Skip to content

Digital Acting: il lavoro dell'attore cinematografico nell'era digitale

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Rubino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Mariapaola Pierini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

La tesi in questione mette in evidenza la figura professionale dell'attore cinematografico in rapporto alla rivoluzione del cinema digitale e i suoi più recenti sviluppi. Pertanto, attraverso quattro capitoli viene approfondito il rapporto dell'attore con: ambiente (set ed effetti speciali, digital compositing); cattura digitale del movimento (Motion Capture); cattura digitale della performance e creazione di un personaggio virtuale (Performance Capture e Synthespian); training attoriale funzionale al tipo di pratica recitativa presa in analisi. Scopo ultimo della ricerca è una riflessione su come il mestiere dell'attore cinematografico sia cambiato negli ultimi anni e quali premesse per il futuro siano state introdotte dalle tecnologie del cinema digitale e dell'informatica. Riguardo il rapporto con il set e le scenografie, partendo da una ricostruzione storica delle tecniche analogiche di cancellazione e sostituzione degli sfondi (mascherini e Chroma Key), si è giunti ad analizzare come la tecnologia del digital compositing consenta, grazie al computer, di accedere a tali effetti speciali con estrema facilità e costi relativamente contenuti. Sono stati poi messi in rilievo i primi mutamenti importanti nella pratica recitativa derivati dall'abbandono dell'utilizzo della pellicola filmica e dal sostanziale incremento di effetti speciali da aggiungere in post-produzione. È stato pertanto sottolineato il rapporto dell'attore cinematografico con set che prevedono l'assenza di elementi determinanti per la scena, che sarebbero stati aggiunti in fase di post-produzione(GreenScreen). Nel secondo capitolo si indaga sulla ricerca, da parte del cinema d'animazione 3D, di maggior realismo nelle interpretazioni dei propri personaggi digitali, in particolare per ciò che concerne il loro movimento. La tecnica presa in esame è quella del Motion Capture, esaminando alcuni precursori, fino al primo caso: "Final Fantasy". Si è dunque sviluppata una parentesi dedicata al capturing nel settore videoludico. Nel terzo capitolo l'argomento principale diventa l'attore virtuale, in particolare allorché tale figura assurge al rango di Synthespian, e la tecnica del Performance Capture. Nell'ultimo capitolo si analizza la storia e l'utilizzo di alcune tecniche di base della preparazione attoriale, particolarmente atte alla recitazione nelle condizioni prese in analisi. Concludono la tesi alcune riflessioni su possibili sviluppi futuri della recitazione per il cinema digitale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'arte cinematografica ha sempre seguito di pari passo l'avanzare della tecnologia: ogni scoperta tecnologica ha portato a mutamenti anche radicali nel linguaggio cinematografico, basti pensare all'avvento del sonoro e del colore. E sin dai primordi si è compreso che l'immagine cinematografica poteva essere manipolata per ottenere effetti sorprendenti. Quando poi questo mezzo tecnologico, non ancora assurto al rango di Arte, cominciò ad essere utilizzato per narrare delle storie, si capì che gli “effetti speciali” potevano essere un importante ausilio alla narrazione, in particolare nel genere fantastico. Della storia e tecnica degli effetti visivi si è scritto e trattato abbondantemente, così come dell'evoluzione del linguaggio e dell'estetica cinematografica in parallelo al progresso tecnologico: pertanto, molto è stato detto su come sia cambiato, in più di un secolo, il mestiere del regista, del montatore e di tante altre figure professionali. Ma riguardo a come, e in che misura, le nuove tecnologie per l'immagine influiscano sul lavoro dell'attore cinematografico non si è riflettuto altrettanto. In particolare è con l’avvento del cinema digitale, che utilizza per le riprese delle telecamere digitali in HD senza alcun uso di pellicola, che riscontriamo una significativa svolta sia nella teoria che nella pratica del film-making. Sulla base di tali premesse vedremo come, in questo nuovo modo di fare cinema, sia in fase di produzione che post-produzione il ruolo e il lavoro dell’attore risultino ampiamente mutati. Partendo dai primi casi in cui gli effetti visivi digitali determinarono significative novità per la pratica attoriale sul set, con un uso della classica tecnica del Chroma Key sempre più frequente ed affinato, fino alla cancellazione totale della scenografia e talvolta anche dei costumi e make-up tradizionali, giungeremo ad analizzare i casi in cui il cinema digitale si è unito alle migliori tecniche di Computer Grafica nel trasferire l’ “anima” della performance attoriale a personaggi sintetici incredibilmente fotorealistici. Si parla di trasferimento giacché è stata provata l'inefficienza dei digital characters creati senza alcun contributo di veri attori in carne ed ossa, oppure limitandosi alla sola cattura dei movimenti del corpo. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi