Skip to content

Il Capital Budgeting: analisi teorica ed esperienza empirica

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Di Carlo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Elisabetta Mafrolla
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

Secondo la teoria tradizionale, il fine di massimizzazione del reddito costituisce l’unico metro valutativo che ispira il processo deliberativo dell’impresa. Più in generale, il fine ultimo dell’impresa consiste nella sopravvivenza, la quale deve avere la precedenza su tutti gli altri obiettivi aziendali, incluso il reddito di breve periodo. L’obiettivo della sopravvivenza rappresenta, quindi, un vincolo generale che deve essere necessariamente rispettato nella ormulazione dei fini intermedi dell’impresa.
Nel lungo termine, l’impresa si configura quale “sistema evolutivo”, in grado non solo di mantenere, ma anche di aumentare la propria capacità di sopravvivenza di fronte alle variazioni ambientali. Conservazione e innovazione sono strumenti a disposizione dell’impresa per conseguire la finalità generale della propria sopravvivenza nel tempo.
Il governo economico delle imprese si esercita continuamente mediante un complesso sistema di decisioni di varia natura ed importanza. Con tali decisioni, che, anche se definite o attuate in momenti diversi, formano un sistema in virtù delle molteplici relazioni che le legano, le direzioni aziendali tendono a perseguire un articolato insieme di obiettivi in grado di assicurare la funzionalità economica duratura dell’impresa, la quale deve conseguire almeno nel lungo periodo, ricavi d’esercizio sufficienti a remunerare tutti i fattori produttivi richiesti dalla gestione ed a remunerarli nella misura determinata dal mercato. Tutti i portatori d’interessi all’interno del sistema devono essere remunerati. Mediante l’avvio di progetti si realizza nel concreto l’orientamento “al lungo periodo” della direzione aziendale, cioè la tensione a realizzare e la capacità di attendere il realizzarsi di circuiti virtuosi che manifestano i loro effetti, con ritardi più o meno rilevanti, in là nel tempo.
In tale contesto assume notevole importanza la creazione di un budget degli investimenti, tematica centrale del presente lavoro, che si articola in tre capitoli. Nel primo verrà proposta una definizione di capital budgeting, esaminate le fasi del processo di creazione di tale budget ed infine verranno analizzate le varie tecniche di valutazione degli investimenti, raggruppate in metodi tradizionali e metodi basati sull’attualizzazione dei flussi di cassa.
Il secondo capitolo verterà sulla letteratura anglosassone, prendendo in considerazione i pensieri di vari autori sull’argomento. In particolare si esaminerà il problema di agenzia tra i manager che prendono le decisioni di investimento e gli azionisti, nonché gli incentivi e il monitoraggio degli stessi.
L’ultimo capitolo riporta il caso aziendale, nel quale viene esaminato concretamente il processo di realizzazione di un investimento dell’impresa C.I.I. srl (Centro Italia Imballaggi), nella sostituzione di un macchinario di produzione, calcolando alcuni dei principali indici di valutazione degli investimenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO I IL CAPITAL BUDGETING 1. Introduzione Con il processo di pianificazione strategica 1 si definiscono gli obiettivi di fondo della gestione aziendale e si individuano le linee strategiche per raggiungerli. Tutto questo processo è proiettato in un lasso di tempo futuro piuttosto lungo, di norma pluriennale; ad intervalli più brevi occorre non solo aggiornare il piano, ma anche stabilire precisi programmi d’azione validi nel breve periodo e verificare il grado di concreta realizzazione dei medesimi. Quest’ultimo processo viene denominato programmazione e controllo della gestione 2 o, più semplicemente, controllo di gestione e trova la sua sintesi nel documento amministrativo chiamato budget 3 . Il budget è un programma di gestione, riferito all’esercizio futuro, che si conclude con la formulazione di un bilancio preventivo. Esso richiede a monte la conoscenza di costi standard, cioè di costi precalcolati che esprimano quanto dovrebbe costare la produzione aziendale in condizioni soddisfacenti (e raggiungibili) di svolgimento della gestione. L’utilità del budget discende dalla pluralità di funzioni che esso svolge, in 1 Sulla pianificazione strategica si veda: S. PODESTA’, Introduzione alla pianificazione nell’impresa, Giuffrè, 1971; A. RUGIADINI, La pianificazione d’impresa, Aspetti metodologici e organizzativi, Angeli, 1978; S. CARNAROLI, Tecnica della programmazione aziendale a lungo termine, Angeli, 1978. 2 Sul controllo di gestione si veda: F. CESCON, Il controllo di gestione nello sviluppo e nel risanamento aziendale, 1988; G. CAVAZZONI, Il controllo di gestione, 1992; A. BANDETTINI, Controllo di gestione, aspetti tecnico-contabili, 1980. 3 P. MELLA, Controllo di gestione, pag. 49.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi