratta di fenomeni che non possono essere attribuiti né alla cultura d’èlite né a quella popolare e, inoltre, sono presenti tanto nelle cosiddette culture primitive quanto in quelle evolute. Si incontrano sostenitori di queste teorie in tutte le fazioni politiche e in tutte le ideologie. Tuttavia si potrebbe sostenere la tesi che solo a partire dal periodo, che va dal 1750 al 1850, esistano teorie cospiratorie in senso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sociologia
illuminati
karl popper
complotto
crisi del '29
teoria del complotto
la profezia che si autoavvera
la grande depressione
cospirazioni
la teoria cospiratoria della società e del mondo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi