Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetti di Embodiment: mani pulite, coscienza pulita

Questo elaborato parte dal concetto di Embodiment secondo cui il sistema cognitivo e quello motorio sono interdipendenti: ciascuno influenza l’agire dell’altro. Gli effetti di questa scienza sono stati studiati in particolar modo come conseguenza di valutazioni personali.
La prima parte del presente lavoro sarà destinata a una breve introduzione relativa agli studi psicologici che sono stati condotti nell’ambito della cosiddetta cognizione incarnata (Embodied Cognition) o mente incorporata (seguendo G. Lakoff), all’utilizzo degli stimoli sensoriali nel marketing e alla nozione di dilemma morale.
La seconda parte riguarderà alcuni esperimenti esemplificativi di quest’approccio, mentre l’ultima parte sarà prevalentemente dedicata ai risultati di una ricerca riguardante sia la valutazione di un prodotto in riferimento a tematiche morali ed etiche (sperimentazione su animali), sia un dilemma morale opportunamente allestito, su soggetti sottoposti ad una condizione di “pulizia fisica” (uso di igienizzante per le mani).
L’obiettivo è stato, appunto, quello di indagare se i soggetti esposti a questo tipo di condizione potessero valutare differentemente prima il prodotto in relazione all’eventuale aspetto morale ad esso connesso e successivamente una situazione difficile in ambito di moralità.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO I La nascita del concetto di Embodiment 1.1 Cenni storici G. Lakoff (1941) è un linguista statunitense conosciuto soprattutto per le sue idee riguardanti la centralità della metafora nella società e nel pensiero umano, ma soprattutto egli è famoso per il suo concetto di mente incorporata (Embodiment). Quando Lakoff parla di mente incorporata, sostiene che quasi tutta la cognizione umana, fino al ragionamento più astratto, dipende e fa uso di strutture quali il sistema senso-motorio e le emozioni. Pertanto l'Embodiment rifiuta il dualismo cartesiano, che definisce il corpo come mera somma di parti, senza interiorità, quindi corpo-oggetto, e l’anima come un essere completamente presente a se stesso senza distanza, ovvero coscienza- oggetto (F. Gomez Paloma, 2009). Egli offre tre tipi di argomentazioni a favore dell'Embodiment: 1. alcuni concetti, quali quelli di colore e di relazione spaziale (per esempio "rosso" o "sopra"), possono essere compresi quasi interamente attraverso l'esame del funzionamento dei processi percettivi o di controllo motorio; 2. il ragionamento che usiamo per argomenti astratti (quali la guerra, l'economia o la morale) è radicato nel ragionamento che usiamo per argomenti quali le relazioni spaziali; 3. pochissime categorie usate dagli esseri umani sono del tipo bianco o nero, cioè inequivocabili; al contrario, la maggior parte di esse sarebbero molto più complicate e disordinate, proprio come i nostri corpi.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Eleonora Sorrentino Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1117 click dal 05/09/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.