Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fotogrammetria in Italia tra ‘800 e ‘900: il fondo Paganini dell’Istituto Geografico Militare di Firenze

La tesi partendo dalla documentazione esistente presso l'Istituto Geografico Militare di Firenze relativa ai primi esperimenti di fotogrammetria terrestre, attraverso la valorizzazione di questa collezione, tratta delle questioni inerenti la conservazione del materiale fotografico e dello sviluppo nella storia della fotografia di quella branca che rientra nella fotografia scientifica ma che con sensibilità contemporanea, si presta a molteplici letture, da quelle antropologiche, antropiche e ambientali, fino a quelle relative al paesaggio. Capitoli specifici vengono dedicati alla evoluzione tecnica degli strumenti e degli apparati fotografici elaborati dal geografo Pio Paganini e conservati nel museo strumenti dell'Istituto Geografico. Ampio apparato fotografico relativo alle campagne storiche dell'Istituto Geografico e delle sue collezioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione IX Introduzione Negli anni 1996 si è dato inizio al riordino dell’archivio in cui viene conservato il patrimonio fotografico storico dell’Igm 1 . In questa fase sono emersi diversi nuclei di fotografie dei quali era nota l’esistenza, ma che fino ad oggi, erano stati apprezzati solo per le finalità produttive per cui erano stati realizzati. Nella riorganizzazione di un archivio è importante riuscire a conservare tutti gli elementi che lo compongono, ognuno con la propria struttura interna, la propria organizzazione, correlata con quella di tutti gli altri, perché anche in futuro sia possibile ricostruire la fisionomia, l’attività, le scelte dell’ente che li ha prodotti 2 . Abbiamo quindi ritenuto importante registrare le varie fasi in cui si è svolto il lavoro illustrando in particolare, fra tutti i fondi presenti, quello più antico che forse più di altri rappresenta la peculiarità dell’ente: il fondo Paganini. Questo fondo è costituito da materiale fotografico sia negativo che positivo, realizzato con scopi fotogrammetrici 3 . Luigi Pio Paganini (Milano 1848 - Firenze 1916) è stato colui che per conto dell’Igm, fra il 1878 e il 1910 ha progettato gli apparecchi necessari alle 1 Istituto Geografico Militare unico ente cartografico dello stato italiano è stato creato nel 1865 come Ufficio Tecnico allo scioglimento degli Uffici Topografici degli stati preunitari. Svolge una serie complessa di compiti legati alla gestione e amministrazione del territorio. Vedi 1 pag. 3. 2 Vedi Benedetta Toso, Gli interventi di riordino negli archivi fotogragrafici, in «Centro di ricerche informatiche per i beni culturali», Quaderni 8, Tiziana Serena (a cura di), Per Paolo Costantini. Fotografia e raccolte fotografiche. Vol. 1,1998, pag. 224. 3 “Con il termine fotogrammetria si intendono tutte quelle procedure che utilizzano immagini fotografiche di un oggetto per ricavarne le dimensioni. Mediante la fotogrammetria questa operazione viene fatta, in gran parte, non direttamente sull'oggetto ma operando su immagini

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefano Caciolli Contatta »

Composta da 601 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 837 click dal 17/09/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.