Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Teorie del Complotto - Casi Esemplari del Ventesimo Secolo

Una teoria del complotto sostiene che gli eventi storici od attuali siano il risultato di una manipolazione da parte di uno o più poteri occulti o cospirazioni. Queste teorie sostengono che un particolare evento come un assassinio, una rivoluzione, o addirittura il fallimento di una banca è dovuto a delle operazioni occulte. Le componenti essenziali della cospirazione sono il coinvolgimento di almeno due persone, la segretezza e l’intento malizioso. Secondo la teoria cospiratoria, il mondo è diviso in due campi: il manipolatore ed i manipolati. Per il filosofo Karl Popper, autore della “teoria cospiratoria della società e del mondo”, essa deriverebbe dalla secolarizzazione delle superstizioni religiose. È una moderna versione che Omero aveva della società: egli concepiva il potere degli dei in un modo tale che qualsiasi cosa accadesse nella pianura di Troia non era altro che un riflesso delle varie cospirazioni che accadevano nell’Olimpo. Se si tolgono di mezzo gli dei al loro posto finiscono uomini e gruppi potenti, a cui viene attribuito di aver programmato tutto ciò che accade nella società compresi gli avvenimenti che di norma la gente non ama come le guerre e la povertà. Questa teoria però, non considera che le azioni umani intenzionali hanno effetti ininintenzionali. Questi effetti sono alla base anche della “Self fulfilling prophecy” di Robert King Merton: una aspettativa o una credenza falsa in origine, ma accettata da un numero consistente di persone si adempie nella realtà, in altre parole si tratta di un’opinione originariamente falsa, ma per il fatto di essere creduta, conduce ad un comportamento che la fa avverare. Come è accaduto in America durante il periodo della Grande Depressione. Voci circa l’insolvenza della Last National Bank hanno scatenato la corse dei clienti a ritirare i lori risparmi, producendo nei fatti l’inveramento di quelle stesse voci. Si tende a spiegare gli avvenimenti negativi della società umana utilizzando le teorie del complotto anche quando questi eventi sono il risultato inintenzionale delle nostre azioni. La paura dei complotti è una paura antica probabilmente quanto le società umane, ha assunto forme diverse a secondo dello sviluppo sociale raggiunto nel contesto in cui si sviluppava. Esse hanno in determinati periodi grande diffusione, in altri invece ristagnano. Si potrebbe sostenere la tesi che solo a partire dal 1750 esistano teorie cospiratorie in senso proprio, perché in passato si era sempre fatto ricorso ad elementi teologici, come la caccia alle streghe, mentre ora è possibile individuare cospiratori umani come i massoni e i giacobini. Infatti proprio nella rivoluzione francese c’è un elevato grado di diffusione della teoria del complotto. Colui che denunciò sistematicamente il complotto fu il giornalista francese J. P. Marat, con il suo giornale L’Ami du peuple. Egli si considerava l’occhio e la voce del popolo, sapeva che la gente era disposta a credere a ciò che voleva credere. Solo con il monopolio del controllo dei mezzi di informazione la teoria del complotto può giovare a chi detiene il potere. Dopo la rivoluzione francese prese vigore la teoria del complotto ebraico massonica che sfociò nella prima metà dell’ottocento nel caso Dreyfus. Il complotto più diffuso dei nostri giorni è il cosiddetto “New World Order”. La cospirazione finalizzata alla creazione di uno stato globale viene orchestrata da una società segreta: gli Illuminati. Per creare questo unico governo mondiale bisogna controllare ogni settore della vita: governo, finanza, affari e mezzi di comunicazione. Attraverso il controllo della finanza gli Illuminati governano il mondo, la base dell’Ordine Economico Globale è la Federal Reserve, la banca centrale americana. Molti teorici della cospirazione sostengono che esista un complotto che ha portato prima alla creazione del sistema della Federal Reserve del 1913 e poi alla sua continua espansione, fino al punto che la Fed crea il denaro ed il credito a livello mondiale senza più alcun vincolo. Infatti Marco Saba, sostiene che sia stata proprio la Fed a causare il crollo di Wall Street del 1929 e la conseguente Grande Depressione. Questi avvenimenti sono un caso esemplare del ventesimo secolo in quanto gli eventi degli anni trenta possono essere visti come il risultato di un preciso proposito perseguito da alcuni potere oscuri oppure potrebbero essere analizzati come conseguenze inintenzionali delle azioni umane.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 L’evoluzione, “la seduzione” e la profezia della teoria del complotto Benvenuti nel Nuovo Ordine Mondiale! Il governo globale non sta arrivando. E’ già qui. 1.1 L’evoluzione Le teorie cospiratorie, come altri modelli interpretativi e spiegazioni del mondo, hanno in determinati periodi grande diffusione, in altri invece ristagnano. Affrontando il contesto storico delle teorie del complotto, risulta facile constatare la loro universale diffusione in tempi, strutture sociali, ceti e classi diverse. Si tratta di fenomeni che non possono essere attribuiti né alla cultura d’èlite né a quella popolare e, inoltre, sono presenti tanto nelle cosiddette culture primitive quanto in quelle evolute. Si incontrano sostenitori di queste teorie in tutte le fazioni politiche e in tutte le ideologie. Tuttavia si potrebbe sostenere la tesi che solo a partire dal periodo, che va dal 1750 al 1850, esistano teorie cospiratorie in senso

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marco Visco Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3423 click dal 05/09/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.