Skip to content

Lo stilista e il manager: un unico binomio. Creatività e management a confronto.

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Cestari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Culture e Tecniche della Moda
  Relatore: Nicoletta Giusti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Il mio testo ruota attorno al concetto di binomio all'interno delle industrie culturali e, in particolare, all'interno del sistema moda, dove creatività e management convivono oggi a stretto contatto.
Ho pertanto definito i ruoli e le nuove forme di collaborazione tra l'apparato creativo, incarnato dallo stilista, e quello amministrativo, rappresentato dal manager; figure che solo apparentemente possono sembrare lontane e contrarie, ma che in realtà si accompagnano l'un l'altra per ottenere risultati vincenti sul mercato.
Ho sfatato di conseguenza il luogo comune ruotante attorno allo stilista - posto come genio incompreso, folle o capriccioso - affermando che tutto solo, senza una spalla amministrativa complice ed efficiente, non riuscirebbe ad incanalare e sviluppare la propria creatività. Per dimostrare ciò, ho dedicato infine un intero capitolo esemplificando il concetto di binomio in storiche coppie creativo-manager: tra i tanti, Valentino e Giammetti, Yves Saint Laurent e Pierre Bergè, Dior e Boussac, coppie lavorative che spesso divenivano coppie di fatto, ponendo sul loro successo un sigillo d'amore. La moda, ancora una volta, rivela così la sua natura duale, ibrida.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Quando, nel mondo della moda, si parla di moda unicamente in termini di creatività, estro e intuito, si rischia di cadere nello scontato: è l’errore di coloro che, estranei al sistema e al suo funzionamento, vengono abbagliati e fuorviati dal racconto mediatico di un mondo favoleggiante e pailettato. Un mondo che sembra alimentarsi di mere apparenze – star-system, red carpet, copertine, modelle – e che, nella concezione comune, risulta spesso dipendente alle vite e alle personalità eccentriche di stilisti e designer. Di conseguenza, la stessa definizione di creativo porterà con sé il peso di conclusioni semplicistiche, che il più delle volte lo collocano in un immaginario generalizzante, come una figura capricciosa, eroica o solitaria, dotata di genio e talento innati. Questa serie di convenzioni, piuttosto caricaturale, non è del tutto inesatta, quanto approssimata, nel rappresentare la componente più emozionale delle industrie di moda. Ecco allora che in primo luogo occorre compiere una distinzione fondamentale – seppur fittizia, come dimostrerò nel corso del testo, poiché basata su due fattori vincolati reciprocamente – tra creatività e management. L’evoluzione e l’analisi di tale rapporto, che vede all’opera nella moda un’anima creativa agire accanto a un’anima manageriale, è utile a comprendere il modello gestionale nelle aziende del sistema moda, andando a sfatare numerose leggende e svelando i meccanismi che possono decretare successi o insuccessi. Per Pierre Bourdieu 1 non sarebbe di certo una novità spiegare la moda come un campo intermedio tra quello burocratico e quello artistico 2 , una valutazione che ha trovato infatti la sua corrispondenza concreta in ciò che indichiamo sotto la voce “binomi”: un fenomeno antico, molto frequente nel settore delle industrie culturali, che sottolinea la natura duale della moda. Se osserviamo i trionfi storici di celebri aziende, vediamo che i binomi sono composti da un creativo - uno stilista - e un amministrativo - un manager - accompagnatori l’uno dell’altro, senza dosi di competitività o agonismo, a dimostrare che nessuna delle due figure deve essere considerata inferiore o secondaria. Il mio studio intende pertanto osservare l’interazione incessante tra i due ruoli, cercando di delinearne qualità, compiti e confini. Con tale obiettivo passerò in rassegna casi esemplari di binomi, di coppie autentiche, scelte sia per la loro importanza nella storia della moda, sia per la particolarità delle loro sintonie, dove spesso l’affinità lavorativa sfocia in quella personale. 1 Pierre Bourdieu [1930 – 2002] è stato sociologo, antropologo e filosofo francese. Tratta svariati e numerosi argomenti tra cui etnografia, arte, letteratura, pedagogia, linguaggio, costume e televisione. Il suo La distinzione. Critica sociale del gusto [1979] è stato nominato dall’Associazione Internazionale di Studi Sociologici come uno dei dieci testi di sociologia più importanti del XX secolo; ce ne interesseremo per introdurre un breve accenno riguardante le teorie della moda come sistema, o meglio, per dirla alla Bourdieu, della moda intesa come “campo”. 2 Bourdieu in Giusti, N. [2009], Introduzione allo studio della moda, Bologna, Il Mulino, pp. 148-49;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

management
moda
creatività
pierre bourdieu
coppie
manager
stilista
storia della moda
binomio creativo
pierre bergé

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi