Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"The war is language": "Wichita Vortex Sutra" di Allen Ginsberg

La presente memoria di laurea analizza il contesto storico e culturale dell'opera “Wichita Vortex Sutra” di Allen Ginsberg.
Nel primo capitolo vi è un'analisi del ruolo politico degli Stati Uniti nella guerra in Vietnam, a cui segue un ulteriore approfondimento sul concetto di “destino manifesto”, tipico della storia americana.
Nel secondo capitolo vi è una presentazione delle caratteristiche e dei principali membri della Beat Generation, movimento culturale e letterario diffuso negli anni Sessanta in America.
Nel terzo capitolo è introdotta la figura del beat Allen Ginsberg, di cui sono illustrate la vita e la poetica, oltre alle principali opere.
Nel quarto capitolo è presente l'analisi dal punto di vista storico e culturale del componimento “Wichita Vortex Sutra”. Tale opera rappresenta il tentativo del poeta di recuperare l'originale potenza della lingua, un tempo portatrice di significati e verità, ma ora assoggettata alla volontà dei media e della politica.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 LA GUERRA DEL VIETNAM: GLI STATI UNITI E IL LORO COINVOLGIMENTO NEL CONFLITTO 1.1 Il contesto storico 1.1.1. La Guerra d'Indocina e la Conferenza di pace di Ginevra Con la Guerra d'Indocina (1946-1954) la Francia, aiutata dagli Stati Uniti, aveva tentato di ristabilire il controllo sui territori che un tempo erano sotto il suo protettorato, ma che si erano resi indipendenti sotto la guida del leader comunista-nazionalista Ho Chi Minh, capo del Viet Minh, il movimento di indipendenza del Vietnam. Gli accordi di pace di Ginevra che seguirono il conflitto sancirono la divisione del territorio vietnamita in due Stati, fissando la linea di confine sul 17° parallelo: il Vietminh comunista avrebbe governato la parte a settentrione (Vietnam del Nord, con capitale Hanoi), appoggiato da Cina e Unione Sovietica; Ngo Din Diem, primo ministro cattolico, avrebbe invece governato quella a meridione (Vietnam del Sud, con capitale Saigon), appoggiato economicamente e militarmente dagli Stati Uniti. La soluzione ginevrina era in realtà solo una proposta provvisoria in attesa di elezioni generali da tenersi nel giugno 1956 per unificare politicamente la nazione, ma queste non ebbero mai luogo. 1.1.2. I primi anni di governo nelle due zone vietnamite Il governo del Vietnam del Sud si rafforzò sempre di più durante i primi anni della sua costituzione grazie alla massiccia repressione delle forze vietminh rimaste al sud. Il rafforzamento fu inoltre favorito dal “Passage to Freedom” 1 , appellativo dalla chiara sfumatura anticomunista che denota il grande afflusso di vietnamiti dal Nord al Sud, per la maggioranza cattolici. Tale operazione fu fortemente sostenuta 1 GEORGE C HERRING, America's longest war: the United States and Vietnam, 1950-1975. McGraw-Hill, 2002, pp. 62-63. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Linguistiche e Letterature Straniere

Autore: Paola Giudici Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 283 click dal 12/09/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.