Skip to content

Storia della polizia locale. Specificità del caso italiano

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Cappai
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Amministrazione e Politiche Pubbliche (Lm-63)
  Relatore: Maria Chiara Giorgi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 251

L'Italia è una nazione dalla storia relativamente breve, ha un'età più giovane rispetto a quella di tutti i propri corpi di polizia i cui atti fondativi si rinvengono anteriormente al 1861. Le molte realtà locali hanno radici e tradizioni profonde e variegate, non è quindi difficile credere con quanta diversità le forme di polizia hanno esercitato i loro compiti all'interno di esse. Proprio a causa di questa diversità geografica, storica e socio-economica delle identità locali che si deve la difficoltà di unificare la storia delle polizie locali. Esistono una miriade di storie di polizia municipale realizzate in modo autonomo dai comuni o da operatori appassionati, ma un unico vero testo di riferimento non esiste. Per tracciare una storia complessiva della polizia locale è necessario quindi esaminare queste storie scritte, laddove esistenti, in autonomia ed armonizzarle tra loro estrapolando le esperienze comuni nello stesso momento storico, cercando ci capire quali siano state le ragioni sottostanti ad alcune scelte effettuate. Lo scopo di questo lavoro è proprio quello di tracciare una storia delle funzioni di polizia a livello locale, laddove il termine locale è inteso nell'ambito della comunità di riferimento all'interno del relativo periodo storico, parleremo così di municipi, città, comuni, province. Esamineremo quali corpi adempivano a tali funzioni, come essi sono stati costituiti, con quali poteri e con quale evoluzione, soprattutto incentrando l'attenzione sui limiti imposti dalla legislazione e dalla prassi dello Stato. Necessariamente andrà preventivamente chiarito cosa si intende per polizia, quali sono le relative funzioni, come e perché di esse siano titolari oggi come in passato gli Enti Locali.
L'attenzione sarà quindi puntata sullo specifico caso della costituzione del Corpo di polizia locale nella Città della Spezia, per il quale saranno evidenziate le dinamiche di formazione, i rapporti con la cittadinanza, il servizio svolto, traendo notizie da atti e giornali dell'epoca. Per concludere volgeremo lo sguardo verso la prima vera legge di riforma del comparto di vigilanza locale avvenuta solo nell'anno 1986, evidenziando come oggi, a nemmeno 30 anni di distanza, quel testo appaia nuovamente anacronistico, così come lo era il R.D. 31.8.1907 n. 690 quando negli anni Settanta si completava la riforma regionale investendo di molti nuovi compiti le polizie locali. Terminologicamente per polizia locale si intendono le funzioni di polizia esercitate dai corpi e servizi alle dipendenze dell'ente locale titolare delle funzioni di polizia amministrativa locale che, nell'ordinamento italiano sono il comune e la provincia, pertanto con esso si intende tanto la polizia municipale quanto la polizia provinciale. Quest'ultima quantomeno fino all'esito della sistemazione complessiva operata dalla Legge 22.12.2012 n. 214 "Salva Italia" in tema di riordino di province e città metropolitane ed all'assegnazione delle relative funzioni fondamentali in capo al nuovo ente di seconda nomina, ad oggi, ancora in divenire.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Capitol o I POLIZIA. DEFINIZIONE E FUNZIONI 1.1 IL CONCETTO DELLA POLIZIA DI SICUREZZA E POLIZIA AMMINISTRATIVA, EVOLUZIONI NEL DIRITTO Una storia sulla polizia locale deve necessariamente partire dalla definizione del concetto di polizia, che si rende necessario per capire come essa si sia evoluta nel corso del tempo di pari passo con l’evoluzione della società, poiché la storia della polizia è da sempre connessa con la storia del potere pubblico. E nessun potere pubblico, sia esso legittimo o meno, può reggersi senza il monopolio dell’uso legale della violenza, il cui uso varia con il progredire della cultura civica e della democrazia. Oggi, in generale, il termine polizia individua la funzione dello Stato e di altri enti pubblici volta ad assicurare le condizioni di fatto per un ordinato e tranquillo vivere sociale. L’espressione polizia deriva dal greco politeia, ma tale termine, nel corso del tempo, ha individuato cose tra loro diverse. Nello Stato assoluto essa veniva dunque impiegata per indicare ogni intervento inteso al buon governo della comunità. In quest’accezione l’attività di polizia in sostanza corrispondeva all’intera attività amministrativa, ed essa aveva dunque un’estensione amplissima, potenzialmente indefinita, dato che vi rientrava praticamente ogni intervento inteso a tutelare e a promuovere il benessere della collettività. Nello Stato liberale ottocentesco questa nozione andò incontro a una prima ridefinizione. L’estensione che la nozione aveva in precedenza infatti non era coerente né con i nuovi assetti costituzionali improntati al principio della separazione dei poteri, che implicano limiti stringenti all’azione dell’esecutivo e dell’amministrazione, né con la connessa esigenza di tutelare la libertà dei cittadini da eccessive ingerenze statali. Venne quindi meno la coincidenza tra attività amministrativa e attività di polizia, e di questa seconda attività si affermò una nozione più ristretta, consistente in sostanza nelle limitazioni poste dalla pubblica amministrazione alla libertà dei cittadini a fini della tutela e della conservazione dell’ordinamento statale. Limitazioni che possono spiegarsi indifferentemente tramite ordini, divieti, sanzioni amministrative e permessi di svolgere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
urbani
polizia
locale
comunale
unità
carabinieri
provinciale
vigili
municipale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi