Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prodotti cosmetici destinati alla protezione solare: caratteristiche, formulazioni ed interazioni con la pelle

La presente tesi si occupa di sottolineare l’interazione tra le radiazioni ultraviolette provenienti dal sole e la pelle, ponendo l’attenzione sulla funzionalità dei prodotti cosmetici destinati alla protezione solare e alla loro capacità di eliminare, o ridurre i possibili danni fotoindotti.
Una corretta e limitata esposizione solare favorisce nell’individuo molteplici benefici, come ad esempio, l’incremento della densità ossea attraverso la stimolazione della produzione di vitamina D e il miglioramento dello stato psicoemotivo dell’individuo.
Una eccessiva esposizione può causare nell’organismo effetti riconducibili alle caratteristiche tossiche e talvolta mutagene delle radiazioni solari.
I prodotti cosmetici sono in grado di proteggere l’organismo dagli effetti negativi indotti dal sole. Questi preparati sono costituiti da filtri solari, divisi in schermi fisici, formati da particelle inorganiche capaci di riflettere o diffondere le radiazioni nocive formando un vero e proprio schermo nei confronti delle radiazioni UV; e filtri chimici, formati da molecole in grado di assorbire in modo selettivo le radiazioni UV e rilasciarle sotto forma di energia meno pericolosa per la cute.
I prodotti solari, sono in grado di consentire un’esposizione al sole sicura, ma non priva di pericoli, in quanto la loro composizione è in grado di limitare i danni fotoindotti, ma non di eliminarli del tutto. Per godere dei benefici prodotti dal sole, limitando al minimo i rischi dovuti alla sua componente nociva, occorre una buona conoscenza dei pericoli e delle regole inerenti l’esposizione solare.
I prodotti solari sono oggetto di una normativa volta a garantire la massima sicurezza ed efficacia durante la produzione, inoltre queste norme sanciscono il modo corretto con cui questi preparati devono essere utilizzati al fine di garantire un’esposizione sicura ed efficacie al sole.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni l‟abbronzatura ha acquisito a livello sociale un significato molto importante riconducibile ai concetti di bellezza e benessere psico-fisico. Il sole, grazie alle sue radiazioni è in grado di attivare fenomeni altamente benefici per l‟organismo umano, capaci di indurre ad esempio l‟accrescimento della densità osseo grazie all‟induzione della sintesi della vitamina D e il miglioramento delle condizioni psicoemotive. Inoltre la consapevolezza degli effetti positivi indotti dall‟esposizione solare ha portato ad un maggior utilizzo delle radiazioni nella cura di patologie dermatologiche. Nonostante le caratteristiche positive indotte dal sole e una maggior ricerca dell‟abbronzatura l‟eccessiva e sregolata esposizione si rivela non priva di importanti e pericolosi rischi dovuti principalmente all‟interazione delle radiazioni con componenti propri dell‟organismo, causando importanti e talvolta complesse alterazioni. Le radiazioni ultraviolette provenienti dal sole sono considerate fattori esogeni in grado di destare preoccupazioni per la salute dell‟individuo. I danni fotoindotti possono essere classificati come acuti, descritti come manifestazioni visibili facilmente riconducibili ad un‟eccessiva esposizione solare che genera ustioni e scottature, indotti in maggior misura dalle radiazioni UVB e danni cronici, causati dalle radiazioni UVA che portano all‟alterazione di alcuni meccanismi molecolari in grado di portare all‟insorgenza di fenomeni complessi con uno sviluppo protratto nel tempo, come il fotoinvecchiamento cutaneo, la fotocarcinogenesi e la fotoimmunosoppressione. Il nostro organismo attraverso l‟apparato tegumentario sviluppa una serie di meccanismi capaci di fronteggiare i danni indotti dal sole. La cute, grazie alla sua complessità è in grado di svolgere molteplici funzioni implicate nel sostegno e nel mantenimento del corretto stato di salute. I meccanismi messi in atto per proteggere l‟organismo dalle radiazioni

Laurea liv.I

Facoltà: Farmacia

Autore: Marco Perrotta Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4544 click dal 27/09/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.