Skip to content

La configurazione discorsiva dell' "operatore dell'emergenza" : una ricerca esplorativa

Informazioni tesi

  Autore: Alexia Vendramini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinico-dinamica
  Relatore: Gian Piero Turchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 283

Con “operatore dell’emergenza” si intende colui che, a titolo volontario o professionista, è chiamato a gestire situazioni di emergenza all’interno di agenzie operative con differenti campi di applicazione (Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine, Croce Rossa Italiana, associazioni private di soccorso sanitario, Esercito Italiano, Protezione Civile, ecc.).

L’operatore dell’emergenza risulta pertanto essere un ruolo il cui profilo viene definito e costruito in virtù di competenze specifiche, necessarie per poter mettere in campo processi organizzativi finalizzati al perseguimento degli obiettivi dell’organizzazione cui appartiene, e che si acquisiscono attraverso una formazione specifica.

Il lavoro che ci si accinge a presentare, il cui obiettivo è “descrivere la configurazione discorsiva della realtà ‘operatore dell’emergenza’” generata dall’interazione delle pratiche discorsive di differenti voci (letteratura di settore, normativa, senso comune e operatori stessi), nasce sulla scorta dell’esplicitazione della richiesta, a livello sia nazionale sia internazionale, di rispondere agli aspetti critici relativi ai “vissuti psicologici” che coinvolgono gli operatori dell’emergenza, trasversalmente alle differenti strutture operative, durante e dopo l’intervento in eventi critici.

A livello normativo, tale richiesta compare nella Direttiva emanata dal Presidente del Consiglio dei Ministri in data 13 giugno 2006 “Criteri di massima sugli interventi psico-sociali da attuare nelle catastrofi” (G.U. 29 agosto 2006, n.200), in cui si evidenzia l’importanza di porre attenzione alle problematiche psichiatrico-psicologiche provocate dagli eventi calamitosi nelle persone coinvolte, siano esse soccorsi oppure soccorritori, e di intervenire rispetto ad esse in termini sia di prevenzione che di trattamento.

Nella I Parte, denominata Senso scientifico e letteratura di settore, si offre una riflessione epistemologica che consente di tracciare i confini entro cui un atto conoscitivo possa essere definito scientifico. A fronte di questo, viene delineato l’oggetto d’indagine del lavoro, “operatore dell’emergenza”, esplicitando la filiera della conoscenza su cui si impernia la ricerca condotta e presentata nella seconda parte, ovvero: statuto epistemologico dello stesso, scienza all’interno della quale se ne rende praticabile la conoscenza, paradigma assunto come riferimento coerente, cornice teorica adottata e costrutti utilizzati che all’interno di essa trovano definizione (Capitolo 1).
Successivamente, vengono offerte alcune definizioni del costrutto di “emergenza”, utilizzando come riferimenti l’etimologia e la normativa nazionale. Si entra quindi nel merito del campo di applicazione della Psicologia dell’Emergenza, offrendone alcune coordinate definitorie e lo stato dell’arte nazionale e internazionale in termini di contributi di ricerca e d’intervento. Proseguendo, si traccia un’analisi epistemologica dei presupposti fondativi della disciplina e si mettono in luce le possibili ricadute pragmatiche di questi nell’operatività del ruolo dell’operatore dell’emergenza. Infine, si presenta quella che intende essere una proposta di “scarto paradigmatico” in ambito di Psicologia dell’Emergenza (Capitolo 2).

Nella II Parte, intitolata La ricerca, viene presentata la ricerca fondata sui presupposti resi espliciti nel Capitolo 1. Più dettagliatamente: si descrive la metodologia utilizzata per l’indagine, necessariamente aderente allo statuto epistemologico e coerente con il riferimento paradigmatico su cui si colloca l’oggetto d’indagine affinché si possa parlare di un contributo scientifico (Capitolo 3); si riportano i risultati della ricerca in termini di descrizione e di commento, suddividendoli per area d’indagine (Capitolo 4).

Nella III Parte, dal titolo Conclusioni, si riportano da un lato le considerazioni formulate dal ricercatore integrando le argomentazioni relative alla Psicologia dell’Emergenza (Capitolo 2) e le argomentazioni inerenti alla ricerca svolta, dall’altro offrendo quelle che si configurano come proposte di possibili linee operative fondate sui presupposti teorico-epistemologici presentati in termini di “scarto paradigmatico” nel campo di applicazione della Psicologia dell’Emergenza (Capitolo 5).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Con “operatore dell’emergenza” si intende colui che, a titolo volontario o professionista, è chiamato a gestire situazioni di emergenza all’interno di agenzie operative con differenti campi di applicazione (Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine, Croce Rossa Italiana, associazioni private di soccorso sanitario, Esercito Italiano, Protezione Civile, ecc.). L’operatore dell’emergenza risulta pertanto essere un ruolo il cui profilo viene definito e costruito in virtù di competenze specifiche, necessarie per poter mettere in campo processi organizzativi finalizzati al perseguimento degli obiettivi dell’organizzazione cui appartiene, e che si acquisiscono attraverso una formazione specifica. Il lavoro che ci si accinge a presentare, il cui obiettivo è “descrivere la configurazione discorsiva della realtà ‘operatore dell’emergenza’” generata dall’interazione delle pratiche discorsive di differenti voci (letteratura di settore, normativa, senso comune e operatori stessi), nasce sulla scorta dell’esplicitazione della richiesta, a livello sia nazionale sia internazionale, di rispondere agli aspetti critici relativi ai “vissuti psicologici” che coinvolgono gli operatori dell’emergenza, trasversalmente alle differenti strutture operative, durante e dopo l’intervento in eventi critici. A livello normativo, tale richiesta compare nella Direttiva emanata dal Presidente del Consiglio dei Ministri in data 13 giugno 2006 “Criteri di massima sugli interventi psico- sociali da attuare nelle catastrofi” (G.U. 29 agosto 2006, n.200), in cui si evidenzia l’importanza di porre attenzione alle problematiche psichiatrico-psicologiche provocate dagli eventi calamitosi nelle persone coinvolte, siano esse soccorsi oppure soccorritori, e di intervenire rispetto ad esse in termini sia di prevenzione che di trattamento. Nella I Parte, denominata Senso scientifico e letteratura di settore, si offre una riflessione epistemologica che consente di tracciare i confini entro cui un atto conoscitivo possa essere definito scientifico. A fronte di questo, viene delineato l’oggetto d’indagine del lavoro, “operatore dell’emergenza”, esplicitando la filiera della conoscenza su cui si impernia la ricerca condotta e presentata nella seconda parte, ovvero: statuto epistemologico dello stesso, scienza all’interno della quale se ne rende praticabile la conoscenza, paradigma assunto come riferimento coerente, cornice

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dpts
psicologia dell'emergenza
paradigma narrativistico
configurazione discorsiva
realismo concettuale
modello dialogico
teoria dell'identità dialogica
stress lavoro correlato
metodologia m.a.d.i.t.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi