Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Investimenti on-line

La tesi tratta prevalentemente il fenomeno del trading on-line in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Alcune precisazioni prima di incominciare la trattazione degli argomenti proposti in questo lavoro sono doverosi. Vi è, infatti, piena consapevolezza del fatto che i dati e i comportamenti dei players su Internet sono costantemente in evoluzione e perciò si può solo cercare di dare un’ immagine ben circostanziata nel tempo di quel che è il fenomeno degli investimenti attraverso la rete. Ciò nonostante in questo lavoro si cerca di delineare quelli che possano essere i più probabili sviluppi del business. Viene concentrata l’ attenzione sul fenomeno del trading on-line, sia perché in Italia, un paese tradizionalmente poco incline all’ investimento azionario, ha ottenuto buon successo ed una notevole diffusione in special modo tra i piccoli risparmiatori, sia perché ha dimostrato di possedere quelle caratteristiche da killer application capaci di fare da volano ad altri servizi a più elevato valore aggiunto che non si limitano esclusivamente alla compravendita di titoli in Borsa. Nonostante la generale flessione dei mercati azionari ed in particolar modo il crollo dei titoli high tech nell’ ultima parte del 2000 abbia contribuito al rallentamento del brokeraggio on-line in Europa, per quanto riguarda il nostro Paese i tassi di crescita si mantengono ben al di sopra rispetto a quelli degli altri patners dell’ Unione, a dimostrazione di come il settore manifesti una notevole vivacità. Il primo Capitolo si occupa delle opportunità d’ investimento offerte ai piccoli risparmiatori dalla rete; viene anche analizzato il ruolo degli istituti di credito ed il rischio che corrono rimanendo fuori dal business del brokeraggio on-line. Significativo l’ esempio offerto dalla Merry Linch che dopo aver tergiversato per almeno due anni ha deciso a fine 1999 di buttarsi nell’ avventura di Internet perché nonostante il suo staff faraonico di analisti finanziari ed intermediari tra i più specializzati al mondo, si sentiva ormai minacciata da imprese nate dal nulla come E-Trade e Datek. Vengono, inoltre, delineati i passi che il piccolo risparmiatore deve seguire per arrivare ad operare in Borsa attraverso internet: dall’ apertura del proprio conto on-line, alla valutazione dei costi di attivazione del servizio, alle commissione applicate sia sui titoli italiani sia su quelli esteri. L’ ultima parte del capitolo è dedicata al problema della sicurezza, spesso, a torto, la principale fonte di preoccupazione di chi si trova indeciso se aprire un meno un proprio conto on-line.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Adriano Favalli Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1428 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.