Skip to content

La fotogrammetria in Italia tra ‘800 e ‘900: il fondo Paganini dell’Istituto Geografico Militare di Firenze

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Caciolli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Maria Grazia Ciardi Duprè
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 601

La tesi partendo dalla documentazione esistente presso l'Istituto Geografico Militare di Firenze relativa ai primi esperimenti di fotogrammetria terrestre, attraverso la valorizzazione di questa collezione, tratta delle questioni inerenti la conservazione del materiale fotografico e dello sviluppo nella storia della fotografia di quella branca che rientra nella fotografia scientifica ma che con sensibilità contemporanea, si presta a molteplici letture, da quelle antropologiche, antropiche e ambientali, fino a quelle relative al paesaggio. Capitoli specifici vengono dedicati alla evoluzione tecnica degli strumenti e degli apparati fotografici elaborati dal geografo Pio Paganini e conservati nel museo strumenti dell'Istituto Geografico. Ampio apparato fotografico relativo alle campagne storiche dell'Istituto Geografico e delle sue collezioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione IX Introduzione Negli anni 1996 si è dato inizio al riordino dell’archivio in cui viene conservato il patrimonio fotografico storico dell’Igm 1 . In questa fase sono emersi diversi nuclei di fotografie dei quali era nota l’esistenza, ma che fino ad oggi, erano stati apprezzati solo per le finalità produttive per cui erano stati realizzati. Nella riorganizzazione di un archivio è importante riuscire a conservare tutti gli elementi che lo compongono, ognuno con la propria struttura interna, la propria organizzazione, correlata con quella di tutti gli altri, perché anche in futuro sia possibile ricostruire la fisionomia, l’attività, le scelte dell’ente che li ha prodotti 2 . Abbiamo quindi ritenuto importante registrare le varie fasi in cui si è svolto il lavoro illustrando in particolare, fra tutti i fondi presenti, quello più antico che forse più di altri rappresenta la peculiarità dell’ente: il fondo Paganini. Questo fondo è costituito da materiale fotografico sia negativo che positivo, realizzato con scopi fotogrammetrici 3 . Luigi Pio Paganini (Milano 1848 - Firenze 1916) è stato colui che per conto dell’Igm, fra il 1878 e il 1910 ha progettato gli apparecchi necessari alle 1 Istituto Geografico Militare unico ente cartografico dello stato italiano è stato creato nel 1865 come Ufficio Tecnico allo scioglimento degli Uffici Topografici degli stati preunitari. Svolge una serie complessa di compiti legati alla gestione e amministrazione del territorio. Vedi 1 pag. 3. 2 Vedi Benedetta Toso, Gli interventi di riordino negli archivi fotogragrafici, in «Centro di ricerche informatiche per i beni culturali», Quaderni 8, Tiziana Serena (a cura di), Per Paolo Costantini. Fotografia e raccolte fotografiche. Vol. 1,1998, pag. 224. 3 “Con il termine fotogrammetria si intendono tutte quelle procedure che utilizzano immagini fotografiche di un oggetto per ricavarne le dimensioni. Mediante la fotogrammetria questa operazione viene fatta, in gran parte, non direttamente sull'oggetto ma operando su immagini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fotografia
paesaggio
conservazione
fotogrammetria
campagne fotografiche
panorami
collezioni
esplorazioni
istituto geografico militare
pio paganini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi