Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il country of origin nel processo di internazionalizzazione del brand. Il caso Mutti S.p.A

Uno dei capitali più importanti per un’impresa è intangibile.
Si parla del capitale di marca o Brand Equity.
Il concetto, introdotto per la prima volta nel 1980, suscita l’interesse di ricercatori e imprese appartenenti a ogni settore.
Tra i motivi di tale popolarità c’è sicuramente il fatto che la Brand Equity riveste un ruolo primario nel raggiungimento del vantaggio competitivo e che rappresenta un indicatore dello stato di salute del brand.
Per la gestione di questo asset, o meglio di questo set di asset, gli uomini di marketing devono conoscere gli elementi che lo costituiscono.
Costruire una brand equity forte è dunque una priorità per le imprese perché comporta un ampio numero di vantaggi come maggiore loyalty, sensibilità a fluttuazioni di prezzo, efficienza ed efficacia delle comunicazioni, margini più alti, minore vulnerabilità, opportunità addizionali per brand extension e licensing, possibilità di attrarre più investitori e lavoratori qualificati.
La Brand Equity, in estrema sintesi, dipende dalla conoscenza e dal comportamento dei consumatori in relazione al brand, è fondamentale perciò individuare e monitorare i fattori di influenza. Tra questi rientra la conoscenza del Paese di origine. Molti Paesi sono ormai noti per la loro tradizione in determinate categorie di prodotti o per una precisa immagine. L’identificazione del brand con il Paese di origine può quindi costituire un forte elemento di differenziazione. Il COO è, infatti, una caratteristica non-fisica del prodotto che agisce come segnale di qualità e influisce sulla percezione del rischio, l’intenzione di acquisto e la valutazione del prodotto e del brand da parte del consumatore. Gli studi dell’effetto COO sulla Brand Equity sono iniziati nel 1965 e assumono rilevanza in considerazione del fatto che negli ultimi trent’anni il commercio internazionale e la globalizzazione dei mercati sono aumentati in maniera considerevole.
Ciò da un lato ha permesso di rendere disponibile i brand di un Paese ai consumatori in altri Paesi dall’altro ha esacerbato la competizione tra gli operatori e la concorrenza all’interno del mercato.
Considerando quindi l’incremento dell’offerta, la presenza di consumatori sempre più esigenti e la facilità di imitazione, la differenziazione diventa una priorità per le imprese.
Un valido strumento per differenziarsi è il branding, cioè il processo sotteso alla creazione del brand.
Lo scopo del branding è infatti quello di creare differenze e comunicarle al consumatore consentendogli di discernere le diverse offerte all’interno di una certa categoria merceologica.
Per individuare le strategie di branding da attuare è indispensabile capire quali sono le fonti del valore del brand; in un contesto internazionale, inoltre, anche l’analisi della relazione tra COO e Brand Equity è funzionale a una gestione efficiente ed efficace del capitale di marca nonché a compiere opportune scelte in merito alle strategie di internazionalizzazione.
Per un’impresa che introduce il proprio brand in altri Paesi, comprendere come la propria offerta e il Paese di origine vengono percepiti dai mercati internazionali e prevedere la risposta degli stessi è una priorità innegabile.

METODOLOGIA
Il presente lavoro è stato svolto, principalmente, mediante l’ausilio di tre strumenti: una rassegna letteraria, l’analisi dei dati e dei documenti pubblicati on line da autorevoli riviste del settore e da società di consulenza aziendale, la conduzione di un’intervista e la somministrazione di un questionario all’ International Brand Manager della Mutti S.p.A.
La rassegna letteraria, basata su testi di economisti, docenti universitari e articoli pubblicati su riviste scientifiche, è stata funzionale alla stesura dei primi due capitoli. Ha consentito di verificare lo stato dell’arte, sui temi della Brand Equity e del COO, e di delineare un framework teorico di riferimento per l’intero elaborato.
L’analisi dei dati e dei documenti pubblicati on line, da autorevoli riviste del settore e da società di consulenza aziendale, è stata effettuata per la redazione della parte introduttiva relativa al caso studio Mutti S.p.A.
Ciò ha permesso di fornire delle informazioni di tipo quantitativo utili a offrire una panoramica del settore in cui opera l’azienda.
La conduzione dell’intervista e la somministrazione del questionario all’International Brand Manager della Mutti S.p.A., ha rappresentato un prezioso contributo per la compilazione della case history. Tramite la sua testimonianza e i documenti messi a disposizione, è stato possibile comprendere quali sono le strategie di branding attuate dall’azienda, per creare, sviluppare e sostenere la Brand Equity e per penetrare i mercati esteri, nonché indagare il ruolo che, nel processo di espansione internazionale del brand, ha il fatto di essere un’azienda italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Uno dei capitali piø importanti per un’impresa è intangibile. Si parla del capitale di marca o Brand Equity. Il concetto, introdotto per la prima volta nel 1980, suscita l’interesse di ricercatori e imprese appartenenti a ogni settore. Tra i motivi di tale popolarità c’è sicuramente il fatto che la Brand Equity riveste un ruolo primario nel raggiungimento del vantaggio competitivo e che rappresenta un indicatore dello stato di salute del brand. Per la gestione di questo asset, o meglio di questo set di asset, gli uomini di marketing devono conoscere gli elementi che lo costituiscono. Costruire una brand equity forte è dunque una priorità per le imprese perchØ comporta un ampio numero di vantaggi come maggiore loyalty, sensibilità a fluttuazioni di prezzo, efficienza ed efficacia delle comunicazioni, margini piø alti, minore vulnerabilità, opportunità addizionali per brand extension e licensing, possibilità di attrarre piø investitori e lavoratori qualificati. La Brand Equity, in estrema sintesi, dipende dalla conoscenza e dal comportamento dei consumatori in relazione al brand, è fondamentale perciò individuare e monitorare i fattori di influenza. Tra questi rientra la conoscenza del Paese di origine. Molti Paesi sono ormai noti per la loro tradizione in determinate categorie di prodotti o per una precisa immagine. L’identificazione del brand con il Paese di origine può quindi costituire un forte elemento di differenziazione. Il COO è, infatti, una caratteristica non-fisica del prodotto che agisce come segnale di qualità e

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Mattea Scarano Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4626 click dal 20/09/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.